Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 08:41

Brindisi, contro Piacenza  una vittoria al fotofinish

di FRANCO DE SIMONE
BRINDISI - A caval donato non si guarda in bocca e l’Enel s’accontenta e vince nella Legadue di basket maschile. Brutta pallacanestro, da entrambe le squadre. Eppure le premesse perché l’anticipo fra Enel e Morpho rispettasse le attese di una bella gara c’erano tutte. Errori fino al canestro di Callahan (67-64), alla palla buttata via da Infante a 16” dal termine e al fallo sistematico di Piacenza. A 14” time out Brindisi che ha il possesso della palla. Hunter dalla lunetta fa 1 su 2 (68-64). La rimonta del Piacenza non si compie e si chiude sul 69-66
Brindisi, contro Piacenza  una vittoria al fotofinish
Enel basket-Morpho piacenza 69-66
 
enel Basket:Renfroe 7 (1/4, 1/4), Hunter 15 (4/5, 1/3), Formenti 5 (1/4, 1/3), Callahan 13 (3/5, 1/6), Borovnjak 16 (6/12); Maestrello 3 (0/2, 1/4), Wojciechowski 2 (1/1), Zerini 2 (1/3), Giuri 6 (2/4, 0/1), Vorzillo n.e.. All: Bucchi.

Morpho Piacenza: Passera 3 (0/2, 1/4), Voskuil 14 (3/5, 2/8), Amoroso 8 (3/4), Harrison 17 (5/9, 1/5), Anderson 18 (8/12); Infante 4 (0/2 da 3), Simoncelli (0/2), Perego 2 (1/1), Casella, De Nicolao n.e., Della Valle n.e., Varrone n.e.. All: Corbani

arbitri:Caroti, Paronelli, Gagliardi.

NOTE:parziali: 19-18, 37-35, 53-52. Tiri liberi Ene 16/22 (73%), Mor 14/22 (64%); tiri da due Ene 19/40 (48%), Mor 20/35 (57%); tiri da tre Ene 5/21 (24%), Mor 4/19 (21%); Rimbalzi Ene 41 (Hunterer Borovnjak 7), Mor 30 (Anderson 7); Assist: Ene 6 (Giuri 2), Mor 4 (Infante, Harrison, Simoncelli, Voskuil). Fallo tecnico: Anderson. Uscito per 5 falli: Renfroe. Spettatori: 3.500. 

di FRANCO DE SIMONE

BRINDISI - A caval donato non si guarda in bocca e l’Enel s’accontenta e vince. Brutta pallacanestro, da entrambe le squadre. Eppure le premesse perché l’anticipo fra Enel e Morpho rispettasse le attese di una bella gara c’erano tutte: da una parte la determinazione di Brindisi di cercare di andare a punti per poi vedere semmai sia ancora possibile riconquistare la vetta della classifica che garantisce la promozione diretta; di contro, la voglia degli emiliani di fare lo sgambetto agli uomini di Bucchi, riprendersi i due punti persi all’andata (63-71 al PalaBanca) e, per i due ex (Infante e Simoncelli), il desiderio di consumare il sottile piacere di una vendetta sportiva. Poi, come se tutto questo non bastasse, un altro siparietto: la gara nella gara, ossia lo scontro fra i due coach, Piero Bucchi, il tecnico di Legadue più votato e fresco vincitore della sua terza Coppa Italia, contro Fabio Corbani, il grande esperto di basket giovanile (4 scudetti Juniores, premio Reverberi nel 2009). Infine, il «duello» sotto le plance fra l’ex capitano brindisino, Luca Infante, ed il pivottone dei biancazzurri, Dejan Borovnjak.

Quintetti scontati al via, con Passera su Renfroe (2° fallo al 5’), Amoroso su Borovnjak. Primo scorcio di gara con un bel po’ di errori al tiro su entrambi i fronti, tanto che dopo la tripla di Formenti (da 3), qualche palla persa di troppo per arrivare al 4’ con Voskuil che spara ancora da 3: 5-8. La partita decolla e al 7’ è 14-14 con un 1 su 2 di Amoroso dalla lunetta per il pari. Il primo quarto si chiude con il tap in di Wojciechowski sul 19-18.

Gara nervosa. Corbani cerca di mettere ordine e rimanda in campo Passera, ma Brindisi va sopra di 5 punti (23-18). Poi il fallo tecnico di Anderson (3° fallo) dopo un canestro realizzato, con vaffa all’arbitro. Al 16’32”, 3° fallo di Passera (rientra Simoncelli) e Hunter dalla lunetta fa 1 su 2 per il 35-31. La conclusione del secondo quarto (37-35) è quanto di più deludente con errori di entrambi i quintetti in fase conclusiva. Bucchi e Corbani avanno avuto molto da dire nel chiuso dello spogliatoio, soprattutto alla alla luce della questione falli: 13 del Brindisi e 14 del Piacenza.

È il momento del Morpho che va sopra di 6 punti (41-47). Bucchi cerca di correre ai ripari e chiede il time-out (24’). Effetto sì, visto che Brindisi recupera e va sul 48-47 in 1’. Piacenza passa a zona (3-2) che Brindisi buca con Callahan e Renfroe 853-49 al 27’). Corbani rinuncia alla zona e gioca la carta del doppio play (Passera, Simoncelli). Brindisi accusa il 4° fallo di Renfroe e chiude con l’ennesimo errore di Borovnjak il terzo tempino: 53-52. Quintetti rivoluzionati al via degli ultimi 10’. Morpho in vantaggio (57-58, 32’), ma Brindisi risponde, canestro dopo canestro. Anche se tutto con un certo affanno. Si arriva agli ultimi 5’ con soli 2 punti di vantaggio Brindisi: 63-61, come dire risultato in bilico fino alla fine. Poi, ancora errori, fino al canestro di Callahan (67-64), alla palla buttata via da Infante a 16” dal termine e al fallo sistematico di Piacenza. A 14” time out Brindisi che ha il possesso della palla. Hunter dalla lunetta fa 1 su 2 (68-64). La rimonta del Piacenza non si compie e si chiude sul 69-66.

LA CLASSIFICA - Pistoia, Reggio Emilia, Scafati, Brindisi 30; Brescia 22; Barcellona, Piacenza, Ostuni, Jesi, Verona 20; Bologna, Veroli, Imola 16; S.Antimo 14; Forlì 12.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione