Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 22:14

Vela, la Puglia vola  è settima in Italia

di GAETANO CAMPIONE
BARI - Mercoledì 22 si terrà a Bari la VII edizione del Gala della vela, durante la quale saranno premiati i pugliesi protagonisti dell’ultima stagione agonistica. Giovedì 23, invece, il consiglio federale al gran completo, col presidente nazionale Carlo Croce, si riunirà a palazzo Fizzarotti. La città di San Nicola, così, sarà per due giorni la capitale della vela italiana. Concretezza, competenza e senso della misura. Sono le doti dell’uomo del miracolo, di Raffaele Ricci, presidente dell’VIII Zona Fiv, che lascerà dopo due mandati. Otto anni di successi, di trend in positivo, di dati in crescita, grazie ai quali la Puglia si è insediata al settimo posto nelle regioni italiane
Vela, la Puglia vola  è settima in Italia
di GAETANO CAMPIONE

BARI - Mercoledì 22 si terrà a Bari la VII edizione del Gala della vela, durante la quale saranno premiati i pugliesi protagonisti dell’ultima stagione agonistica. Giovedì 23, invece, il consiglio federale al gran completo, col presidente nazionale Carlo Croce, si riunirà a palazzo Fizzarotti. La città di San Nicola, così, sarà per due giorni la capitale della vela italiana.

Concretezza, competenza e senso della misura. Sono le doti dell’uomo del miracolo, di Raffaele Ricci, presidente dell’VIII Zona Fiv, che lascerà dopo due mandati. Otto anni di successi, di trend in positivo, di dati in crescita, grazie ai quali la Puglia si è insediata al settimo posto nelle regioni italiane.

Ecco, le cifre da ricordare: 6508 tesserati (all’inizio dell’avventura erano 3400), 44 circoli (gli ultimi tre sono la Lni Matera-Castellaneta, la Lni Vieste e il Cn Rodi Garganico), 36 scuole di vela, un calendario agonistico zeppo di regate (180) e tante soddisfazioni. Che tradotte in risultati, per il 2011, significano i primi posti al campionato mondiale Platu 25 in Austria con «Euz II» di Francesco Lanera (Lni Monopoli), all’europeo match race youth di Marsala con Valerio Galati e il suo equipaggio (Lni Trani), al campionato italiano Orc di Trieste con «Exprivia Luduan» di Giovanni Sylos Labini (Cv Bari). Senza dimenticare il secondo posto al mondiale Orc in Croazia di «Scricca» di Gianfranco Cioce.


Il tutto in un panorama sotto il profilo delle infrastrutture (leggi porti turistici) che a causa della crisi economica e delle interminabili lungaggini burocratiche istituzionali (è il caso della città di Bari) non favorisce certamente la diffusione della vela, rendendo la mission del presidente difficile.

Dunque, grazie Ricci. Da parte di tutta la Puglia che vola sulle ali del vento. E l’arrivo del presidente federale, Carlo Croce, col consiglio federale, come ha ricordato il numero uno della vela italiana «vuole essere un piccolo gesto di gratitudine per tutto quello che ha fatto Raffaele».

Ricci è anche ambasciatore del buon vento. Infatti, ha ripreso i contatti con la Croazia, diventando promotore nella creazione della Federazione vela albanese (Fva), riconosciuta dal Comitato olimpico del paese delle aquile. Insomma, l’eredità del presidente zonale è di quelle stimolanti. Per raccogliere il testimone c’è ancora tempo. E sicuramente Raffaele Ricci non resterà con le mani in mano.

Intanto, si accendono i riflettori sul Gala, in programma martedì nella sede del Circolo della Vela (molo borbonico) di Bari. Tra i premi da assegnare quelli del dirigente dell'anno 2011, istituito dalla Zona e dedicato a Florenzo Brattelli; dell'armatore dell'anno, istituito e dedicato al senatore Giuseppe Degennaro dalla sua famiglia; dell'atleta dell'anno, istituito e dedicato a Gianni Modugno dalla sua famiglia; del Fairplay, offerto dal Club Bari del Panathlon International; dell'ufficiale di regata dell'anno e del il tecnico dell'anno, istituiti sempre dalla Zona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione