Cerca

Pennetta vinta da mal di schiena si ritira in finale

ROMA – Finale sfortunata per Flavia Pennetta al torneo di Auckland. L’azzurra, testa di serie numero 4, è stata costretta al ritiro all’inizio del terzo set della sfida contro la cinese Zheng Jie, che si aggiudica il titolo, a causa di un problema alla schiena. La finale, inizialmente in programma ieri, era stata rinviata per la pioggia. Gli organizzatori, visto il perdurare del maltempo, hanno spostato il match su un campo indoor
Pennetta vinta da mal di schiena si ritira in finale
ROMA – Finale sfortunata per Flavia Pennetta al torneo di Auckland. L’azzurra, testa di serie numero 4, è stata costretta al ritiro all’inizio del terzo set della sfida contro la cinese Zheng Jie, che si aggiudica il titolo, a causa di un problema alla schiena. La finale, inizialmente in programma ieri, era stata rinviata per la pioggia. Gli organizzatori, visto il perdurare del maltempo, hanno spostato il match su un campo indoor. 

Vinto il primo set 6-2 Pennetta è stata poi sempre condizionata dal dolore alla schiena. Già sul 5-2 la brindisina aveva chiesto l’intervento del medico, che le aveva praticato un massaggio nel tentativo di lenire il dolore. L’azzurra ha poi provato a continuare ma era condizionata soprattutto ai turni di servizio. Ceduto 6-3 il secondo set, è stata costretta al ritiro nel terzo con la Zheng in vantaggio 2-0 dopo un’ore e 35 minuti di gioco. 

Ad Auckland l’azzurra poteva conquistare il titolo numero dieci in carriera nel circuito maggiore. La Pennetta non aveva ceduto neppure un set nei quattro incontri giocati prima della finale, mettendo in mostra un’ottima condizione fisica proprio in vista degli Australian Open al via tra poco più di una settimana. 
“E' stato una grande torneo - ha detto la tennista azzurra – ho giocato molto bene durante tutta la settimana, peccato per questo dolore alla schiena che mi ha costretto al ritiro”. La Pennetta era già stata finalista ad Auckland nel 2010. Per la Zheng, 28 anni e numero 48 del ranking Wta, è il quarto titolo in carriera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400