Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 10:30

Castellana, 3-0 a Genova continua duello con Perugia Molfetta cade a Milano

GENOVA - Continua il duello a distanza tra la New Mater e Perugia, anche dopo la sesta giornata di ritorno della A2 maschile di pallavolo distanziate di un solo punto in classifica. Entrambe le pretendenti al trono della serie A2 liquidano agevolmente le rispettive pratiche e si distanziano dalle inseguitrici, adesso scivolate a sette punti dalla vetta. Infatti Segrate cade rovinosamente a Roma contro il Club Italia, prossima avversaria degli umbri
Castellana, 3-0 a Genova continua duello con Perugia Molfetta cade a Milano
CARIGE GENOVA-CASTELLANA GROTTE 0-3 

GENOVA:Nuti 2, Yordanov 18; Ruiz 6, Meszaros 12; Pecorari 3, Polidori 6; Rizzo (L), Ainsworth 2, Tibaldo, Nonne. N.e. Donati, Manassero. Allenatore Del Federico.

BCC-NEP CASTELLANA:Falaschi 4, Milushev 20; Castellano 9, Rodriguez 11; Elia 5, Salgado 6; Ricciardello (L), Cazzaniga, Cicola, Maric 1. N.e. Giosa, Torre, Rinaldi. Allenatore Di Pinto.

ARBITRI:Montanari di Lugo (Ra) e Puletti di Città di Castello (Pg)

PROGRESSIONE SET:22-25 (in 29’), 21-25 (in 28’), 21-25 (in 29'), per un totale di un’ora e 26 minuti.

NOTEBattute vincenti: Castellana 6, Genova 8. Battute sbagliate: Castellana 8, Genova 9. Muri: Castellana 8, Genova 6.

GENOVA - Continua il duello a distanza tra la New Mater e Perugia, anche dopo la sesta giornata di ritorno distanziate di un solo punto in classifica. Entrambe le pretendenti al trono della serie A2 liquidano agevolmente le rispettive pratiche e si distanziano dalle inseguitrici, adesso scivolate a sette punti dalla vetta.

Infatti Segrate cade rovinosamente a Roma contro il Club Italia, prossima avversaria degli umbri, così come Molfetta a Milano. Tra sei giorni la Bcc-Nep ospiterà Isernia, reduce dal bel successo interno sul Corigliano (3-1) per un turno sulla carta più agevole e che potrebbe aiutare i gialloblu a sopravanzare i rivali prima del derby del Pala Poli.

Questa volta il sestetto pugliese si è dimostrato cinico, organizzato e più convincente rispetto alle ultime uscite nonostante affrontasse una formazione di valore e in forma. Neanche la semi odissea che alla vigilia ha interessato i baresi – a causa del maltempo l’aereo è atterrato a Pisa e la squadra ha proseguito in pullman giungendo a Genova in tarda serata – è riuscita a deconcentrarli. In ottantasei minuti il «sei più uno» di coach Di Pinto risponde alla capolista che contemporaneamente in Lombardia sbaragliava, lasciando solo cinquanta punti (-16, -15, -19), Cantù, una settimana prima capace di spaventare proprio Castellana.

Sulla gara poco da eccepire ai gialloblu trascinati dalla diagonale Falaschi, ottima la sua regia, e Milushev, mattatore della gara (20 punti) e vincitore del duello a distanza contro l’opposto, nonché connazionale, Yordanov, miglior realizzatore della categoria. Castellana si aggiudica le prime due partite grazie agli acuti nel finale: nel primo è buona la reazione dopo il break locale (con Yordanov e Benito Ruiz dal 18-13 al 20-22), chiude con Cazzaniga in battuta per un parziale di 5 a 0 (25-22). Una dubbia decisione arbitrale consegna alla Mater il doppio vantaggio (20-18): conclude un bolide di Milushev in diagonale (25-21). Il terzo set è sigillato prima da Rodriguez e Milushev (16-13) poi da Salgado, Elia e Castellano (21-25).

gia. ca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione