Cerca

Tota, Marolla e Orlando conquistano il tricolore

ANDRIA - Più che una sorpresa, è più giusto considerarla una conferma sul palcoscenico nazionale. L’Accademia Pugilistica Andriese continua la sua collezione di successi e medaglie in giro per lo stivale. L’ultimo exploit in ordine di tempo è arrivato di recente a Rimini in occasione dei campionati italiani di pugilato riservati alle categorie «schoolboys» e «junior»
Tota, Marolla e Orlando conquistano il tricolore
ANDRIA - Più che una sorpresa, è più giusto considerarla una conferma sul palcoscenico nazionale. L’Accademia Pugilistica Andriese continua la sua collezione di successi e medaglie in giro per lo stivale. L’ultimo exploit in ordine di tempo è arrivato di recente a Rimini in occasione dei campionati italiani di pugilato riservati alle categorie “schoolboys” e “junior”. Il sodalizio di Andria, la cui direzione tecnica è affidata ai maestri Pietro e Riccardo Sgaramella, si è presentato alla kermesse romagnola con quattro atleti e ha ottenuto altrettanti piazzementi sul podio: tre medaglie d’oro ed una di bronzo.
L’ambizione era quella di ben figurare e ritagliarsi uno spazio di prestigio in una manifestazione caratterizzata a contenuti tecnici elevati. L’Accademia Pugilistica Andriese è andata oltre ogni più rosea previsione e ha sfiorato un clamoroso en-plein. Strepitose sono state le performance dei più esperti Ciro Tota e Riccardo Marolla e della giovane promessa Giovanni Orlando, tutti capaci di cucirsi il tricolore sul petto. Tota ha vinto il titolo italiano nella categoria kg 75, Marolla si è imposto tra i 56 kg mentre Orlando ha sorpreso tutti con la conquista dello scudetto dei 50 kg. Non è riuscito a confezionare il colpaccio, invece, Ivan Paradies, in grado comunque di conquistare un ottimo terzo posto di caratura nazionale. Ovvia la soddisfazione dei tecnici dell’Accademia Pugilistica. “Ricevere i complimenti al termine della manifestazione dallo staff della federazione – ha ammesso Pietro Sgaramella – è stato per noi un motivo di gioia ed orgoglio”. [m.bor.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400