Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 15:03

Ciclismo - Di Luca si rimette la maglia rosa

Il nuovo leader del Giro d'Italia non ha aspettato la crono di domani. La Grosseto-Pistoia, settima tappa di 211 chilometri con tante di quelle insidie (compresa la pioggia) da assomigliare ad una classica del Nord, premia però la lunga cavalcata dello spagnolo Koldo Gil Perez
PISTOIA - Non ha aspettato la crono di domani, il Giro, per rivoluzionare la classifica. La Grosseto-Pistoia, settima tappa di 211 chilometri con tante di quelle insidie (compresa la pioggia) da assomigliare ad una classica del Nord, premia la lunga cavalcata dello spagnolo Koldo Gil Perez (Liberty Seguros), durata in totale 190 chilometri, ma soprattutto l'azione, sul Sammommè, della premiata ditta Simoni-Cunego, i nemici in casa Lampre che ne approfittano per mettere in affanno pretendenti come Ivan Basso e Stefano Garzelli, che nel finale cade assieme al compagno di squadra Dario David Cioni senza particolari conseguenze. Nella volata dei battuti Cunego batte un Danilo Di Luca che sorprende ancora: è l'unico della Liquigas a reggere in salita e si ritrova ancora in maglia rosa in virtù della «crisi» di Paolo Bettini, stancatosi troppo in questa settimana per poter reggere ancora con i migliori.
C'è subito la fuga di giornata perché, dopo 31 chilometri, sulla salitella di Roccastrada, se ne vanno addirittura in ventuno, tra cui il campione d'Italia Cristian Moreni ed il ligure Mirko Celestino, che per un bel tratto di strada sarà maglia rosa virtuale. Nel frattempo si ritira Ivan Quaranta, già in difficoltà ieri per problemi allo stomaco, e cade Matteo Tosatto nel giorno del suo compleanno. I battistrada raggiungono un vantaggio massimo di 12'42» al Km 78 ma non appena la Quick Step comincia ad aumentare il ritmo il drappello perde colpi per disgregarsi sul Sammommè, il Gpm di prima categoria situato a 23 chilometri dalla fine. Cerca di anticipare tutti lo svizzero Steve Zampieri ma, quando la strada si fa dura, esce allo scoperto Koldo Gil mentre, alle sue spalle, inizia la corsa nella corsa tra gli uomini di classifica. Come previsto, Gilberto Simoni si alza sui pedali per tentare lo scatto, in un gioco di squadra che vede coinvolto anche Damiano Cunego. Il progetto della Lampre-Caffita è chiaro: far perdere secondi a Ivan Basso e Stefano Garzelli, che infatti restano staccati così come Paolo Bettini e Serhiy Honchar. La discesa è pericolosa ma non crea altre soprese: Koldo Gil vince a mani alzate, Cunego batte Di Luca per il secondo posto con Simoni pronto ad ammettere che non sapevano del successo dello spagnolo. Cose che capitano.
E' l'appuntamento cruciale della prima settimana dell'88.imo Giro d'Italia. La ottava tappa propone la prima cronometro, 45 chilometri tra Lamporecchio e Firenze per specialisti che sappiano affrontare a tutta la salita e buttarsi poi a capofitto verso il traguardo. Il percorso, inutile nasconderlo, è difficilissimo: dopo una decina di chilometri in pianura arriva la prima e unica salita, dove è posto il Gran Premio della Montagna di terza categoria ed il secondo rilevamento (il primo era a Vinci, al Km 8,4).
La salita è pedalabile ma da affrontare dosando bene le energie in vista dei venti chilometri conclusivi da correre a tutta verso la linea di meta. L'Intergiro, dove è situato il terzo ed ultimo rilevamento, è a Poggio a Caiano, dopo 28,6 chilometri. Gli specialisti sono i grandi favoriti, tra cui l'ucraino Honchar ma anche corridori come Garzelli e Basso (quest'ultimo ha saggiamente provato la crono in anticipo, intuendo che qui la classifica subirà il primo scossone).

Ordine d'arrivo della settima tappa del Giro d'Italia, Grosseto-Pistoia di km. 211 (a Stefano Garzelli, caduto a 1.400 metri dall'arrivo, è stato attribuito il distacco del gruppetto cui apparteneva)

1) Koldo Gil Perez (Spa/Liberty Seguros) in 5h08'17" alla media oraria di km. 41,066 (abbuono 20")
2) Damiano Cunego (Ita) a 20" (abb. 12")
3) Danilo Di Luca (Ita) s.t. (abb. 8")
4) Mirko Celestino (Ita) s.t.
5) Patrice Halgand (Fra) s.t.
6) Sandy Casar (Fra) s.t.
7) Matthias Kessler (Ger) s.t.
8) Christophe Brandt (Bel) s.t.
9) Paolo Savoldelli (Ita) s.t.
10) Theo Eltink (Ola) s.t.
11) Ivan Parra (Col) s.t.
12) Marco Fertonani (Ita) s.t.
13) Gilberto Simoni (Ita) s.t.
14) Evgeni Petrov (Rus) a 27"
15) Laurent Lefevre (Fra) a 31"
16) Josè Rujano Guillen (Ven) s.t.
17) Michele Scarponi (Ita) a 47"
18) Marzio Bruseghin (Ita) a 50"
19) Emanuele Sella (Ita) s.t.
20) Daniel Atienza Urendez (Spa) s.t.
22) Ivan Basso (Ita) s.t.
26) Dario David Cioni (Ita) s.t.
28) Luca Mazzanti (Ita) a 1'36"
36) Vladimir Karpets (Rus) s.t.
37) Paolo Bettini (Ita) a 1'48"
45) Serguei Honchar (Ucr) a 1'49"
56) Stefano Garzelli (Ita) a 50"
71) Leonardo Bertagnolli (Ita) a 4'29"
82) Erik Zabel (Ger) a 7'56"
104) Alessandro Petacchi (Ita) a 11'53"
186) Henk Vogels (Aus) a 19'59"
Partiti 188, arrivati 186. Ritirati: Ivan Quaranta (Ita), David Lopez Garcia (Spa).

Classifica generale dopo la settima tappa del Giro d'Italia (percorsi km. 1.399,150)

1) Danilo Di Luca (Ita/Liquigas-Bianchi) in 35h06'41" lla media oraria generale di km. 39,848
2) Damiano Cunego (Ita) a 26"
3) Mirko Celestino (Ita) a 54"
4) Gilberto Simoni (Ita) s.t.
5) Dario David Cioni (Ita) a 1'06"
6) Stefano Garzelli (Ita) a 1'14"
7) Mauricio Ardila Cano (Spa) a 1'15"
8) Michele Scarponi (Ita) a 1'16"
9) Paolo Savoldelli (Ita) a 1'26"
10) Ivan Basso (Ita) a 1'27"
11) Cristian Moreni (Ita) a 1'31"
12) Paolo Bettini (Ita) a 1'33"
13) Emanuele Sella (Ita) a 1'44"
14) Luca Mazzanti (Ita) a 1'49"
15) Andrea Noè (Ita) a 1'53"
16) Matthias Kessler (Ger) a 2'06"
17) Haimar Zubeldia Agirre (Spa) a 2'13"
18) Giampaolo Caruso (Ita) a 2'19"
19) Serguei Honchar (Ucr) a 2'23"
20) Marzio Bruseghin (Ita) a 2'25"
...
32) Pietro Caucchioli (Ita) a 2'47"
33) Vladimir Karpets (Rus) a 2'52"
73) Alessandro Petacchi (Ita) a 13'57"
186) Russel Van Hout (Aus) a 1h07'26"

CLASSIFICA A PUNTI GENERALE (MAGLIA CICLAMINO)

1. DANILO DI LUCA (ITA, Liquigas-Bianchi) punti 85
2. Robbie McEwen (Aus, Davitamon-Lotto) 77
3. PAOLO BETTINI (ITA, Quick Step) 71

CLASSIFICA GPM GENERALE (MAGLIA VERDE)

1. Koldo Gil Perez (Spa, Liberty Seguros) punti 21
2. Josè Rujano Guillen (Ven, Colombia Selle Italia) 13
3. Thorwald Veneberg (Ola, Rabobank) 7

CLASSIFICA INTERGIRO (MAGLIA AZZURRA)

1. Sven Krauss (Ger, Gerolsteiner) in 17h52'16"
2. PAOLO BETTINI (ITA, Quick Step) a 16"
3. STEFANO ZANINI (ITA, Quick Step) a 38"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione