Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 16:46

Calcioscommesse Bari in Procura «Noi parte lesa»

ROMA – «Il Bari truffato? Se l’ha detto Angelozzi è vero, ma l’ha detto anche il giudice. Abbiamo le ferite ancora aperte». Il segretario generale del Bari, Pietro Doronzo, al termine dell’audizione in Procura federale nell’ambito dell’inchiesta sul Calcioscommesse, ribadisce la posizione espressa stamane dal direttore sportivo dei biancorossi Guido Angelozzi. Sulla stessa linea è anche l’avvocato della società pugliese Francesco Biga che ha accompagnato negli uffici di via Po il direttore generale Claudio Garzelli
Calcioscommesse Bari in Procura «Noi parte lesa»
ROMA – «Il Bari truffato? Se l’ha detto Angelozzi è vero, ma l’ha detto anche il giudice. Abbiamo le ferite ancora aperte». Il segretario generale del Bari, Pietro Doronzo, al termine dell’audizione in Procura federale nell’ambito dell’inchiesta sul Calcioscommesse, ribadisce la posizione espressa stamane dal direttore sportivo dei biancorossi Guido Angelozzi. 

Sulla stessa linea è anche l’avvocato della società pugliese Francesco Biga che ha accompagnato negli uffici di via Po il direttore generale Claudio Garzelli. «Il Bari è parte lesa in questa vicenda – le parole del legale – ed è stato truffato dagli atteggiamenti scorretti di alcuni giocatori. Non so cosa abbia detto stamane Angelozzi, ma l’ho visto molto tranquillo». 

Gli uomini di Palazzi stanno ora ascoltando il calciatore della Juventus ed ex Udinese Simone Pepe, tirato in ballo dall’ex capitano del Bari Andrea Masiello per la tentata combine di Udinese-Bari del maggio 2010, proposta a cui il calciatore avrebbe rifiutato di aderire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione