Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 13:52

Ciclismo - Boonen, volata mondiale

Il belga è il nuovo campione del mondo di ciclismo su strada. Si è imposto allo sprint. Alle sue spalle si è piazzato lo spagnolo Belmonte Valverde, mentre il terzo posto è andato al francese Geslin. Per gli italiani, il migliore all'arrivo è stato Bettini, tredicesimo
MADRID (SPAGNA) - Tom Boonen è il nuovo campione del mondo di ciclismo su strada. Il belga si è imposto allo sprint in 6 ore 26 minuti e 10 secondi con una media di 42,416 Km/h. Alle sue spalle si è piazzato lo spagnolo Alejandro Belmonte Valverde; mentre il terzo posto è andato al francese Anthony Geslin. Per gli italiani, il migliore all'arrivo è stato Paolo Bettini, tredicesimo, mentre Alessandro Petacchi ha chiuso 35° a 25" dal vincitore.
Letta così, la corsa iridata sarebbe deludente per i colori azzurri, ma alla luce di quanto è successo lungo i 270 chilometri sul circuito madrileno, forse, è stata una vera Caporetto. Come già successo in altre edizioni, in casa italiana non si è saputo scegliere il corridore sul quale puntare. Alessandro Petacchi, grande interprete del «colpo di reni» sembrava poter puntare alla maglia iridata, ma in casa Italia dovevano sapere che lo spezzino non era in condizione, visto che tutta la giornata di ieri l'ha passata a tossire e sottoporsi a sedute di aerosol per via della sinusite che l'affliggeva.
Ecco quindi che, con tutta la squadra a far da «chioccia» a Petacchi, c'era un Paolo Bettin in grande forma pronto a scatti, controscatti, attacchi e sempre lì nei gruppetti che provavano a prendere qualche manciata di secondi di vantaggio. Sempre da solo, senza nessun supporto, Bettini ha trascinato un gruppetto di una dozzina di ciclisti ad una trentina di chilometri dall'arrivo.
Nell'ultimo giro ha provato l'attacco decisivo all'ultima asperità prima del traguardo. Il campione olimpico ha ripreso il kazako Vinokurov ed insieme all'olandese Boogerd ha tentato di arrivare al rettifilo d'arrivo con un centinaio di metri di vantaggio sul primo gruppetto di inseguitori dove c'erano Erik Zabel e soprattutto il belga Tom Boonen. Petacchi, senza respiro era ad una trentina di secondi indietro e, solo in quel momento ha gettato la spugna, chiedendo alla squadra di dare una mano a Bettini. Ma, ormai, era troppo tardi.
I tre fuggitivi venivano ripresi agli ultimi 400 metri, con los tatunitense Guido Trenti, compagno di team di Boonen alla Quick Step che tirava il gruppo dei primi inseguitori, consentendo a Boonen di rientrare e quindi vincere allo sprint il suo primo titolo iridato. Boonen aiutato da un italo-americano, mentre lo squadrone azzurro affonda dietro ad una tattica sbagliata, non dando fiducia al suo uomo in migliore condizione.

Questo l'ordine d'arrivo della prova individuale su strada professionisti dei Mondiali di ciclismo a Madrid

1. Tom Boonen(Bel/ Quick-Step) 6h26'10"
2. Alejandro Valverde(Spa) s.t.
3. Anthony Geslin (Fra) s.t.
4. Marcus Ljungqvist(Sve) s.t.
5. Murilo Fischer(Bra) s.t.
6. Jakob Piil(Dan) s.t.
7. Alexandr Kolobnev(Rus) s.t.
8. Andreas Klier(Ger) s.t.
9. Julian Dean(Nzl) s.t.
10. Martin Elmiger(Svi) s.t.
11. Janez Brajkovic (Slo) s.t.
12. Steffen Wesemann (Svi) s.t.
13. Paolo Bettini (Ita) s.t.
14. Gregory Rast (Svi) s.t.
15. Thomas Dekker (Ola) s.t.
16. Constantino Zaballa (Spa) s.t.
17. Koos Moerenhout (Ola) s.t.
18. Michael Boogerd (Ola) s.t.
19. Laurent Brochard (Fra) s.t.
20. Gorazd Stangelj (Slo) s.t.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione