Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 13:15

Cassano salta anche la Juve: non convocato

Per il presidente della Roma, Franco Sensi, il barese sta sbagliando e «forse un giorno lo capirà». Ricorda di avergli offerto un rinnovo contrattuale di 5 anni ad un importo che è il secondo in assoluto della storia del club. «Credo che forse il nostro tecnico gli stia modificando il carattere»
ROMA - Antonio Cassano e Christian Chivu non sono stati convocati per la gara contro la Juventus di sabato sera. Il giovane talento barese, dunque, salterà la gara contro i bianconeri; per il difensore rumeno, invece, il forfait è dovuto alla squalifica inflittagli a seguito dell'espulsione avvenuta, due giornate fa, durante Roma-Ascoli, gara poi vinta dai giallorossi per 2-1.
Il presidente Franco Sensi dà l'ennesimo assist al suo talento ribelle. «Se Cassano firmerà avremo un giocatore diverso, un professionista ritrovato. Il vero fuoriclasse» afferma il presidente giallorosso in un'intervista. Se invece non lo farà «sarà lui ad aver scelto di relegarsi ai margini della nostra storia, per ora e per sempre. Ma a Sensi e alla Roma dovrà dire comunque grazie».
Dopo averlo visto all'opera nella Primavera Sensi sembra però aver ritrovato qualche motivo in più per essere fiducioso. «Credo che forse il nostro tecnico stia forgiando il talento barese, modificandone il carattere».
Il n.1 giallorosso ribadisce che Cassano sta sbagliando e forse un giorno lo capirà. Ricorda di avergli offerto un rinnovo contrattuale di 5 anni «ad un importo che è il secondo in assoluto della storia della Roma e il primo in questo senso in rapporto all'età del calciatore». Cifre «imbarazzanti, fuori misura, non certo più in linea con il calcio di oggi». Il rifiuto dell'offerta «è un grave errore che Antonio prima o poi ammetterà di aver commesso, se lo conosco bene».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione