Cerca

Lecce, Semeraro spiega come vuole uscire dal calcio

di MASSIMO BARBANO
LECCE - Nessun ripensamento e nessun colpo di scena. D’altra parte le premesse dell’incontro non lasciavano margini per ipotesi di questo genere. Giovanni Semeraro, accompagnato dal figlio Pierandrea, ha confermato il disimpegno del suo gruppo tracciando due possibili scenari. L’opzione uno è quella di chiudere entro fine mese la trattativa con l’imprenditore Savino Tesoro che rileverebbe l’intero pacchetto azionario.L’opzione due è quella che, in mancanza di tale passaggio, la società sarebbe messa in liquidazione e il titolo sportivo sarebbe affidato nelle mani del sindaco
Lecce, Semeraro spiega come vuole uscire dal calcio
di Massimo Barbano

LECCE - Nessun ripensamento e nessun colpo di scena. D’altra parte le premesse dell’incontro non lasciavano margini per ipotesi di questo genere. Giovanni Semeraro, accompagnato dal figlio Pierandrea, l’ultimo presidente nell’ambito della famiglia (attualmente la presidenza è della commercialista Isabella Liguori), ha confermato il disimpegno del suo gruppo tracciando due possibili scenari. L’opzione uno è quella di chiudere entro fine mese la trattativa con l’imprenditore Savino Tesoro che rileverebbe l’intero pacchetto azionario. Ipotesi per la quale Semeraro si è mostrato fiducioso, così come ha espresso la convinzione che il Lecce il prossimo anno giocherà nel campionato di serie B e non invece di Prima divisione.

L’opzione due è quella che, in mancanza di tale passaggio, la società sarebbe messa in liquidazione e il titolo sportivo sarebbe affidato nelle mani del sindaco. Ipotesi verso la quale il sindaco Paolo Perrone, come rappresentante istituzionale della comunità, si è dichiarato disponibile, ma ha chiesto la garanzia che il titolo, da consegnare poi a costo zero ad eventuali soggetti terzi interessati, sia sgravato dalle attuale esposizioni debitorie che ammontano a sei milioni di euro.

Quindi, un time out, in attesa che si chiarisca la situazione. Pochi giorni ancora, ha assicurato Giovanni Semeraro, anche se non ha nascosto che le distanze economiche fra venditore e potenziale acquirente, sono ancora lontane, nell’ipotesi in cui il Lecce scivolasse in Prima divisione. Tanto più che, a dispetto delle tante voci che circolano, la data di un nuovo incontro chiarificatore non è stata ancora fissata e Tesoro, che fra i due contraenti è quello che ha meno fretta, sa di avere il coltetto dalla parte del manco ed ha tutto l’interesse a portare alle lunghe la trattativa.

Il sindaco Paolo Perrone, per ora, resta alla finestra, ma conferma le voci di una possibile cordata leccese. «In queto momento», dice, «non mi è sembrato opportuno interferire con una trattativa che è ormai bene incardinata e che, come mi ha assicurato il dottor Semeraro potrebbe concludersi a buon fine nei prossimi giorni. Ma quello che posso dire è che il calcio a Lecce non morirà. Se non dovesse perfezionarsi la cessione a Tesoro, sono pronto a svolgere il mio ruolo ed a reperire forze imprenditoriali disposte ad accollarsi il Lecce».

Risorse che, a quanto dice il sindaco, starebbero già alla finestra. «Devo dire che già ho avuto modo di sondare il terreno», continua Perrone, «perchè, oltre ad essere un tifoso, il calcio a Lecce è un ottimo veicolo di promozione della città. Certamente questa situazione di crisi finanziaria non agevola un’operazione del genere, ma più di una persona si è mostrata sensibile ed interessata a questo tema. Se quindi, la trattativa con Tesoro non dovesse chiudersi positivamente, mi impegnerò a richiamare queste persone ed a chiedere loro un’assunzione di responsabilità. D’altra parte lo stesso Semeraro ha sempre detto che se ci fosse stata una cordata salentina avrebbe ceduto più volentieri la squadra, anche perdendoci qualcosa in più».

Per il momento, quindi, Perrone mette il caso in stand by in attesa di sviluppi, ma assicura sull’esistenza di un eventuale ammortizzatore.

Stando alle voci, si tratterebbe di una decina di imprenditori operanti nel comparto delle energie alternative e nelle agenzie di brokeraggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400