Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 07:24

Basket, Liomatic cade Fatali gli ultimi cinque minuti

OMEGNA - Cinque minuti di fatale distrazione costano la sconfitta alla Liomatic Bari a Verbania, contro un'agguerrita Omegna. I ragazzi di Putignano giocano una gara discreta, ma pagano dazio alla poca lucidità nei momenti chiave del match.
Basket, Liomatic cade Fatali gli ultimi cinque minuti
OMEGNA - Cinque minuti di fatale distrazione costano la sconfitta alla Liomatic Bari a Verbania, contro un'agguerrita Omegna. I ragazzi di Putignano giocano una gara discreta, ma pagano dazio alla poca lucidità nei momenti chiave del match.
L'approccio dei biancorossi è ottimo e Barozzi fa subito 0-4, ma la Paffoni capovolge tutto in un amen e trova il primo vantaggio con le triple di Mariani e Tourè (6-4). Il tira e molla prosegue senza soluzione di continuità ed il vantaggio di Bari firmato dai liberi di Cardillo è più che mai illusorio (14-15 al 10').
Nel secondo quarto gli ospiti mantengono a lungo il controllo del punteggio, nonostante Omegna replichi colpo sul colpo: i distacchi sono sempre minimi, Cardillo timbra il +4 al 16' (22-26) ma la replica arriva nel finale, con Jovancic, Farioli e Villani, che realizzano l'ennesimo controsorpasso di giornata (27-26 al 18'). L'ultimo acuto prima della sirena è firmato da Bisconti (30-28).
Al rientro in campo l'impatto di Bari e subito convincente: Barozzi e Bonessio riportano i biancorossi avanti (30-32), qualcosa però si rompe nei meccanismi dei ragazzi di Putignano ed Omegna ne approfitta per prendere il largo: l'inerzia della partita è tutta a favore dei piemontesi, che vanno all'ultimo intervallo in vantaggio di sette lunghezze (49-42).
Saccaggi, Tourè e Paci sembrano indirizzare definitivamente la gara in direzione Omegna (57-48 al 34'), ma la Liomatic non molla e si rifa sotto con Bonfiglio e Cardillo (59-54 al 37'). Tourè riporta i suoi sul +7 (61-54), poi una grande giocata di Ruggiero consegna ancora un filo di speranza a Bari (61-57 a 90" dalla fine). Bisconti è glaciale dalla lunetta (61-59), Bonessio dà forma concreta al miracolo con altri due liberi (61-61).
Ma proprio sul più bello arriva la tripla di Villani a spezzare i sogni (64-61). Sul possesso seguente Farioli subisce fallo e fissa dalla lunetta il definitivo 66-61.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione