Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 13:10

Cras, caccia a scudetto e Coppa dopo delusione in Eurolega di basket

di ANGELO LORETO
TARANTO - La trasferta più lunga è stata anche l’ultima. Taranto torna da Mosca con la consapevolezza che la sconfitta per 77-53 è coincisa con l’ultima gara esterna dell’Eurolega 2012. Una vittoria avrebbe ancora tenuto in vita le speranze di qualificazione, vista la sconfitta di Montpellier a Kosice, e invece è venuta fuori tutta la forza dello Spartak capolista del girone C. La Coppa Italia si giocherà il 17 e 18 marzo nella final four di Schio, mentre dopodomani al PalaMazzola c’è la terza di ritorno di campionato contro Lucca (il 5 febbraio match televisivo a Umbertide alle 19 su Rai Sport 2)
Cras, caccia a scudetto e Coppa dopo delusione in Eurolega di basket
di ANGELO LORETO

TARANTO - La trasferta più lunga è stata anche l’ultima. Il Cras Taranto torna da Mosca con la consapevolezza che la sconfitta di due giorni fa per 77-53 è coincisa con l’ultima gara esterna dell’Eurolega 2012. Una vittoria avrebbe ancora tenuto in vita le speranze di qualificazione, vista la sconfitta di Montpellier a Kosice, e invece è venuta fuori tutta la forza dello Spartak capolista del girone C.

«In più alle loro qualità si è aggiunta l’assenza pesante del nostro play Sottana e l’impiego fuori ruolo di alcune giocatrici in questa emergenza» commenta il capitato Valentina Siccardi, riferendosi alla scelta necessaria del tecnico Roberto Ricchini di utilizzare Greco e la stessa brindisina nel ruolo di vice-Gianolla. Era l’ultima spiaggia per proseguire la corsa europea, ma quella delle rossoblù si è fermata alla vigilia dell’ultimo match della fase regolamentare, mercoledì prossimo alle 20.30 al PalaMazzola contro il Rivas Ecopolis Madrid. In teoria il Cras non è ancora matematicamente fuori, ma per arrivare quinto dovrebbe vincere con una cinquantina di punti di scarto e sperare che Montpellier perda contro Mosca con un distacco simile. Fantabasket.

«Dispiace essere ovviamente fuori dai playoff – ammette Siccardi -, ma i punti importanti persi non sono quelli di Mosca, bensì quelli lasciati in precedenti match, come le sfide con Rivas e Kosice», gare che il Cras avrebbe potuto fare sue tra la fine di novembre e la metà di dicembre scorso. E invece è fuori dall’Eurolega, alla sua terza partecipazione alla Champions del basket, dopo i quarti raggiunti lo scorso anno e gli ottavi di due stagioni fa. Quando c’è ancora una gara da giocare, le rossoblù chiudono la massima competizione continentale per club con 5 vittorie e 8 sconfitte. La miglior realizzatrice del Cras è stata Kia Vaughn, con 14.3 punti di media a match (21ma totale). La statunitense è anche la miglior rimbalzista con 8.8 di media, mentre la miglior assist-woman è Simona Ballardini con 2.3 a partita. Taranto chiude con il 16mo attacco su 23 squadre (67.8 di media) e la 15ma difesa (71.2 subiti), è undicesima nel tiro dal campo (44.1%) e 16ma per i rimbalzi totali (34.6 a match).

«Ma noi restiamo serene – assicura Siccardi - e vogliose di concentrarci adesso sul terreno italiano, dove daremo la caccia alla Coppa Italia ed allo scudetto». Il Cras resta infatti in corsa nei due traguardi nazionali: la Coppa Italia si giocherà il 17 e 18 marzo nella final four di Schio, mentre dopodomani al PalaMazzola c’è la terza di ritorno di campionato contro Lucca (il 5 febbraio match televisivo a Umbertide alle 19 su Rai Sport 2).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione