Cerca

Lecce, Baldini si presenta: «Il male è nella testa»

Il nuovo allenatore dei salentini, che sostituisce l'esonerato Gregucci: «Il mio primo compito è quello di trasformare questa squadra che scende in campo con molta paura: mentalmente è un Lecce che lascia molto a desiderare». Domenica al Via del Mare sarà di scena il Cagliari • Il commento
LECCE - Per il nuovo allenatore del Lecce, Silvio Baldini, l'accordo è stato sottoscritto nella tarda serata di ieri a Roma e prevede un impegno biennale. Con Baldini arrivano a Lecce l'allenatore in seconda Gianluca Atzori e il preparatore atletico Alberto Bartali. E' stato reso noto in un incontro con i giornalisti tenuto nel primo pomeriggio nello stadio di Lecce dal nuovo tecnico, appena giunto dalla capitale con l' amministratore delegato Flavio Fenucci e il direttore sportivo Carlo Regalia. Tanto Fenucci che Regalia hanno manifestato il rammarico per l'esonero di Gregucci, determinato - hanno detto - dalle circostanze che si erano create: entrambi hanno sottolineato la professionalità del tecnico.

«Sono stato chiamato a Lecce nello stesso modo in cui mi chiamarono ad Empoli in serie B quando la squadra era ultima. Quella volta ci salvammo e l'anno dopo andammo in A. Spero che successi importanti possano ripetersi anche con il Lecce». Silvio Baldini si presenta così in qualità di nuovo allenatore della squadra salentina, precisando di aver firmato un contratto di due anni e dunque di avere la possibilità di portare avanti un progetto. Baldini arriva nel Salento con il vice Gianluca Atzori ed il preparatore atletico Alberto Bartali. «Il mio primo compito -ha detto ancora nella conferenza stampa di presentazione - è quello di trasformare questa squadra che scende in campo con molta paura: mentalmente è un Lecce che lascia molto a desiderare. Ho visto due gare, quella di Milano contro l'Inter ed il primo tempo contro l'Empoli: tutte e due le volte mi sono convinto che sotto l'aspetto tecnico può fare molto ma sotto il profilo psicologico è molto fragile. In questi giorni che mi separano dalla gara contro il Cagliari il mio compito sarà di caricare la squadra sotto il profilo psicologico». Baldini si è detto per nulla preoccupato dalla situazione societaria del Lecce: «Se vendono o meno la società a me non interessa, io devo soltanto portare avanti un progetto di salvezza e basta».

«Baldini è stato l'unico allenatore che abbiamo contattato». Lo ha detto il direttore tecnico del Lecce, Carlo Regalia, nel corso della presentazione del nuovo tecnico Silvio Baldini: «Abbiamo individuato il suo nome all'unanimità e siamo molto contenti che abbia accettato questo incarico. A lui il buon lavoro da parte nostra. Voglio anche io ringraziare Angelo Gregucci: un ragazzo che ho avuto giocatore nella Lazio e che ho visto lavorare qui da allenatore. Confermo il mio giudizio di valore: è un professionista serio, di grandi qualità che sono certo dimostrerà nel tempo, in occasioni più fortunate rispetto a quella vissuta qui. Una decisione quella del suo esonero dovuta alle circostanze che hanno fatto decidere per una svolta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400