Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 01:46

Doppia la festa: semifinale  per Castellana e Molfetta

CASTELLANA - La Bcc-Nep passa alle semifinali dei playoff di A2. Ma quanta paura prima di aver la meglio di Loreto, squadra apparsa abbordabile nella Gara 1 e divenuta un temibile spauracchio dopo la partita del Pala Grotte dello scorso 25 aprile. Vince, quindi, la New Mater, e adesso dovrà vedersela contro Segrate in una sfida dal grande ardore agonistico vista l’accesa rivalità tra le due tifoserie
• Lorizio-boys contro Citta di Castello
Doppia la festa: semifinale  per Castellana e Molfetta
CARILO LORETO-BCC NEP CASTELLANA 2-3 

LORETO: Cortellazzi 4, Moretti 12; Morelli 15, Peda 21; Paoli 9, Anzani 6, Cacchiarelli (L), Gabbanelli, Aprea, Koresaar 1. N.e.: Di Marco, Gulli. Allenatore Fracascia.

BCC-NEP CASTELLANA: Falaschi 5, Cazzaniga 21; Maric 12, Castellano 16; Giosa 13, Salgado 7; Cicola (L); Rodriguez, Milushev, Tavares 4. N.e. Agrusti, Elia. Allenatore Di Pinto.

ARBITRI:Florian e Bertoletti

PROGRESSIONE SET:20-25 (in 24’), 14-25 (in 24'), 25-19 (31'), 25-21 (27'), 8-15 (14') per un totale di due ore

NOTE Battute vincenti: Castellana 10, Loreto 5. Battute sbagliate: Castellana 18, Loreto 24. Muri: Castellana 13, Loreto 10.

CASTELLANA - La Bcc-Nep passa alle semifinali dei playoff di A2. Ma quanta paura prima di aver la meglio di Loreto, squadra apparsa abbordabile nella Gara 1 e divenuta un temibile spauracchio dopo la partita del Pala Grotte dello scorso 25 aprile. Vince, quindi, la New Mater, e adesso dovrà vedersela contro Segrate in una sfida dal grande ardore agonistico vista l’accesa rivalità tra le due tifoserie.

Di certo non sarà un incontro da sottovalutare dato che i lombardi, per tutto il girone di andata, hanno condotto la classifica e si sono sbarazzati dell’ostica Sora in tre sole gare eludendo il fattore campo, alla vigilia degli spareggi appannaggio dei ciociari. Ancora una volta i gialloblu sono andati al quinto set ma, questa volta, il tie-break ha arriso al sestetto di mister Di Pinto. E pensare che, passata un’ora di gioco, Falaschi e compagni sembravano pronti per staccare il traguardo senza alcun affanno, ripercorrendo il cammino trionfale della scorsa settimana in cui, sempre nelle Marche, avevano annichilito la squadra allenata da Fracascia.

Con Castellano in banda preferito allo spagnolo Rodriguez e con Giosa al centro ancora una volta in sostituzione del convalescente Elia, il sodalizio pugliese sciorina una buona pallavolo. Le due contendenti restano sul punto a punto fino al secondo tempo tecnico, poi un buono break firmato da Cazzaniga e un errore di Moretti (16-19) e la «pipe» di Maric (19-22) sospingono i suoi al muro finale su Anzani (20-25). Più devastante l’azione dei baresi nel secondo parziale con un avvio veemente siglato ancora dall’opposto bergamasco e dal martello croato (5-9).

Al muro di Falaschi (6-11) le squadre sono già molti distanti e due battute vincenti consecutive di Giosa (8-15) costringono Peda a schiacciare oltre la linea bianca (14-25). Ma i marchigiani trovano orgoglio ed energie positive nel terzo e nel quarto set, soprattutto sfruttando il servizio: l’ex Peda diventa impeccabile (4-0), due «ace» di fila di Morelli (13-8) e uno proprio del lettone (19-14) incutono paura: nonostante il muro del subentrato Tavares (23-19), chiude Morelli al servizio (25-19). Il quarto parziale si sblocca grazie a Moretti e al muro su Cazzaniga (20-16): Castellano sbaglia il servizio e si va al tiebreak (25-21) dove, per fortuna, la New Mater ritrova carattere e qualità sprintando con Maric (2-7 e 6-10) e Castellano (6-11). Conclude l’errore di Moretti (8-15).

Gianluca Cascione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione