Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 17:00

F1 - In Germania trionfa Alonso

Il colombiano Montoya, partito in ultima posizione, ha chiuso al secondo posto nel Gp di Hockenheim. Al terzo posto il britannico della Bar Jenson Button. Solo quinto Schumacher su Ferrari
Formula 1 - GP del Bahrain: vince Alonso HOCKENHEIM - Fernando Alonso ha vinto il Gp di Germania, 12/a prova del Mondiale di Formula 1. Sul tracciato di Hockenheim, il pilota spagnolo della Renault ha centrato il sesto successo stagionale e il settimo della carriera.
Il pupillo di Flavio Briatore sale a 87 punti, consolida il primato nella classifica piloti e, con 36 lunghezze di vantaggio sul più diretto inseguitore, ipoteca il primo titolo iridato della carriera. Alonso ha sfruttato oggi l'ennesimo problema tecnico della McLaren-Mercedes, che ancora una volta ha tradito Kimi Raikkonen. Il finlandese, velocissimo nelle prime due giornate del weekend, ha dominato la scena per un'ora prima di parcheggiare la sua vettura e abbandonare, con ogni probabilità, le residue ambizioni.

Le frecce d'argento archiviano la giornata con il secondo posto di Juan Pablo Montoya: troppo poco per sperare di tenere aperto il campionato. Abdica definitivamente Michael Schumacher: la pioggia invocata non è arrivata e il tedesco ha chiuso al quinto posto, alle spalle anche della Bar-Honda di Jenson Button e della Renault di Giancarlo Fisichella.

Il 24/o successo nella storia della Renault è arrivato al termine di un week-end che sembrava destinato a rilanciare le ambizioni della McLaren-Mercedes.

Al via del Gp, Raikkonen è scattato dalla pole position e si è difeso dall'annunciato attacco di Alonso. Alle spalle dello spagnolo è sbucato Schumacher, protagonista di un'ottima partenza. Il trio di testa si è sgranato nell'arco di poche tornate. Raikkonen ha cominciato a viaggiare subito sotto il muro di 1'16'' e ha guadagnato rapidamente 4'' di vantaggio. Il ritmo del capofila si è rivelato insostenibile per Schumi: il campione del mondo è scivolato a 9» dalla lanciatissima McLaren-Mercedes e ha cominciato a guardare negli specchietti, dove si è materializzata la sagoma della Bar-Honda di Jenson Button.

Con la situazione al comando già definita, il pubblico si è concentrato sulla rimonta di Montoya: il colombiano, partito dall'ultima fila dopo il testacoda nelle qualifiche, in 10 giri è piombato ai margini della zona punti.
I primi pit-stop, con Alonso e Schumacher ai box nel 22/mo passaggio, non hanno cambiato il copione. Raikkonen è rimasto in pista per altri tre giri e, dopo aver fermato il cronometro su 1'14873, ha rifornito senza problemi. Il 25enne di Espoo ha provato ad amministrare il vantaggio ma la prudenza si è rivelata inutile: al 35/mo giro dalla bancata sinistra della McLaren è uscita una fumata bianca. Raikkonen ha rallentato e si è fermato in pista, lasciando strada ad Alonso che si è involato verso vittoria e titolo.

Lo spagnolo ha chiuso dopo 32 giri percorsi in solitudine. Alle sue spalle, invece, lotta serrata per la piazza d'onore. Nel 45/mo passaggio Button ha scavalcato Schumacher ma dopo il secondo pit-stop ha dovuto arrendersi all'arrembante Montoya. Il colombiano ha chiuso al secondo posto, davanti alla Bar-Honda del britannico e alla Renault di Giancarlo Fisichella, che a pochi metri dalla bandiera a scacchi si è tolto lo sfizio di superare il campione del mondo. Schumacher ha chiuso al quinto posto, davanti alla Toyota del fratello Schumacher, alla Red-Bull di David Coulthard e alla Sauber di Felipe Massa. Niente punti per Rubens Barrichello, decimo al traguardo dopo una gara anonima. Giornata negativa infine per Jarno Trulli: lento in partenza, frenato da una penalità e alla fine costretto al ritiro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione