Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 05:30

«Calcio Under 21» Debacle azzurrini Irlanda vince 4-2

CASARANO - Una disfatta che lascerà il segno solo negli annali. L’Italia under 21, già qualificata al play-off degli Europei di categoria, esce sconfitta sul campo di Casarano per 4-2 contro i pari età irlandesi, capaci di terminare l'impresa addirittura in nove uomini. Un incontro rovinato anche dalla doppia sospensione per un black-out all’impianto di illuminazione di Casarano. E che resterà nella storia perchè la under 21 perde, dopo quasi dieci anni, l’imbattibilità casalinga
Mangia: è mia la responsabilità della sconfitta
«Calcio Under 21» Debacle azzurrini Irlanda vince 4-2
ITALIA U.21 (4-4-2): Perin 5; Caldirola 6, Crescenzi 5.5, Faraoni 5.5, Masi 5; Sala 5.5 (1'st Viviani 5.5), Marrone 5 (24'st Laribi 5.5), Rossi 6, El Shaarawy 5.5; Gabbiadini 5, Immobile 5.5 (13'st De Luca 5.5). In panchina: Colombi, Donati, Capuano, Crimi, De Luca. Allenatore: Mangia 5.5. 
IRLANDA U.21 (4-4-1-1): MacCarey 7; Doherty 6.5, White 6.5, Williams 5, Egan 6; Carruthers 6.5, O'Kane 6, Henderson 7, Murray 6.5; Doran 7.5; Forde 5. In panchina: McLoughlin, Kiernan, Smith, Towell, O'Sullivan. Allenatore: King 7. 

ARBITRO: Kruzliak (Svk) 6. 
RETI: 23'pt Murray, 35'pt Caldirola; 12' e 31'st Doran, 14'st Henderson, 43'st El Shaarawy. 
NOTE: serata calda, terreno in discrete condizioni, spettatori 8.000. Ammoniti: Masi, Faraoni, Forde, White, McCarey. Espulsi: al 37'pt Williams per gioco scorretto, al 38'st Forde per doppia ammonizione. Al 38'pt MacCarey para un rigore a Immobile. Angoli: 10-2 per l’Italia. Recupero: 2', 1'. L’incontro è stato sospeso per due volte a causa di un black-out all’impianto di illuminazione dello stadio di Casarano. 

--------------------------------------
Una disfatta che lascerà il segno solo negli annali. L’Italia under 21, già qualificata al play-off degli Europei di categoria, esce sconfitta sul campo di Casarano per 4-2 contro i pari età irlandesi, capaci di terminare l'impresa addirittura in nove uomini. Un incontro rovinato anche dalla doppia sospensione per un black-out all’impianto di illuminazione di Casarano. E che resterà nella storia perchè la under 21 perde, dopo quasi dieci anni, l’imbattibilità casalinga (nel novembre del 2002 la Turchia si impose in amichevole per 3-0). Rispetto alla scorpacciata fatta col Liechtenstein (7-0), il ct Mangia manda in campo una Nazionale diversa per otto undicesimi. 

Davanti al portiere Perin torna capitan Caldirola dopo aver scontato una squalifica che stavolta lascia a casa Florenzi; Sala e Rossi formano l’ossatura del centrocampo, El Shaarawy ha il compito di agire sull'out per rifornire le due punte di ruolo, Gabbiadini ed Immobile. Mangia pretende dai suoi il massimo ma è logico che, con la pancia piena, la fame viene meno. E così, pur senza incricare le braccia, gli azzurrini non brillano, almeno per metà primo tempo. È allora l’Irlanda a rompere il ghiaccio al 22': Murray scatta in contropiede, arriva al limite e si esibisce in un pallonetto vincente. L’Italia non ha una reazione violenta ma almeno si scuote e, per il pari, bisogna attendere il 35': El Shaarawy calcia un corner sul secondo palo, Caldirola stacca e sigla l’1-1. Al 38', poi, ecco l’occasione d’oro per completare il ribaltone. Immobile imposta e si ritrova a tu per tu con McCarey, Williams lo stende sul più bello e lo slovacco Kruzliak indica il dischetto: rigore ed espulsione del centrale britannico. Lo stesso attaccante del Genoa si incarica della battuta ma il pallone finisce placido tra le braccia di McCarey, provvidenziale al 41' su un’inzuccata ravvicinata di Gabbiadini.  

Nella ripresa c'è spazio prima per Viviani e poi per De Luca ma l'Italia non riesce a sfruttare la superiorità numerica. Non solo. L’Irlanda non ci sta e, in un paio di minuti, mette praticamente in ginocchio Faraoni e compagni. Al 12' Doran si invola tutto solo per vie centrali e per Perin c'è poco da fare. Al 14' Henderson, dai 35 metri, prende la mira e di sinistro infila il sette. Un uno-due incredibile, al quale segue un problema all’impianto di illuminazione dello stadio che lascia tutti al buio. Circa 25 minuti di stop e poi per fortuna si riprende. L’Italia sembra riaccendersi, El Shaarawy esalta le doti del portiere britannico ma a spegnerla definitivamente, al 31', è ancora Doran, che salta Masi e sigla il definitivo 4-1. L’Irlanda resta in nove per la doppia ammonizione a Forde e, a tre minuti dal novantesimo, salta ancora l’illuminazione dell’impianto. Nervosismo in campo, si riprende ed El Shaarawy accorcia sul 4-2 per rendere meno traumatico un ko che, per fortuna, non avrà conseguenze pratiche sul cammino europeo degli azzurrini. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione