Cerca

Foggia, Pavone: «Ora c'è un gruppo solido»

Il ds: «Il segnale di discontinuità con il passato da evidenziare è che alla guida c'è un gruppo di imprenditori locali pronti ad un confronto sereno. Ormai al Sud è difficile trovare un solo magnate che voglia investire nel calcio. La forte cordata subentrata a Coccimiglio dà fiducia per il futuro»
BARI - «Finalmente ci sarà alla guida del Foggia un gruppo solido di imprenditori della città: ormai al Sud è difficile trovare un solo magnate che voglia investire nel calcio. La soluzione acquisita per la squadra dauna, con la forte cordata subentrata a Coccimiglio, dà fiducia per il futuro»: il direttore sportivo del Foggia di Zeman, Peppino Pavone, già scopritore di talenti come Signori, Rambaudi e Kolivanov, ha salutato con entusiasmo il cambio alla presidenza del Foggia Calcio. «C'è euforia tra i tifosi - ha detto - ma è presto per tornare a sognare Zemanlandia. Di sicuro la nuova proprietà ha voglia di rilanciare la squadra». Nel nuovo organigramma societario Pavone dovrebbe ritornare ad essere il Ds, ma non fa un problema di incarichi: «Nei prossimi giorni - ha concluso - verranno decise tutte le cariche sociali, ma non è questa la cosa più importante. Il segnale di discontinuità con il passato da evidenziare è che alla guida del Foggia c'è un gruppo di imprenditori pronti ad un confronto sereno. Per far ritornare in auge la squadra della città».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400