Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 20:21

Il Lecce cade a Udine Di Michele non basta

UDINE - Nella ventunesima giornata della serie A di calcio, la squadra di Cosmi esce sconfitta dal Friuli contro l'Udinese. Bianconeri subito in vantaggio col neo acquisto Pazienza (2'). Al 26' arriva il pareggio di Di Michele. Ma al 36' è Di Natale a riportare in vantaggio i padroni di casa. Vani i tentativi, anche nella ripresa, della squadra di Cosmi di addrizzare nuovamente la partita
• I risultati: il Cesena pareggia a Napoli
• La classifica: Lecce resta a quota 16
• I cannonieri: avanza Di Michele
• Il prossimo turno: Lecce-Bologna
Il Lecce cade a Udine Di Michele non basta
UDINESE-LECCE 2-1 (2-1 già nel primo tempo)

UDINESE (3-5-1-1): Handanovic 5.5; Ferronetti 6, Danilo 6, Domizzi 6; Basta 6, Isla 7, Pazienza 6, Fernandes 6, Pasquale 6; Floro Flores 6 (28' st Fabbrini sv); Di Natale 7. In panchina: Padelli, Ekstrand, Coda, Fanchone, Battocchio, Torje. Allenatore: Guidolin. 
LECCE (3-5-2): Benassi 6.5; Odddo 6, Miglionico 6, Tomovic 6; Grossmuller 5.5 (40'st Seferovic sv), Giacomazzi 5 (10' st Bertolacci 6), Obodo 6, Delvecchio 5, Brivio 5.5; Muriel 6.5 (27' st Corvia 6), Di Michele 7. In panchina: Petrachi, Diamoutene, Giandonato, Piatti, Seferovic. Allenatore: Cosmi. 
ARBITRO: Doveri di Roma Uno 6.
RETI: 2'pt Pazienza, 26'pt Di Michele, 36'pt Di Natale. 
NOTE: serata fredda, terreno in buone condizioni, spettatori 8.000 circa. Ammoniti Danilo, Pazienza. Recupero: 2'; 4'.

UDINE - Pronostico rispettato, ha vinto l’Udinese, al suo decimo successo casalingo su undici incontri, ma il suo successo non è stato limpido, il Lecce si è rivelato fiero avversario, a tratti difficile da affrontare. Ma la squadra di Guidolin ancora una volta ha trovato il jolly con il suo uomo in più, Di Natale, che ha segnato il gol del 2-1 dopo quello iniziale di Pazienza che non poteva festeggiare nel modo migliore il suo esordio con i bianconeri di Guidolin. 

Il match si è messo subito bene per la formazione di Guidolin che, dopo 90», si è trovata in vantaggio: punizione dalla trequarti di Di Natale, la difesa leccese si è fatta sorprendere e Pazienza, scattato alle spalle di tutti, ha incornato di precisione superando Benassi. Poi per altri 5' si è vista solo l’Udinese con Floro Flores che, al 6', lanciato da Pasquale, si è trovato solo davanti al portiere, ma Miglionico è stato bravo ad ostacolarlo costringendo l'attaccante dei bianconeri a colpire maldestramente e alto. La partita, quindi, ha mutato fisionomia, il Lecce ha si è organizzato, ha creato gioco di qualità, con Muriel molto vivace e il colombiano al 9', dopo scambio corto con Di Michele, stava entrando in area, ma Danilo lo ha ostacolato fallosamente. Punizione di Grossmuller senza esito. 

L’Udinese tutto sommato si è difesa senza affanno e Handanovic ha dovuto intervenire solamente su tiri da lontano. Poi al 26' il Lecce è riuscito a portarsi meritatamente sull'1-1 con un gol fantastico dell’ex Di Michele: l’attaccante, palla al piede, giunto a un metro dal vertice dell’area sulla sinistra, ha fatto partire un tiro cross che ha sorpreso nettamente Handanovic con il pallone si si è infilato nell’angolino alto più lontano. 

Il Lecce, sulle ali dell’entusiasmo, ha continuato a premere e alla mezzora, dopo azione corale, Muriel dal limite ha sfiorato il palo con Handanovic fermo. L’Udinese è sembrata incapace di imbastire un’azione degna di nota, Fernandes e Pazienza hanno toccato pochi palloni, il solo Isla è parso dinamico e costruttivo e ha trovato un prezioso alleato sulla destra in Basta. Ma il Lecce ha rovinato il suo bel primo tempo commettendo un un altro errore che ha consentito a Floro Flores di smarcare in area al 36' Di Natale che ha insaccato di piatto destro con rara precisione. L’ultimo brivido si ha al 46' per merito di Lecce: Giacomazzi, dopo scambio corto con Di Michele è entrato in aerea e, da posizione di ala destra, ha sparato fuori. 

Nel secondo tempo la partita è un pò scaduta, le due squadre hanno sbagliato oltre il lecito anche se Isla da una parte, Di Michele dall’altra sono stati tra i più attivi e all’8' Isla per poco non ha segnato la terza rete, ma sulla sua conclusione Benassi è stato bravo a deviare in angolo. Poi il Lecce le ha provate tutte per pareggiare. Cosmi ha richiamato anche Muriel, meno vivace rispetto al primo tempo, inserendo Corvia. Ma tutto è stato vano, l'Udinese bene o male è riuscita a proteggere Handanovic.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione