Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 04:21

La Ferrari 2005 allestita troppo tardi

Il responsabile della Bridgestone, Hiroshi Yakasuma, non è disposto ad accollarsi la colpa della pessima stagione delle «Rosse» in Formula 1 e contrattacca
BERLINO - La pessima stagione della Ferrari in Formula Uno non è imputabile alle gomme. Il responsabile della Bridgestone, Hiroshi Yakasuma, non è disposto ad accollarsi la colpa e ha spiegato che le cattive prestazioni di Michael Schumacher nel campionato del mondo di quest'anno sono dovute anche al ritardato sviluppo delle vetture di Maranello. In un'intervista alla domenicale «Bild am Sonntag» il manager giapponese ha dichiarato che «anche la Ferrari ha commesso errori».
Il tecnico giapponese ha rimproverato alla casa del Cavallino di aver messo a punto la vettura per il 2005 solo nel febbraio scorso, mentre la McLaren aveva presentato la sua già alla fine del 2004. «Ci sono mancati due mesi di tempo per compiere i test e per mettere a punto le gomme» ha detto il tecnico che ha rivelato che nel frattempo altri ingegneri sono andati ad aggiungersi al team che sviluppa le gomme per la F.1 che presto, ha assicurato, saranno presto di nuovo competitive.
«Per essere al top» ha dichiarato Yakasuma «ci manca solo l'1 per cento. Abbiamo calcolato che su una distanza di gara di 300 km siamo più lenti di 3 km».
Il tecnico giapponese ha ammesso che il suo team non è ancora riuscito a scoprire dove sia questa minima percentuale di imperfezione. «Proviamo in continuazione nuovi componenti» ha detto, «ma siamo ancora deboli nei dettagli.

Una volta è il livello del grip, un'altra volta è la pressione delle gomme, un'altra l'altezza degli alettoni anteriori. Sono sempre le piccolezze che ci impediscono di tornare alle vecchie prestazioni». Yakasuma ha riconosciuto che Schumi offre un notevole contributo allo sviluppo dei pneumatici: «le sue spiegazioni analitiche sono estremamente importanti e noi ne teniamo conto». Alla domanda se la Bridgestone sia interessata a diventare in futuro il fornitore unico della Formula Uno, Yakasuma risponde che preferirebbe avere ancora a che fare con la concorrenza, ma aggiunge subito che la sua casa è pronta a fornire le gomme a tutti i team.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione