Cerca

Ecco due trasferte «Lecce, è la svolta  del campionato»

LECCE - Dopo il «rodaggio» in Coppa Italia, è pronto a tornare protagonista anche in campionato. Ledian Memushaj (nella foto) si è messo alle spalle l’infortunio subito alla vigilia della sfida di Lumezzane, poi rinviata, e torna disponibile per la doppia trasferta, di domani a Pavia e mercoledì a Lumezzane, recupero del match saltato causa neve. «Conosco il Pavia perché l'ho affrontato l'anno scorso. Le prossime due trasferte saranno fondamentali, secondo me sono tra le più difficili e se riusciremo a superarle saremo a buon punto del nostro cammino»
Ecco due trasferte «Lecce, è la svolta  del campionato»
LECCE - Dopo il «rodaggio» in Coppa Italia, è pronto a tornare protagonista anche in campionato. Ledian Memushaj si è messo alle spalle l’infortunio subito alla vigilia della sfida di Lumezzane, poi rinviata, e torna disponibile per la doppia trasferta, di domani a Pavia e mercoledì a Lumezzane, recupero del match saltato causa neve.

«Sto bene - conferma il centrocampista albanese - mercoledì scorso in coppa con l'Aprilia ho avvertito qualche problema solo nei primi dieci minuti, poi è filato tutto liscio, anche perché avevo saltato soltanto tre-quattro allenamenti».

Tanto è vero che contro l’Aprilia ha pure siglato uno dei cinque gol con cui i giallorossi hanno liquidato la pratica. «Eppure non era una partita facile - commenta Memushaj - ma siamo stati bravi ad incanalarla sulla strada giusta, nonostante la formazione rinnovata rispetto a quella solita. E questo vuol dire che chiunque va in campo non fa mai rimpiangere gli assenti. È la forza del gruppo, in Coppa come in campionato».

Il centrocampista è proiettato sulla prossima gara, da cui come sempre il Lecce capolista è obbligato a ottenere il massimo. «Conosco il Pavia perché l'ho affrontato l'anno scorso - premette il centrale - e non ha cambiato molto. È una squadra con un ottimo centrocampo ed un buon attacco, bisognerà stare molto attenti». Memushaj mette in guardia dal dormire sugli allori. «Le prossime due trasferte saranno fondamentali, secondo me sono tra le più difficili e se riusciremo a superarle saremo a buon punto del nostro cammino».

L’albanese non vuole fare calcoli, ma non gli dispiacerebbe tornare nel Salento con una vittoria e un pareggio. «Noi scendiamo sempre in campo per vincere, ma conquistare quattro punti non sarebbe un bottino da disprezzare. Giocare fuori casa non è mai semplice e in più quando gli avversari affrontano il Lecce tutti vogliono fare la partita dell'anno».

Non crede però che il tour de force, con tre partite in otto giorni tra Coppa e campionato, possa influire negativamente sul rendimento della squadra. «Non è un problema, ci alleniamo sempre al massimo e quindi possiamo gestire questi carichi di lavoro».

D’altra parte, il Lecce può compensare lo svantaggio degli incontri ravvicinati con automatismi che si perfezionano partita dopo partita. Ledian Memushaj sottolinea: «Rispetto alle prime giornate abbiamo migliorato sotto tanti punti di vista, ma soprattutto siamo più gruppo. All'inizio la vicenda del calcioscommesse ha pesato: perché non si sapeva in quale categoria avremmo giocato, chi sarebbe restato e chi no. Le vittorie, poi, hanno contribuito a darci forza e fiducia. Siamo diventati squadra e col passare delle giornate esprimiamo un calcio sempre migliore».

Oggi la partenza per pavia - Allenamento di rifinitura questa mattina al comunale di Squinzano prima della partenza per Pavia. Jeda sembra aver recuperato dall’infortunio ma è probabile che Lerda non voglia rischiare un suo impiego già domani. Filippo Falco, intanto, è stato convocato nella nazionale Under 20 di Lega Pro per il match Italia-Russia del 14 novembre a Frosinone, valevole per l'International Challenge Trophy. Se risponderà alla chiamata salterà Lumezzane. 

m.se.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400