Cerca

Milan unico avversario della Juve dei record

I bianconeri hanno centrato la nona vittoria su nove partite dall'inizio del campionato. Vista la sconfitta dell'Inter in casa contro la Roma, lo scontro diretto nell'anticipo di sabato sera a San Siro diventa fondamentale per i rossoneri per fermare la squadra di Capello
MILANO - La nona vittoria iniziale consecutiva della Juve sulla volubile Sampdoria è già un record, ma adesso i bianconeri ne stanno progettando un altro, quello dei dieci successi non iniziali. Esso appartiene alla stessa Juve che lo stabilì nella stagione 1931-32, al Milan 1950-51 e al Bologna 1963-64. Ovviamente la squadra di Capello dovrà fare i conti con il Milan, sabato a San Siro. La squadra rossonera, per quanto un po' malandata a causa delle assenze, ha tenuto il passo della capolista e, dopo un gol di Vannucchi, ha imperversato con doppietta di Gilardino e un gol di Vieri (una rarità). La squadra di Ancelotti costituisce oggi l'unico vero ostacolo sulla strada dei campioni, vista la sconfitta e gli otto punti di distacco della Fiorentina, peraltro vittoriosa a Siena.
Finora nessuno era riuscito a tener testa ai campioni, figuratevi se poteva riuscirvi una Samp che aveva già mostrato dei limiti ad Ascoli e contro il Siena: una prestazione onesta, ma null'altro. Sul campo di un Empoli fresco e vivace, il Milan ha fatto valere la propria esperienza, nonostante le assenze, il turnover e l'incombente sfida con la Juventus, in programma sabato.
L'Inter, le cui ambizioni sembravano in rialzo, ha compiuto il primo passo falso casalingo perdendo dopo 11 anni a San Siro contro una bella Roma nel primo tempo. Adriano ha segnato nella ripresa due gol, ma non ha raddrizzato la partita. La squadra di Mancini non può sperare che chi la precede in classifica l'aspetti eternamente. Appena si profila all'orizzonte un avversario un po' titolato (Palermo, Juventus, la stessa Roma), i nerazzurri accusano delle defaillances non ammissibili per una squadra che parla di scudetto.
Gli uomini di Spalletti, dopo quattro risultati poco esaltanti, hanno ottenuto qualcosa di qualitativamente importante a San Siro: sul campo dell'Inter finora avevano perso tutti. Gol bellissimo di Totti, ma i giallorossi nella ripresa hanno rischiato. Quello di Siena era un derby molto importante sia per la rivalità regionale che per la classifica e le credenziali che le due squadre avevano presentate: attacchi atomici, cannonieri (Toni e Chiesa) emergenti, voglia di far bene.
Hanno vinto Toni e i viola, grazie anche ai problemi difensivi della squadra di De Canio che nelle ultime cinque partite ha beccato 12 gol. Toni, in gol subito e poi autore del raddoppio, con questa doppietta è a quota 11 gol e può davvero insidiare il record di Angelillo (33 gol), se continua così. C'era curiosità di sapere se quella di Lazio e Chievo fosse stata vera gloria, visto che i bancocelesti avevano vinto tutte le partite casalinghe e avevano raddrizzato il derby. I veneti, reduci da una bella serie di risultati ed etichettati come squadra-sopresa del primo scorcio di campionato, hanno sfiorato la vittoria: un discusso rigore di Oddo ha dato il pareggio agli uomini di Rossi che ci hanno messo una pezza nel finale. La Lazio ha dovuto mollare un punto a un avversario che sa lottare e giocare.
Il Palermo, a causa delle sue distrazioni difensive, aveva preso dieci gol nelle ultime quattro partite. In porta è finito così Andujar: ha vinto Zamparini. Andujar ha giocato bene be i tre gol di Bonanni, Mutarelli e Ferri hanno ridato fiducia ai rosanero deprimendo sempre più il Lecce. Corini e Terlizzi salteranno Udine, per squalifica.Giocare a porte chiuse e sul campo neutro di Ancona non è bello per nessuno, figuratevi per l'Ascoli che ha affrontato un'Udinese non in gran serata, ma capace di raddrizzare il risultato.
Il Messina è andato a Parma senza Zampagna e Iliev, squalificati. Eppure è riuscito a pareggiare: un punto d'ossigeno. Il Cagliari ha affrontato un Livorno in ripresa. Anche stavolta non ce l'ha fatta. Mazzarri ha dovuto schierare una Reggina priva di importanti titolari come De Rosa e Mesto, oltre agli infortunati. E ha perso male contro il Treviso, al primo successo, quest'anno. Brutta aria, a Reggio. Ora le squadre senza vittorie sono solo Cagliari e Messina. Insomma è stato un mercoledì movimentato. Gli anticipi di sabato Samp-Inter e Juve-Milan potranno chiarirci come si andrà avanti nelle prime posizioni.

Risultati della 9ª giornata del campionato di calcio di serie A

Ad Ancona: Ascoli-Udinese 1-1
a Cagliari: Cagliari-Livorno 1-1
a Empoli: Empoli-Milan 1-3
a Milano: Inter-Roma 2-3
a Torino: Juventus-Sampdoria 2-0
a Roma: Lazio-Chievo 2-2
a Palermo: Palermo-Lecce 3-0
a Parma: Parma-Messina 1-1
a Reggio Calabria: Reggina-Treviso 1-2
a Siena: Siena-Fiorentina 0-2.

Classifica della serie A dopo la 9ª giornata del campionato

Juventus 27 9 9 0 0 18 2
Milan 22 9 7 1 1 18 6
Fiorentina 19 9 6 1 2 20 11
Inter 18 9 6 0 3 18 8
Palermo 15 9 4 3 2 17 14
Chievo 15 9 4 3 2 12 9
Lazio 15 9 4 3 2 13 12
Livorno 15 9 4 3 2 9 10
Sampdoria 13 9 4 1 4 17 15
Udinese 13 9 4 1 4 11 11
Empoli 13 9 4 1 4 10 13
Roma 12 9 3 3 3 13 9
Ascoli 11 9 2 5 2 10 10
Siena 11 9 3 2 4 17 19
Reggina 6 9 2 0 7 9 15
Parma 6 9 1 3 5 8 17
Messina 5 9 0 5 4 8 15
Treviso 5 9 1 2 6 5 15
Cagliari 4 9 0 4 5 6 15
Lecce 4 9 1 1 7 5 17.

CLASSIFICA CANNONIERI

11 RETI: Toni (1 rig.) (Fiorentina).
7 RETI: Bonazzoli (Sampdoria); Chiesa (1 rig.)(Siena).
6 RETI: Tavano (Empoli).
5 RETI: Adriano, Cruz (Inter); Gilardino, Shevchenko (1 rig.)(Milan).
4 RETI: Fiore (Fiorentina); Trezeguet (Juventus); Rocchi (Lazio); C.Lucarelli (1 rig.) (Livorno); Caracciolo, Terlizzi (Palermo); Cozza (Reggina); Totti (1 rig.); Flachi (1 rig.)(Sampdoria); Locatelli (Siena).
3 RETI: Suazo (1 rig.)(Cagliari); Franceschini (Chievo); Del Piero (1 rig.), Vieira (Juventus); Pandev (Lazio); Pinardi (3 rig.)(Lecce); Makinwa (Palermo); Nonda (Roma); Di Michele, Muntari (Udinese).
2 RETI: Bjelanovic, Tosto (Ascoli); Amauri (1 rig.), D'Anna, Mandelli, Obinna (Chievo); Almiron (Empoli); Bojinov (Fiorentina); Martins (Inter); Camoranesi, Mutu (Juventus); Oddo (2 rig.)(Lazio); Palladino (Livorno); Di Napoli, Zoro (Messina); Kakà, Maldini (Milan); Corini (1 rig.)(Palermo); Simplicio (Parma); Cavalli, Missiroli (Reggina); Volpi (1 rig.)(Sampdoria); Fava (Treviso).
1 RETE: Cariello, Comotto (1 rig.), Cudini, Ferrante, Fini, Foggia (Ascoli); Capone, Esposito (Cagliari); Pellissier (Chievo); Pozzi, Vannucchi (Empoli); Donadel, Pazzini (Fiorentina); Cambiasso, Cordoba, Materazzi, Recoba, Samuel, Stankovic (Inter); Ibrahimovic, Nedved, Zalayeta (Juventus); Zauri (Lazio); Ledesma, Konan (Lecce); Galante, Melara, Morrone (Livorno); Donati, Muslimovic, Zampagna (1 rig.)(Messina); Ambrosini, Gattuso, F.Inzaghi, Vieri (Milan); Bonanni, Ferri, Gonzalez, Mutarelli (Palermo); Bresciano, P.Cannavaro, Corradi, Delvecchio, Grella, Pisanu (Parma); Ceravolo, Tedesco (Reggina); De Rossi, Mancini, Montella, Panucci, Taddei (Roma); Borriello, Diana, Gasbarroni, Tonetto (Sampdoria); Bogdani, Colonnese, Negro, Tudor, Vergassola (Siena); Beghetto, Parravicini, Pinga (Treviso); Jorgensen, Iaquinta (1 rig.), Vidigal (Udinese).
AUTORETE: Bertotto (Udinese pro Siena).

PROSSIMO TURNO
10ª GIORNATA - 30/10 - ORE 15

Sampdoria - Inter (29/10) ore 18
Milan - Juventus (29/10) ore 20.30
Chievo - Empoli
Fiorentina - Cagliari
Lecce - Messina
Livorno - Parma
Reggina - Lazio
Roma - Ascoli
Treviso - Siena
Udinese - Palermo ore 20.30

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400