Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 17:32

Bari fra mercato e società  Il sogno resta Babacar

di FABRIZIO NITTI
BARI - La vicenda societaria a tenere banco, ma è anche tempo di mercato. Le festività natalizie hanno momentaneamente messo il silenziatore ad una questione vitale per la società biancorossa. L’incontro tenuto nei giorni scorsi è comunque servito a gettare «l’amo»: nel corso della prossima settimana qualcosa potrebbe essere tirato su. Ma non è facile far fiorire l’idea, seppur affascinante. Resta il mercato, che ufficialmente si aprirà la settimana prossima, ma che ufficiosamente è già avviato da tempo
Bari fra mercato e società  Il sogno resta Babacar
di FABRIZIO NITTI

BARI - La vicenda societaria a tenere banco, ma è anche tempo di mercato. Le festività natalizie hanno momentaneamente messo il silenziatore ad una questione vitale per la società biancorossa. L’incontro tenuto nei giorni scorsi è comunque servito a gettare «l’amo»: nel corso della prossima settimana qualcosa potrebbe essere tirato su. Ma non è facile far fiorire l’idea, seppur affascinante.

Resta il mercato, che ufficialmente si aprirà la settimana prossima, ma che ufficiosamente è già avviato da tempo. Angelozzi oggi farà rientro in sede (la squadra riprenderà in giornata gli allenamenti) e non è escluso che nei prossimi giorni si organizzi un summit operativo con l’amministratore unico Garzelli e il tecnico Torrente. Il Bari, è noto, non ha ampi margini di manovra per quanto riguarda le «entrate». Ancora una volta bisognerà fare di necessità virtù, affidarsi... all’estro creativo. Il «sogno», per quanto riguarda la voce arrivi», è sempre l’attaccante senegalese Babacar, classe 1993, alla «viola» dalla stagione 2008-2009. Il calciatore è stato già oggetto dei desideri dei dirigenti baresi nell’estate scorsa, ma ha sempre declinato gli inviti del club dei Matarrese, sperando in un maggiore spazio in Toscana. Fino ad oggi, in verità, la scelta non ha premiato il ragazzo, rimasto ai margini della prima squadra: una sola presenza in campionato, appena tredici minuti giocati. E la storia non sembra essere cambiata da quando sulla panchina gigliata si è seduto Delio Rossi. A favore del Bari giocano i buoni rapporti che interocorrono fra Corvino e Angelozzi, ma tutto sta a convincere il ragazzo.

Si registrano, invece, molti rumori attorno a qualche calciatore barese, fermo restando che nessuno è incedibile. Intorno a Massimo Donati si muovono tre società di serie A: si ripropone il Cagliari, già sul capitano nei giorni di chiusura della sessione estiva; si affaccia il Siena, dove Donati vanta l’estimatore Perinetti; insiste il Novara. Non va esclusa a priori la cessione di Donati, soprattutto se la situazione societaria non dovesse sbloccarsi (ad Angelozzi potrebbe essere chiesto di monetizzare il più possibile). La Juve Stabia ha chiesto informazioni su Luca Ceppitelli; Marotta piace a Ternana, Barletta, Gubbio e Spezia, che è più avanti; su Salvatore Masiello c’è sempre l’interesse del Torino. Con l’Atalanta si potrebbe chiudere in anticipo la «comproprietà» di Andrea Masiello: il Bari incasserebbe subito anche l’altra metà del cartellino del difensore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione