Cerca

Enel Brindisi, gran tris Gibson lascia il segno

BRINDISI - Piccolo record di Brindisi centrato: tre vittorie consecutive in Lega A, mai centrato nel corso delle esperienze vissute nel massimo campionato. Poi, la terza vittoria è di tutta la squadra anche se, individuando un uomo, la palma non può che essere assegnata a Jonathan Gibson, davvero stratosferico. È lui a trascinare il gruppo di coach Bucchi alla vittoria interna contro Montegranaro. Già la partenza è bruciante. Poi la gara si snoda senza particolari ansie. Finisce 97-78
Enel Brindisi, gran tris Gibson lascia il segno
Enel Brindisi-Sutor Montegranaro 97-78 

Enel Brindisi: Gibson 31 (5/8, 6/10), Reynolds 12 (2/4, 2/3), Viggiano 11 (3/4, 1/4), Robinson 16 (6/11), Simmons 4 (2/4); Grant 6 (2/2), Fultz 4 (2/4, 0/1), Formenti (0/1) Zerini 3 (1/3 da 3), Ndoja 10 (0/1, 2/4), Porfido n.e., Rosato n.e., Pacella n.e.. All. Bucchi.

Sutor Montegranaro: Steel 7 (3/5, 0/1), Cinciarini 13 (5/8, 0/1), Slay 11 (3/4, 1/2), Burns 27 (6/15, 4/5), Freimanis 4 (2/4, 0/1); Johnson 3 (0/2, 0/3), Di Bella 6 (3/7), Campani 1, Mazzola 6 (3/5, 0/1), Panzini, Perini n.e.. All. Recalcati.

ARBITRI: Lamonica, Aronne e Bartoli.

Parziali 26-24, 49-37, 70-58, 97-78.

note - Tiri liberi Ene 17//21 (81%), Sut 13/20 (65%); tiri da due Ene 22/39 (56%), Sut 25/50 (50%); tiri da tre Ene 12/25 (48%), Sut 5/14 (36%); Rimbalzi Ene 30 (Robinson 6), Sut 36 (Burns 12); Assist: Ene 23 (Reynolds 5), Sut 10 (Steele 4). Uscito per 5 falli: Cinciarini (85-72, 37’43”). Falli tecnici a Simmons, Cinciarini e Fultz. Spettatori: 3.500.


Brindisi - Piccolo record di Brindisi centrato: tre vittorie consecutive in Lega A, mai centrato nel corso delle esperienze vissute nel massimo campionato. Poi, la terza vittoria è di tutta la squadra anche se, individuando un uomo, la palma non può che essere assegnata a Jonathan Gibson, davvero stratosferico.

Partenza bruciante di Brindisi: 12-2 al 2’51”; risposta concreta dopo il time out di Montegranaro 16-16 al 7’40”; poi i marchigiani mettono il naso avanti con Burns (19-22), ma la risposta di Gibson è di quelle che non ammettono repliche. Il primo quarto va via e vede il Brindisi sopra di due punti (26-24). Gara divertente: si gioca a strappi, alla velocità che vuol mettere in campo Brindisi, risponde il rallentamento della Sutor, così al 15’ col punteggio sul 36-30 sono le difese a mettersi in mostra. E’ Zerini a mettere un po’ la museruola a Burns. Così Brindisi va sopra di 11 punti: 43-32 al 16’44”, dopo un bel canestro di Robinson. Altro timeout di Recalcati per mettere freno al quintetto di Bucchi che sembra voglia prendere il largo. Il secondo quarto si chiude con due punti di Viggiano (più concreto) che sulla rimessa di Fultz (bellissima prestazione soprattutto in difesa) vola fino al canestro della Sutor: 49-37. Vantaggio meritato visto che Brindisi tira con il 54% da 3 punti (7/13), mentre la Sutor (1/4) è bloccata sul 25%. In doppia cifre (13 punti) Gibson (2/4, 3/5) e Burns (5/10, 1/2).

Non è solo il punteggio al 25’ a premiare Brindisi (56-45) ma soprattutto l’intensità difensiva degli uomini di Bucchi nelle cui fila c’è un Jeff Viggiano all’altezza della situazione anche in chiave difensiva, soprattutto sotto le plance dove la lotta è davvero molto dura. Ad ogni modo, la Sutor con una difesa a tutto campo non molla; sono soprattutto Cinciarini e Burns a spingere ed a non farsi sopraffare, cercando sempre la penetrazione. Al 28’44” sono ancora 12 i punti di vantaggio di Brindisi (70-58) dopo la bomba di Ndoja che aveva anche rubato palla.

Ultimo quarto. Brindisi ha Fultz, Zerini Grant, Gibson e Ndoja: Sutor parte con Di Bella e Steele, Freimanis, Burns e Mazzola. C’è da spendere tutto e nessuno si risparmia. Sullo scoccare del 35’ Gibson fa saltare il suo pubblico in piedi con la seconda tripla consecutiva (83-69). Poi è tutto Gibson che in 5 secondi mette a segno gli ultimi quattro punti della serata.

Franco De Simone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400