Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 23:23

Us Open, trionfo  per Errani e Vinci nel doppio di tennis

NEW YORK - Roberta Vinci e Sara Errani si aggiudicano il torneo di doppio agli Us Open, quarto e ultimo Slam della stagione in corso sui campi in cemento di Flushing Meadows. Le due azzurre, da domani al primo posto del ranking Wta di doppio, hanno superato in finale le ceche Andrea Hlavackova e Lucie Hradecka per 6-4 6-2 conquistando il secondo Slam stagionale dopo il Roland Garros. Sara Errani e Roberta Vinci scrivono un’altra pagina di storia e dopo la finale persa all’Australian Open e il titolo conquistato al Roland Garros arricchiscono il loro personale palmares di coppia portando a casa l’Us Open. Una finale senza storia, con le due azzurre che asfaltano 6-4 6-2 le ceche, teste di serie numero 3. Strepitosa la prova della tarantina, che sul proprio servizio non sbaglia mai completando l’opera nel primo set con un serve&volley da manuale. (Nella foto la coppia italiana dopo la vittoria)
Us Open, trionfo  per Errani e Vinci nel doppio di tennis
NEW YORK  – Da domani saranno le numero uno del mondo e non c'era modo migliore per festeggiare un traguardo strameritato. Sara Errani e Roberta Vinci scrivono un’altra pagina di storia e dopo la finale persa all’Australian Open e il titolo conquistato al Roland Garros arricchiscono il loro personale palmares di coppia portando a casa l’Us Open. Una finale senza storia, con le due azzurre che asfaltano 6-4 6-2 le ceche Lucie Hradecka e Andrea Hlavackova, teste di serie numero 3. Strepitosa la prova della tarantina, che sul proprio servizio non sbaglia mai completando l’opera nel primo set con un serve&volley da manuale. 

Il secondo parziale è quasi una formalità, ipotecato con il break ottenuto sul 4-2 a quindici e poi sigillato ancora una volta dalla Vinci al servizio. Le due azzurre, che già in singolare avevano mostrato il loro grande stato di forma (Errani in semifinale dopo aver battuto nei quarti proprio la tarantina), diventano la prima coppia tutta italiana sul tetto del mondo, dopo che Flavia Pennetta era arrivata in vetta in compagnia dell’argentina Gisela Dulko. 

Il successo di oggi corona dunque una stagione da sogno, che le ha viste trionfare anche a s'Hertogenbosch, Roma, Madrid, Monterrey, Acapulco e Barcellona. 

Quando la Hlavackova spara a rete il dritto che vale il titolo di doppio degli US Open. Roberta e Sara si guardano, lanciano un grido al cielo e le racchette per terra. Si girano verso l’angolo dove ci sono i rispettivi allenatori e inscenano (soprattutto la tarantina che sembra fuori di sé) una danza che è una via di mezzo tra una macarena e la haka dei giocatori neozelandesi di rugby. Cos’era che facevate? Chiede il conduttore nel corso della cerimonia di premiazione. «Come si dice tormentone in inglese?» chiede Roberta a Sara col microfono in mano. «Si fa così: petto-dita-mano, petto-dita-mano» mostra a tutti tra il divertimento del Louis Armstrong Stadium.

La 53ma vittoria insieme in questa stagione (sole 10 sconfitte), la sesta a Flushing Meadows e perdendo un solo set, scatena tutta la voglia di festeggiare delle due amiche che pochi giorni prima si erano affrontate in un diabolico scontro fratricida per un posto nella semifinale di singolare poi vinto dalla Errani su una tesissima Vinci. E la bolognese sembra quasi volersi scusare quando le ricordano che a partire da oggi sarà la nuova numero 1 del mondo in doppio, con gli stessi punti della Vinci ma con il diritto al primato per via di un particolare calcolo di punteggio su un torneo giocato lo scorso anno con una compagna diversa. «No, siamo numeri uno insieme, non solo io - dice Sara - perché abbiamo giocato insieme e perché abbiamo giocato bene. Siamo amiche e ci divertiamo giocando, penso che sia questa la cosa più importante».

Un attimo prima Robertina aveva risposto alla domanda che le chiedeva quale fosse il segreto di questa stagione incredibile le cui basi erano già state poste l’anno scorso, con tre titoli portati a casa. «Forse è perché siamo tanto amiche - spiega la 29enne tarantina -. Si, abbiamo giocato un anno incredibile, abbiamo vinto il secondo Slam e siamo contentissime. Ma voglio complimentarmi anche con Lucie e Andrea (le avversarie ceche, ndc) perché hanno giocato un grandissimo torneo». Le quali, da parte loro, non possono che dire che «le italiane hanno giocato benissimo, noi abbiamo cercato di dare il massimo e di giocare quanto meglio potevamo». E poi quello sguardo rivolto alle tribune da parte di Roberta Vinci: «grazie al pubblico, agli sponsor e agli allenatori. E grazie a Sara» chiude dandole un bacio. Non poteva non finire così dopo quella strana e surreale sfida di quarti di finale che aveva posto come avversarie l’una di fronte all’altra le due «sorelle» della coppia italiana più forte di sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione