Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 16:01

Lega Calcio, sancita la separazione tra la A e la B

La mutualità per i prossimi 9 anni prevede che nei primi tre la B riceverà 95 milioni di euro, per i successivi sei 65 milioni. Zamparini: «In un mese e mezzo dovrebbero nascere due nuove leghe con la nomina di presidenti e direttivi». Il Tar del Lazio ha deciso: serie B alle 16
MILANO - Il calcio cambia o almeno ci prova. Oggi, dopo un tira e molla che dura da diversi mesi, la Lega Nazionale Professionisti ha sancito la propria divisione. Non ci sarà più una Lega di serie A e B, ma due Leghe diverse. «E' stata una giornata epocale per la lega Calcio non ci credevo, sono contentissimo di quanto ottenuto», ha dichiarato Zamparini lasciano gli uffici di via Rosellini. «Abbiamo sancito la mutualità dalla A alla B per i prossimi 9 anni. Per i primi 3 la B riceverà 95 milioni di euro, per i successivi sei 65 milioni - continua Zamparini -. In un mese e mezzo poi dovrebbero nascere queste due nuove leghe con la nomina di due presidenti, uno per la A e uno per la B, e dei direttivi. Adesso sarà tutto molto più semplici perché gli interessi della A saranno solo della A, quella di B solo della B».

Intanto, Il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi della Lega calcio contro le ordinanze dei sindaci di Terni, Piacenza e Bergamo. I primi cittadini delle tre città autorizzavano in pratica le partite non prima delle ore 19 del sabato e da lunedì al venerdì dopo le 20. Pertanto Ternana-Torino, Piacenza-Cesena e Albinoleffe-Avellino si giocheranno alle ore 16.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione