Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 01:52

Lega Pro, Lecce conclude a Trapani il «trittico» terribile

di MASSIMO BARBANO
LECCE - È un Lecce a gonfie vele, che sembra non dover avere ostacoli sia in campionato che in Coppa quello che si appresta ad affrontare nel posticipo di lunedì sera a Trapani la terza ed ultima di una serie di partite che sulla carta avrebbero potuto creare delle difficoltà. Ma, almeno finora, così non è stato a parte il pareggio di Como. «A Trapani ci aspetta una partita con molte insidie», sottolinea Andrea Esposito, «se vogliamo fare risultato non ci sono alternative, dobbiamo giocare sempre al massimo delle nostre possibilità. La nostra rosa è stata completata a campionato già iniziato, e con il passare delle giornate i nostri automatismi si stanno perfezionando in tutti i reparti, sono certo che anche a Trapani faremo una buona prestazione»
Lega Pro, Lecce conclude a Trapani il «trittico» terribile
di Massimo Barbano

LECCE - È un Lecce a gonfie vele, che sembra non dover avere ostacoli sia in campionato che in Coppa quello che si appresta ad affrontare nel posticipo di lunedì sera a Trapani la terza ed ultima di una serie di partite che sulla carta avrebbero potuto creare delle difficoltà. Ma, almeno finora, così non è stato a parte il pareggio di Como. «A Trapani ci aspetta una partita con molte insidie», sottolinea Andrea Esposito, «se vogliamo fare risultato non ci sono alternative, dobbiamo giocare sempre al massimo delle nostre possibilità. La nostra rosa è stata completata a campionato già iniziato, e con il passare delle giornate i nostri automatismi si stanno perfezionando in tutti i reparti, sono certo che anche a Trapani faremo una buona prestazione».

La difficoltà del campo siciliano non modifica l’atteggiamento del Lecce che ormai ha posto la sua candidatura a leader del campionato. «La Lega Pro per noi deve essere solo di passaggio», prosegue Esposito, «una parentesi che dobbiamo superare brillantemente. Questo non significa che sarà una passeggiata, ci vuole la mentalità giusta e fino a questo momento tutti i componenti della rosa stanno affrontando la stagione con umiltà e spirito di sacrificio anteponendo gli interessi della squadra a quelli dei singoli. È questa la mentalità che ci può consentire di vincere il campionato».

E lo stesso atteggiamento si è visto anche giovedì sera in Coppa Italia dove Andrea Esposito, il più anziano come militanza di una squadra molto rinnovata, ha indossato la fascia di capitano. «Indossare la fascia di capitano a Nocera è stato per me un grande onore», continua il difensore di Galatina, «quanto alla Coppa abbiamo dimostrato di voler andare avanti anche in questa competizione, anche perchè vincere le partite aiuta a formare una mentalità vincente».

Tutto sembra andare nel migliore dei modi in una stagione che non era nata sotto i migliori auspici, tanto da creare dei dubbi in molti, compreso Esposito che in estate era dato fra i possibili partenti. «Devo ammettere che quell’aria di incertezza che si respirava in estate mi ha creato dei dubbi. Le incognite erano tante e c’era anche la brutta botta della doppia retrocessione, ma, col passare del tempo, ho smaltito la delusione e nel frattempo la situazione societaria si è anche chiarita. Lecce per me è una scelta importante e fare parte di questo progetto mi rende orgoglioso. Il mio auspicio è quello di tornare a calcare palcoscenici importanti con il Lecce».

notiziarioIl Lecce continua ad allenarsi nel ritiro di Nocera in attesa del posticipo di lunedì sera a Trapani. Completamente recuperato Giacomazzi che potrebbe essere disponibile per la sfida in Sicilia. Questa mattina l’allenamento di rifinitura poi la partenza per Trapani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione