Cerca

Puglia di nuovo rosa  ritorna il Giro d’Italia

di ANTONIO GALIZIA
MOLA - Una grande vetrina turistica, una opportunità unica per una città che non nasconde la propria ambizione di proporsi quale punto di riferimento balneare del Basso Adriatico. Questo rappresenta per Mola di Bari la probabile individuazione della città quale sede di una tappa del prossimo Giro d’Italia di ciclismo (4-26 maggio), la kermesse sportiva giunta alla 96esima edizione. Manca ancora l’ufficialità, ma potrebbe esserci anche Mola tra le città sede di tappa della corsa rosa. L’unica notizia certa che trapela da Palazzo di Città è che il Comune ha incontrato gli organizzatori, ha formalizzato la propria candidatura
Puglia di nuovo rosa  ritorna il Giro d’Italia
di Antonio Galizia

MOLA - Una grande vetrina turistica, una opportunità unica per una città che non nasconde la propria ambizione di proporsi quale punto di riferimento balneare del Basso Adriatico. Questo rappresenta per Mola di Bari la probabile individuazione della città quale sede di una tappa del prossimo Giro d’Italia di ciclismo (4-26 maggio), la kermesse sportiva giunta alla 96esima edizione.

Manca ancora l’ufficialità, ma potrebbe esserci anche Mola tra le città sede di tappa della corsa rosa. L’unica notizia certa che trapela da Palazzo di Città è che il Comune ha incontrato gli organizzatori, ha formalizzato la propria candidatura curandone ogni dettaglio e il 30 settembre, giorno della presentazione del percorso, gli amministratori comunali, sindaco Diperna in testa, sono stati convocati a Milano. Mancherebbe, dunque, solo l’ufficialità. La notizia del possibile arrivo della carovana, da qualche giorno ha fatto il giro della città. Bocche cucite e dita incrociate a Palazzo di città. «Radio corsa» dice però che Mola avrebbe grosse possibilità in questo Giro che riscopre il Sud: con ogni probabilità, il percorso che verrà svelato domenica alle 12,30 nello Spazio «Pelota» a Milano, tornerà a includere la Puglia nella corsa «rosa».

Trapelano anche i primi dettagli organizzativi. L’arrivo della carovana sarebbe previsto per il 9 o il 10 maggio. Dopo la partenza che avverrà, com’è noto, da Napoli il 4 maggio, il Giro scenderà fino all’estremo Sud per proseguire in Calabria a Guardia Piemontese e alle Terme Lunigiane. Poi dovrebbe partire, il 7 o l’8 maggio, da Cetraro in provincia di Cosenza, per arrivare in provincia di Catanzaro o di Reggio Calabria. Il 9 maggio cornice della tappa dovrebbe essere l’Alto Jonio. L’arrivo a Mola avverrebbe il 9 o il 10 al termine della tappa più lunga (oltre i 200 chilometri). Dunque a meno di ripensamenti dell’ultima ora dovrebbe essere fatta.

Il passaggio del Giro d’Italia ha da sempre rappresentato per le città una festa, per i più piccoli ma anche per i più grandi. Il ritrovarsi ai bordi della strada aspettando la carovana. Un’attesa di ore per pochi secondi di ciclismo, questo è lo scenario delle tappe in linea, dove difficilmente il gruppo si fraziona in più plotoni. Ma il Giro è comunque una vetrina importante, un’atmosfera da vivere. Il ciclismo accomuna tutti ed in una terra ospitale come Mola e il Sud Barese riceverà sicuramente l’accoglienza che merita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400