Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 11:38

Ginnastica ritmica - Falca, oro e argento mondiali

La molfettese, insieme con le compagne azzurre, grazie a una prova straordinaria per esecuzione, valore tecnico e artistico, mette in fila Russia e Bielorussia nell'esercizio con tre cerchi e due clavette e sale sul gradino più alto del podio dopo l'argento nei 5 nastri dietro la Bulgaria
BAKU - La squadra azzurra, con una prova straordinaria per esecuzione, valore tecnico e artistico, mette in fila Russia e Bielorussia nell'esercizio con tre cerchi e due clavette e sale sul gradino più alto del podio mondiale di ritmica. Elisa Blanchi, Fabrizia D'Ottavio, Marinella Falca, Daniela Masseroni, Elisa Santoni e Laura Vernizzi si liberano del fardello di eterne seconde, dopo l'argento ad Atene, quello di venerdì scorso nel completo e l'ultimo di oggi nei 5 nastri, dietro una sorprendente Bulgaria.
Salite in pedana per ultime in entrambe le specialità, le azzurre con un 14.150, pur annichilendo le eterne rivali della Russia (13.900), si erano dovute accontentare, di nuovo, della piazza d'onore ai nastri, per l'inatteso exploit della Ranguelova e compagne, che con un 14.475 portavano in Bulgaria il primo oro. Poi il capolavoro: con un 15.675 balzavano in testa alla classifica dei cerchi e clavette, fino ad allora dominata dal solito duo composto da Russia (15.150) e Bielorussia (14.825). Un muro invalicabile, se si conta anche il momentaneo terzo posto di una Bulgaria (14.600) euforica, che la Santoni e le altre azzurre hanno superato con la sicurezza delle campionesse del Mondo.
L'Italia torna dunque dall'Azerbaigian con un bottino complessivo di tre medaglie (un oro e due argenti) della squadra - che ci colloca al secondo posto, insieme alla Bulgaria, nel medagliere per nazioni - e con il confortante 14/o posto della Cantaluppi nella finale individuale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione