Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 05:54

L’Andria affonda a Prato nella Prima Divisione

PRATO - Il Prato porta a casa tre punti preziosi in chiave salvezza, battendo l'Andria per 2-1 al «Lungobisenzio» nel recupero della sesta giornata di ritorno. Una battuta d'arresto che poteva essere evitata dalla squadra di mister Cosco, costretta alle corde da una compagine incerottata come quella di Esposito, il quale ha cambiato le carte in tavola all'ultimo minuto per il forfeit di Manucci e Cavagna, fermati nella notte da un attacco influenzale
L’Andria affonda a Prato nella Prima Divisione
Prato - Andria 2-1 

PRATO: Layeni 7; Dametto 7, Lamma 6,5, Ghinassi 6; Scrugli 6, Fogaroli 6,5, Geroni 6 (15' st Corvesi 6), De Agostini 7; Pisanu 6,5 (43' st Gianotti sv); Napoli 6,5, Silva Reis 6,5 (20' st Morelli 6). A disp.: D'Oria, Visibelli, Varutti, Alberti. All.: Esposito.

ANDRIA: Rossi 6; Meccariello 6,5, Cossentino 5,5, Mucciante 6, Contessa 6; Comini 6,5 (26' st Minesso 6,5), Marsili 5,5, D'Alessandro 5,5 (1' st Taormina 6,5), Arini 6; Russo 5,5 (1' st La Mantia 7), Del Core 6,5. A disp.: Sansonna, La Rosa, Ballardini, Loiodice. All.: Cosco.

ARBITRO: Giorgetti di Cesena.

RETI: pt 15' Silva Reis (P); st 42' Pisanu (P), rig., 49' La Mantia (A).

NOTE: giornata variabile, terreno di gioco allentato dalla pioggia caduta prima della gara. Ammoniti Dametto, Fogaroli, Napoli, Marsili, Cossentino e Del Core. Spettatori un migliaio circa. Calci d'angolo 6-2 per l'Andria. Recupero: pt 1'; st 4'.

PRATO - Il Prato porta a casa tre punti preziosi in chiave salvezza, battendo l'Andria per 2-1 al «Lungobisenzio» nel recupero della sesta giornata di ritorno. Una battuta d'arresto che poteva essere evitata dalla squadra di mister Cosco, costretta alle corde da una compagine incerottata come quella di Esposito, il quale ha cambiato le carte in tavola all'ultimo minuto per il forfeit di Manucci e Cavagna, fermati nella notte da un attacco influenzale.

La partita inizia con gli ospiti che si affacciano in avanti con più determinazione nei primi minuti. Il Prato non riesce a trovare le misure giuste per costruire in fase offensiva. Bisogna aspettare il 6' prima di vedere la prima azione dei biancazzurri. Silva Reis riceve palla sulla sinistra, serve l'accorrente Napoli che all'altezza del limite dell'area di rigore stoppa il pallone e prova la conclusione. Rossi però è attento e blocca. Il Prato ha un buon momento e al 16' trova il meritato gol del vantaggio. Pisanu con un assist delizioso in verticale pesca l'accorrente De Agostini sulla fascia sinistra. L'esterno mette in mezzo rasoterra di prima e Silva Reis in inserimento deposita la palla in rete di piatto destro. Il Prato continua sulle ali dell'entusiasmo e Napoli regala al pubblico un gesto tecnico d'altra categoria. Il numero undici di casa al 23' è protagonista di un gran tiro dalla lunga distanza al volo. L'estremo difensore pugliese però è attento e blocca il pallone. Un minuto dopo è ancora Prato. Questa volta è il palo a fermare la formazione biancazzurra. Pisanu, infatti, dopo aver ricevuto la palla in area di rigore, si gira in fazzoletto, spalle alla porta e colpisce in pieno il legno. Da qui alla fine del primo tempo, non succede quasi più niente.

Nella ripresa l'Andria entra con un altro piglio. Il tecnico pugliese effettua alcuni accorgimenti tattici, aumentando il reparto offensivo. La squadra di Cosco sembra rigenerata e mette in difficoltà i biancazzurri all'11', ma Layeni si oppone ad un botta di Del Core da distanza ravvicinata. I lanieri ripartono in contropiede ed al 12' sfiorano il raddoppio con Lamma che sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Pisanu conclude fuori da pochi passi. Passano i minuti e l'Andria si avvicina dalla parti di Layeni con Taormina al 25'. Il portiere di casa si distende sul tiro dell'avversario e devia in corner. La partita sembra destinata a finire senza altre grosse emozioni, ma al 41' i locali ottengono un calcio di rigore per l'atterramento di Napoli ad opera di Cossentino. Pisanu s'incarica della battuta e spiazza l'estremo difensore pugliese.

Sul finale, nei minuti di recupero, l'Andria prova il tutto per tutto, ma riesce soltanto ad accorciare le distanze con La Mantia bravo a depositare in rete di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo, chiudendo il risultato sul definitivo 2-1 a favore dei lanieri.

Luca Cellini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione