Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 08:59

Il Cras Taranto chiude la stagione regolare dominando a Cagliari

TARANTO - Il Cras chiude la regular season da dominatrice dell'A1 di basket femminile. Senza storia il testa-coda contro il Cus Cagliari, che è condannato ai playout-salvezza per salvare la sua posizione di matricola. Il +25 in Sardegna è l'essenza dalla dodicesima vittoria consecutiva in 56 giorni, tra Italia ed Europa. Il Cras chiude la stagione regolare a 40 punti, frutto di 20 successi su 21 match. Ai playoff-scudetto la formazione di Roberto Ricchini affronterà il Bracco Geas Sesto San Giovanni. Il primo match è fissato il 5 aprile alle ore 20.30 al PalaMazzola. Gara-2 nel milanese fissata l'11 aprile, eventuale “bella” il 14 a Taranto
Il Cras Taranto chiude la stagione regolare dominando a Cagliari
CUS CAGLIARI-CRAS 47-72

CUS CAGLIARI: Plumley 2, Arioli 4, Darret 17, Wabara 2, Lukacovicova 7; Bergante, Oppo, Fabianova 3, Giorgi 1, Brunetti 11. All. Xaxa.

CRAS TARANTO: Sottana 3, Greco 4, Ballardini 11, Godin 9, Vaughn 17; Gianolla 7, Siccardi 4, Mahoney 13, Masoni ne, Melnika 4. All. Ricchini.

ARBITRI: Borgo di Vicenza e Lestingi di Roma.

PARZIALI: 8-23, 18-40, 34-58, 47-72.

NOTE: T2 Cus 16/45, Cras 26/50; T3 Cus 2/19, Cras 5/12; TL Cus 9/14, Cras 5/5. 

TARANTO - Il Cras chiude la regular season da dominatrice dell'A1 di basket femminile. Senza storia il testa-coda contro il Cus Cagliari, che è condannato ai playout-salvezza per salvare la sua posizione di matricola. Il +25 in Sardegna, concretizzato in un ambiente di buon fair play grazie all'ospitalità del club locale ed anche al tifo appassionato di un gruppo di tarantini bardati di rossoblù, è l'essenza dalla dodicesima vittoria consecutiva in 56 giorni, tra Italia ed Europa.

Il Cras chiude la stagione regolare a 40 punti, frutto di 20 successi su 21 match. Ai playoff-scudetto la formazione di Roberto Ricchini affronterà il Bracco Geas Sesto San Giovanni, che ha appena battuto nella final four di Coppa Italia. Il primo match è fissato il 5 aprile alle ore 20.30 al PalaMazzola. Gara-2 nel milanese fissata l'11 aprile, eventuale “bella” il 14 a Taranto.

LA PARTITA - Wabara rompe il ghiaccio del match, portando in vantaggio il Cus. Successivamente il Cras prende il sopravvento con Ballardini e Godin subito ispirate. Bastano 10 minuti alla formazione di Ricchini per prendere le distanze dalla matricola sarda destinata ai playout: 23-8. Taranto ricalca il suo basket nel secondo parziale, quando si alza la voce di Vaughn la quale, assieme agli innesti di Mahoney ed ai rimbalzi di Godin e Melnika (22 in due sui 50 totali rispetto ai 27 di Cagliari), contribuisce al 17-10 che vale il +22 di metà tempo.

Nella ripresa continua il quasi monologo di Taranto, la cui superiorità a rimbalzo è devastante. Tale arma, unitamente alla difesa accorta ed all'attacco variabile (irrompe con forza in scena Mahoney) vale il +27 del 27'. Qui le rossoblù si concedono una pausa e ne approfitta il Cus, sospinto dall'americana Darret, che ispira il 7-0 che vale il -7 del 29'. Ma ci pensa Vaughn e ribadire la forza di Taranto: 4-0 e +24 alla fine del terzo atto.

Ultimo parziale senza scossoni: il Cras continua a recitare il suo copione, tenendo a debita distanza l'avversario, al quale viene imposto il massimo svantaggio che è il -28 imposto al 37' da Gianolla. Ma il match è da tempo finito in anticipo.

RICCHINI: “SIAMO SULLA VIA DEI PLAYOFF” - La vittoria “abbondante” di Cagliari, seppur considerate le proporzioni del confronto con la penultima del campionato, “dimostra che la squadra continua a lavorare bene con il suo basket – commenta il tecnico Roberto Ricchini – restando concentrata. Il rischio, dopo la conquista della Coppa Italia, era quello di un leggero appagamento ed invece le atlete hanno mantenuto le consegne, perché era giusto onorare il campionato, senza favorire nessuno nella griglia di playoff e playout. E soprattutto continuare a cercare la miglior pallacanestro possibile”.

Tra dieci giorni cominceranno i giochi-scudetti: quale Cras servirà per imporsi con Sesto San Giovanni? “La via intrapresa è quella buona – risponde Ricchini – perché la squadra gioca convinta dei suoi mezzi, mettendo in campo carattere e talento. Ora ci apprestiamo ad affrontare sfide particolari, da dentro o fuori. Serve dare il massimo specie davanti ad un avversario come Sesto San Giovanni che in Coppa Italia era arrivato con qualche acciacco, ma che nella fase regolare ci aveva battuto a casa propria. Da martedì la squadra tornerà a lavorare pensando al nuovo obiettivo da centrare”.

GIANOLLA: “PRONTE A BATTERE SESTO” - “Dopo aver vinto la Coppa Italia ci sarebbe potuto essere il rischio di non dare il massimo contro Cagliari, invece ciò non è avvenuto, a testimonianza della nostra forza e delle nostre certezze”. Dalla Sardegna Angela Gianolla trasmette la serenità dello spogliatoio rossoblù. “Oggi abbiamo messo l'ultimo mattone della nostra stagione regolare e lo abbiamo fatto con un basket divertente” commenta Angy, che ha archiviato il match con 7 punti, 3 rimbalzi e 2 assist.

Ora, sulla strada del Cras torna ad esserci quel Bracco Geas Sesto San Giovanni, con il quale i precedenti stagionali sul suolo italiano dicono al momento 2-1 per Taranto, compreso l'ultimo +17 della semifinale della Val Venosta Cup. “A mio avviso – commenta Gianolla – loro hanno affrontato un campionato leggermente al di sotto delle aspettative e non escludo che possano crescere nei playoff. Da parte nostra c'è la convinzione di passare il turno perché la Coppa Italia ci ha fatto aumentare la fame. Sappiamo bene, infatti, cosa vogliamo... “.

PLAYOFF E PLAYOUT: IL QUADRO - Questi sono gli accoppiamenti dei playoff-scudetto che prenderanno il via giovedì 5 aprile alle 20.30 con gara1 che il Cras giocherà in casa: Taranto-Sesto, Lucca-Umbertide, Como-Faenza, Schio-Parma. Ritorno martedì 11 ed eventuale “bella” il 14. Semifinali e finale sono invece al meglio delle 5 gare col fattore campo in favore della squadra meglio piazzata nella fase regolare in tale ordine: fuori, casa, casa, fuori, casa. Le semifinali sono il 18, 21, 23, 26 e 29 aprile. Se il Cras batterà Sesto affronterà in semifinale la vincente del quarto Lucca-Umbertide.

La finale parte il 2 maggio. Gare 2 e 3 si giocano il 5 e 7. L’eventuale gara4 è prevista il 10, mentre l’eventuale “bella” è per il 13. Questi invece i playout, dai quale retrocede in A2 la perdente dello spareggio tra le sconfitte del primo turno: Pozzuoli-Alcamo e Priolo-Cagliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione