Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 12:10

Formula 1 - Todt se la prende col grip

Ci sarebbe un problema di aderenza all'asfalto. Nel 2006 è previsto un nuovo cambio del regolamento: farà bene alla Ferrari? Il francese: «Non sarà così diverso. Almeno per le gomme: il treno sarà sempre unico. La modifica grossa sarà sul motore»
MARANELLO (MODENA) - Jean Todt ha rivissuto a Monza lo stesso dramma personale che aveva provato dopo la brutta gara a Istanbul: «Potrei ripetere le stesse parole che dissi dopo il Gp di Turchia. Identiche. E' stata una prestazione deludente. Anzi, dolorosa, la stessa parola che usai due settimane fa. E' la parola che contiene gli stessi motivi di delusione di 15 giorni fa».
Sì, perché la Ferrari si aspettava di fare meglio, molto meglio davanti al pubblico italiano: «Alla luce dei risultati delle prove private, pensavamo di poter fare un risultato migliore, di poter essere nei primi sei. Invece Barrichello è arrivato 12°, quando poteva arrivare ottavo e prendere un punto. Quello era l'obiettivo, prendere uno o due punti. Non c'è riuscito per la foratura di una gomma. Schumacher stava invece lottando con Button quando ha perso la vettura (venendo superato da Massa e finendo decimo, ndr). Anche se alla fine dei conti non è che sarebbe cambiato molto. Ci tocca vivere una stagione difficile».
E infatti «i nostri obiettivi sono diminuiti. Adesso il terzo posto di Schumacher tra i piloti ci starebbe bene ma non sarà facile perché c'è una pressione forte su Michael da altri piloti per quella posizione. Anche tra i costruttori. Bisogna essere realisti. Tra una settimana a Spa ci siamo ma non c'è niente che ci possa far pensare di poter cambiare la situazione. Andiamo in Belgio per dare il massimo e questo vuole dire entrare in zona punti. Piuttosto mi auguro che il tanto lavoro che abbiamo fatto tutta la stagione con la Bridgestone ci porti dei miglioramenti per le ultime tre gare. E' questo l'obiettivo».
Per il 2006 ci sarà un nuovo cambio del regolamento. Farà bene alla Ferrari? «Non cambia molto, non sarà così diverso. Quello che ci ha penalizzato di più quest'anno è il treno unico di gomme per la qualifica e la gara e anche nel 2006 questa norma sarà in vigore. La modifica grossa sarà sul motore V8 da 2400 cc. Ma è chiaro che dobbiamo lavorare sulle difficoltà che abbiamo con le gomme. I cambiamenti di quest'anno sono stati molto negativi per noi».
Montezemolo ha detto che lei ha avuto una riunione con gli altri team sul futuro della F.1 che è stato molto buono: «Il 31 agosto ci siamo incontrati con tutti i costruttori e con Max Mosley e Bernie Ecclesttone. E' andata bene, si è parlato del 2008». Si è parlato di sorpassi? «Si, anche di sorpassi. Si è parlato di aerodinamica. Ma devo dire che guardo spesso la Gp2 e non mi sembra che lì ci siano tanti sorpassi. E' che su quattro ruote è più difficile superare che su due. C'è meno spazio e poi uscire dalle traiettorie sporca le gomme. Si è visto anche a Monza che una macchina che ha ottenuto la pole e il giro veloce (Raikkonen, ndr) ha fatto 14 giri senza riuscire a fare un sorpasso. Favorire i sorpassi è impresa difficile. E' un miracolo per ottenere il quale faremo di tutto ma non lo vedo all'orizzonte».
La Ferrari di Schumacher ha fatto il secondo giro veloce e ha sfiorato il record di velocità della F.1 con 369,9kmh, a un soffio da quello assoluto stabilito da Raikkonen con 370,1: «E' chiaro che la macchina era più scarica per favorire i sorpassi. Ma il problema è la mancanza di grip per la Ferrari. E' il leit motiv dall'inizio dell'anno. E credo che la pioggia caduta sabato sera sulla pista di Monza abbia peggiorato la situazione». Una volta a risolvere eventuali problemi di gomme con la Bridgestone bastava qualche settimana. Ora no. Come mai? Forse c'è qualcosa di cambiare a livello di meccanica? «Quando si va a Budapest, si fa la pole position e per 15 giri la macchina continua a migliorare i tempi e poi nelle gare successive questo non succede dimostra che il problema è più complesso. E' difficile capire perché il grip manchi. Ci stiamo lavorando. Per far bene almeno nelle ultime tre gare del mondiale».

Ordine di arrivo del Gp d'Italia, 15/a prova del Mondiale di Formula 1

1. Juan Pablo Montoya (Col/McLaren-Mercedes) 306,720 km in 1 h 14:28.659 (media: 247,097 km/h)
2. Fernando Alonso (Spa/Renault) a 2.479
3. Giancarlo Fisichella (Ita/Renault) a 17.975
4. Kimi Raikkonen (Fin/McLaren-Mercedes) a 22.775
5. Jarno Trulli (Ita/Toyota) a 33.786
6. Ralf Schumacher (Ger/Toyota) a 43.925
7. Antonio Pizzonia (Bra/Williams-Bmw) a 44.643
8. Jenson Button (Gbr/Bar-Honda) a 1:03.635
9. Felipe Massa (Bra/Sauber-Petronas) a 1:15.413
10. Michael Schumacher (Ger/Ferrari) a 1:36.070
11. Jacques Villeneuve (Can/Sauber-Petronas) a 1 giro
12. Rubens Barrichello (Bra/Ferrari) a 1 giro
13. Christian Klien (Aut/Red Bull - Cosworth) a 1 giro
14. Mark Webber (Aus/Williams-Bmw) a 1 giro
15. David Coulthard (Gbr/Red Bull - Cosworth) a 1 giro
16. Takuma Sato (Gia/Bar-Honda) a 1 giro
17. Tiago Monteiro (Por/Jordan-Toyota) a 2 giri
18. Robert Doornbos (Ola/Minardi-Cosworth) a 2 giri
19. Christijan Albers (Ola/Minardi-Cosworth) a 2 giri
20. Narain Karthikeyan (Ind/Jordan-Toyota) a 3 giri.

Queste le classifiche mondiali dopo il Gp d'Italia

- Piloti

1. Fernando Alonso (Spa) 103 punti
2. Kimi Raikkonen (Fin) 76
3. Michael Schumacher (Ger) 55
4. Juan Pablo Montoya (Col) 50
5. Jarno Trulli (Ita) 43
6. Giancarlo Fisichella (Ita) 41
7. Ralf Schumacher (Ger) 35
8. Rubens Barrichello (Bra) 31
9. Nick Heidfeld (Ger) 28
10. Jenson Button (Gbr) 24
11. Mark Webber (Aus) 24
12. David Coulthard (Gbr) 21
13. Felipe Massa (Bra) 8
14. Tiago Monteiro (Por) 6
15. Alexander Wurz (Aut) 6
16. Jacques Villeneuve (Can) 6
17. Narain Karthikeyan (Ind) 5
18. Christian Klien (Aut) 5
19. Christijan Albers (Ola) 4
20. Pedro de la Rosa (Spa) 4
21. Patrick Friesacher (Aut) 3
22. Antonio Pizzonia (Bra) 2
23. Takuma Sato (Gia) 1
24. Vitantonio Liuzzi (Ita) 1

- Costruttori

1. Renault 144
2. McLaren-Mercedes 136
3. Ferrari 86
4. Toyota 78
5. Williams-BMW 54
6. Red Bull-Cosworth 27
7. Bar-Honda 25
8. Sauber-Petronas 14
9. Jordan-Toyota 11
10. Minardi-Cosworth 7

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione