Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 12:28

Ciclismo - Le Mevel s'impone per distacco

Nella 16ª tappa del Giro d'Italia, il francese, con un allungo nel finale, ha vinto la sua prima gara tra i professionisti. Secondo posto per il belga Brandt, terzo per l'italiano Vanotti. Giovedì la quart'ultima frazione: Varazze-Limone Piemonte di 194 chilometri con arrivo in salita. Savoldelli resta in rosa
VARAZZE - Classica tappa di trasferimento la Lissone-Varazze di 210 chilometri, la numero sedici di un Giro che, da domani, entra nella fase decisiva con le Alpi. Con i big impegnati a recuperare altre energie in vista degli sforzi in montagna, hanno avuto via libera le cosiddette seconde linee, ragazzi abituati a lavorare nell'ombra per i propri capitani e che, almeno per una volta, hanno brillato di luce propria. Doveva essere la frazione per i velocisti, Alessandro Petacchi su tutti, è stata la tappa che ha permesso a Cristophe Le Mevel di rompere il ghiaccio. Il francese della Credit Agricole, con un potente allungo a 1.500 metri dal traguardo, ha messo d'accordo gli altri cinque compagni di fuga che già pensavano ad uno sprint risolutivo: vittoria per distacco, la prima tra i professionisti. Nulla da fare, invece, per Alessandro Vanotti: il ventiquattrenne della Domina Vacanze, autore di uno scatto sul Bric Berton che aveva messo fine alla fuga a diciotto partita dopo 98 chilometri, deve accontentarsi del terzo posto, superato anche dal belga Cristophe Brandt (Davitamon Lotto). C'è poco altro da raccontare se non che Paolo Savoldelli resta in maglia rosa, in testa ad una classifica immutata che, già da domani, potrebbe essere rivoluzionata.
Si correrà la diciassettesima tappa, la Varazze-Limone Piemonte di 194 chilometri, con tre Gran Premi della Montagna, uno di terza categoria (il Colle di Cadibona dopo 21 chilometri), uno di prima categoria (Madonna del Colletto, al Km. 138) e uno di seconda (il Colletto del Moro, al Km 165). Tante montagne, dunque, in una frazione che offre al gruppo le salite non impossibili del versante ligure e quelle molto più dispendiose delle Alpi cuneesi. A far la differenza sarà l'ascesa finale, i tredici chilometri che condurrà la carovana rosa sul Colle di Tenda, dove è posto l'arrivo: qui gli uomini di classifica si daranno battaglia, in una tappa che potrebbe rilanciare alla grande le ambizioni di Gilberto Simoni. Il rifornimento è situato a S. Lorenzo (Km. 102), l'Intergiro a Borgo San Dalmazzo (Km. 117).

Ordine d'arrivo della 16/a tappa, Lissone-Varazze di km. 210

1) Christophe Le Mevel (Ita/Credit Agricole) in 4h50'51"
alla media oraria di km. 43,321 (abbuono 20)
2) Christophe Brandt (Bel) a 9" (abb. 12)
3) Alessandro Vanotti (Ita) a 16" (abb. 14)
4) Dimitri Fofonov (Kaz) s.t.
5) Frank Schleck (Lux) s.t.
6) Addy Engels (Ola) s.t.
7) Alberto Ongarato (Ita) a 50"
8) Uros Murn (Slo) s.t.
9) Lilian Jegou (Fra) s.t.
10) Andrè Korff (Ger) s.t.
11) Yannick Talabardon (Fra) s.t.
12) Dario Andriotto (Ita) s.t. (abb. 2)
13) Bjoern Leukemans (Bel) s.t.
14) Javier Ramirez Abeja (Spa) s.t.
15) Renè Andrle (Cec) a 54"
16) Mathieu Claude (Fra) a 9'18"
17) Eric Baumann (Ger) s.t.
18) Filippo Pozzato (Ita) a 22'16"
19) Steve Zampieri (Ita) s.t.
20) Francesco Bellotti (Ita) s.t.
25) Paolo Savoldelli (Ita) s.t.
29) Juan Manuel Garate (Spa) s.t.
30) Gilbrto Simoni (Ita) s.t.
34) Damiano Cunego (Ita) s.t.
39) Alessandro Petacchi (Ita) s.t.
48) Josè Rujano (Ven) s.t.
59) Danilo Di Luca (Ita) s.t.
158) Paride Grillo (ita) s.t.
Partiti 159, arrivati 158. Ritirato: Koldo Gil Perez (Spa).

Classifica generale dopo la 16/a tappa del Giro d'Italia (percorsi km. 2.797,750)

1) Paolo Savoldelli (Ita/Discovery Channel) in 76h07'16"
alla media oraria generale di km. 38,067
2) Danilo Di Luca (Ita) a 25"
3) Gilberto Simoni (Ita) a 1'48"
4) Juan Manuel Garate (Spa) a 2'11"
5) Josè Rujano (Spa) a 2'18"
6) Pietro Caucchioli (Ita) a 3'25"
7) Serguei Honchar (Ucr) a 4'05"
8) Emanuele Sella (Ita) a 5'50"
9) Dario david Cioni (Ita) a 6'40"
10) Vladimir Karpets (Rus) a 6'44"
11) Markus Fothen (Ger) a 6'51"
12) Marzio Bruseghin (Ita) a 7'01"
13) Damiano Cunego (Ita) a 8'03"
14) Daniel Atienza Urendez (Spa) a 8'11"
15) Giampaolo Caruso (Ita) a 9'39"
16) Samuel Sanchez Gonzalez (Spa) a 11'14"
17) Wim Van Huffel (Bel) a 11'26"
18) Unai Osa (Spa) a 11'48"
19) Wladimir Belli (Ita) a 11'57"
20) Mirko Celestino (Ita) a 13'48"
29) Christophe Le Mevel (Fra) a 23'49"
32) Paolo Bettini (Ita) a 33'03"
158) Russel Van Hout (Aus) a 3h12'56"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione