Martedì 14 Agosto 2018 | 16:13

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Moto 250 - Pedrosa primo al Mugello

Lo spagnolo con la sua Honda s'è piazzato davanti al connazionale Jorge Lorenzo e al sammarinese Alex De Angelis. Fuori dal podio, invece, l'australiano Casey Stoner
SCARPERIA - Daniel Pedrosa ha vinto il Gp d'Italia nella classe 250. Il pilota spagnolo della Honda ha preceduto il connazionale Jorge Lorenzo e il sammarinese Alex De Angelis. Fuori dal podio, invece, l'australiano Casey Stoner, sparito nel finale dopo essere stato a lungo protagonista. Il pilota dell'Aprilia ha fatto l'andatura dall'inizio. Alle sue spalle si è messo in evidenza De Angelis, risalito fino alla seconda posizione e seguito da Lorenzo. Dopo un brillante avvio, ha perso progressivamente terreno Dovizioso, che ha faticato a rimanere nella scia di Pedrosa. Fuori dai giochi, invece, il francese Randy De Puniet, caduto con la sua Aprilia.
Al comando il quartetto è rimasto compatto. All'inizio del 15/o giro, Lorenzo ha conquistato la prima posizione e ha provato ad allungare. Il 18enne di Mallorca, consapevole di non essere competitivo in volata, ha tentato invano la fuga. A due giri dalla bandiera a scacchi, Pedrosa e De Angelis hanno guadagnato qualche metro. Il ventenne di Castellar Del Valles è scappato e ha tagliato per primo il traguardo. La giornata positiva della Honda è stata completata dal sorpasso che, a poche curve dall'arrivo, ha consentito a Lorenzo di soffiare la seconda piazza all'Aprilia di De Angelis.
L'ORDINE DI ARRIVO AL GP D'ITALIA 250
Questo l'ordine d'arrivo del Gp d'Italia per la classe 250:

1. Daniel Pedrosa (Spa) Honda 40'31909

2. Jorge Lorenzo (Spa) Honda 40'33095

3. Alex de Angelis (Rsm) 40'33466

4. Casey Stoner (Aus) Aprilia 40'33499

5. Sebastian Porto (Arg) Aprilia 40'38015

6. Hector Barbera (Spa) Honda 40'40200

7. Hiroshi Aoyama (Jpn) Honda 40'43710

8. Andrea Dovizioso (Ita) Honda 40'43778

9. Simone Corsi (Ita) Aprilia 40'53884

10. Chaz Davies (Gbr) Aprilia 41'14290

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 20 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS