Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 04:15

Moto - GP Olanda: Capirossi davanti nelle libere

Il pilota italiano su Ducati ha ottenuto il miglior tempo nelle prove libere precedendo Valentino Rossi (Yamaha) e lo spagnolo Gibernau (Honda). Quarto tempo per Barros (Honda), quinta l'altra Honda di Melandri. Pole provvisoria di Porto nella classe 250 e di Pasini tra le 125
ASSEN (NED) - Loris Capirossi ha fatto segnare il miglior tempo della prima giornata di prove della MotoGP al GP d'Olanda ad Assen proprio durante il giro suo conclusivo. «Siamo senza dubbio più in forma rispetto a Barcellona, ma dobbiamo ancora lavorare sul set-up della moto per poter sfruttare meglio le gomme - ha spiegato Loris Capirossi -. Il pneumatico anteriore va benissimo ma dobbiamo ancora trovare quello posteriore adatto per la gara. Ho fatto registrare il miglior tempo di oggi negli ultimi minuti disponibili con la moto numero 2 e con una gomma da gara che non avevo ancora utilizzato: non ho avuto abbastanza tempo per effettuare numerosi giri quindi domani tornerò a provarla. Al momento non siamo super competitivi come ritmo, ma voglio spezzare una lancia a favore di Bridgestone, che sta lavorando davvero tanto e lo ha dimostrato portando molte gomme nuove qui in Olanda. Non mi piace la nuova parte della pista, preferivo il lay-out originario e il curvone che hanno rallentato: era molto veloce e divertente».
Sebastian Porto e la RSW 250 dell'Aprilia Aspar, invece, hanno conquistato la pole provvisoria tra le 250 con 2'05"530. Insieme al pilota argentino è in prima fila provvisoria anche Casey Stoner del Carrera Sunglasses LCR con il quarto tempo (2'05"691). Porto, dopo qualche difficoltà, soprattutto nella gara di Barcellona, è riuscito a trovare la giusta concentrazione per Assen. «Sono contento » ha detto l'argentino del team Aspar » perché ho recuperato il feeling con la moto e finalmente sono dove dovrei. Al Mugello non è andata come volevamo, a Barcellona è finita troppo presto. La moto funziona bene ed io sono fiducioso di far bene qui». Stoner si dimostra come sempre veloce e concentrato. 6Questa mattina » ha detto Casey » non eravemo messi molto bene. Ma nel pomeriggio siamo riusciti a migliorare la moto in molti punti, ora la moto è già molto più a posto in configurazione gara rispetto ai giorni precedenti a Barcellona». Ad un passo dalla prima fila, Alex De Angelis dell'MS Aprilia Italia Corse è quinto e sembra non risentire particolarmente dell'infortunio alla spalla destra patito in Spagna. «La spalla va abbastanza bene » ha detto Alex » riesco a guidare e questo è importante. Per quanto riguarda le prove, sono entrato con la moto 1 ma avevo problemi di trazione e dopo qualche giro sono entrato con la moto 2 per provare nuovi assetti. Alla fine abbiamo trovato la strada giusta con la moto 2, ma la 1 ha un motore migliore. Ora lavoreremo per avere una moto che abbia le caratteristiche di ciclistica della 2 e le performance di motore della moto 1».
Tre Aprilia in prima fila anche nella «piccola» 125 cc., grazie alla pole provvisoria per Mattia Pasini del Totti Top Sport con il tempo 2'12'742 a soli 3 millesimi dal secondo riferimento fatto segnare dal finlandese Mika Kallio. Insieme a lui, in prima fila ci saranno con il terzo tempo (2'13'170) Sergio Gadea del Master Aspar Team e Marco Simoncelli del NoCable Team con il quarto tempo (2'13'370). Mattia Pasini è riuscito a fare il suo miglior tempo evitando la bandiera a scacchi che sancisce la fine del turno delle prove ufficiali, per un secondo. «Sono molto soddisfatto - ha detto Pasini - ma potevo fare ancora meglio, alla fine ho sbagliato la variante. Ho trovato anche molto traffico ma il tempo è venuto abbastanza facilmente. Abbiamo provato molte soluzioni per la gara, siamo già abbastanza avanti. Questo tempo vale relativamente, la gara è sabato, l'importante è far bene lì. La moto è a posto, grazie ai ragazzi del team e all'Aprilia». Soddisfazione anche per Simoncelli che riesce a piazzare la RS 125 del NoCable Team che non ha gradito molto le modifiche effettuate alla storica pista olandese. «I ritocchi alla pista - ha commentato Simoncelli - hanno levato del fascino. A me piacciono molto i curvoni veloci che qui facevano la differenza. Oggi con le due nuove varianti hanno rallentato la pista. Non c'è male, ho girato sempre da solo e ho fatto anche un bel dritto. Il fatto di esser riuscito a girare su questi tempi senza scie su questo circuito è positivo perché di solito il tempo qui si fa così. Tecnicamente siamo a posto, al posteriore c'è ancora qualcosa da fare ma non siamo messi male».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione