Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 14:11

Lecce, gli acquisti per risalire la china

di MASSIMO BARBANO
LECCE - Se sarà una ristrutturazione radicale o solo un consolidamento statico lo dirà l’evolversi di questo mercato di riparazione che è ormai alle porte con le occasioni che offrirà, ma anche e soprattutto con i movimenti in uscita che ci saranno. Di certo, sarà necessario apportare dei correttivi per puntellare una squadra che è in forte deficit di punti in questo primo scorcio di campionato. Intanto ci potrebbe essere un problema-portiere
Lecce, gli acquisti per risalire la china
di Massimo Barbano

LECCE - Se sarà una ristrutturazione radicale o solo un consolidamento statico lo dirà l’evolversi di questo mercato di riparazione che è ormai alle porte con le occasioni che offrirà, ma anche e soprattutto con i movimenti in uscita che ci saranno.

Di certo, sarà necessario apportare dei correttivi per puntellare una squadra che è in forte deficit di punti in questo primo scorcio di campionato.

Intanto ci potrebbe essere un problema-portiere. Pur prendendo atto delle ottime prestazioni fin qui offerte da Benassi, è evidente che, un po' per scelte tecniche, un po' per scelte obbligate dagli infortuni, è stato necessario in corso d'opera derogare da quella che era l'idea iniziale, cioè affidare la difesa della porta a Julio Sergio. Un'idea, che per i motivi già detti, non ha trovato attuazione e che potrebbe quindi essere modificata. Se Julio Sergio tornasse alla Roma, potrebbe arrivare un altro portiere. Obiettivo puntati su Frison del Vicenza o su Arcari del Brescia, o, infine, uno scambio con la stessa Roma per Curci.

Le partenze riguarderanno anche altri settori come la difesa dove è abbastanza probabile la partenza di Mesbah destinazione Friburgo in Germania o Shandong Luneng in Cina. Un terzino sinistro è fra gli obiettivi del Lecce per avere un'alternativa a Brivio che, se partisse esbah, rimarrebbe l'unico a coprire il ruolo. Possibili obiettivi Vitale del Napoli, Perico del Cagliari, Daprela del Brescia o Laner dell'Albinoleffe.

Il centrocampo è il comparto più affollato, dove non ci sarebbe bisogno di mettere mano, almeno per quanto riguarda i numeri. È tuttavia possibile che Giandonato ritorni alla Juventus, mentre si cercherà di piazzare Bergougnoux (possibile destinazione il Montpellier).

In attacco non si muoveranno i pezzi da novanta dell'Udinese: Cuadrado e Muriel resteranno a Lecce almeno fino a giugno. Potrebbe invece partire Corvia (destinazioni possibili il Pescara o l'Albinoleffe). Nell'agenda di Cosmi c'è anche un attaccante centrale, una prima punta di peso, possibilmente un «lungo» del quale sfruttare i colpi di testa. In lizza ci potrebbero sono Ardemagni, Bjelanovic e un clamoroso ritorno: Cristiano Lucarelli che ha vestito la maglia del Lecce nei primi anni Duemila.

Intanto i giocatori si stanno godendo ancora gli ultimi spiccioli delle vacanze. Dopodomani è previsto il raduno a Calimera, fatta eccezione per i sudamericani che avranno due giorni in più di permesso.

«Non vediamo l’ora dio riprendere per recuperare il tempo perduto - afferma Davide Brivio - purtroppo quello che è mancato sono soltanto i risultati, perchè le prestazioni sono state sempre abbastanza soddisfacenti. I nove punti che abbiamo in classifica sono pochi, ma non rispecchiano il nostro reale valore. Credo comunque che ci siano i margini per poter recuperare terreno, anche perché con i risultati dell'ultima giornata dell'anno Novara e Cesena sono alla nostra portata. Ora è importante ripartire al più presto».

Ancora uno sguardo sulla partita di San Siro: «L'Inter ci ha messo molto più in difficoltà rispetto ad altri avversari anche importanti, come Parma e soprattutto Lazio. Contro le grandi squadre è sempre difficile, eppure noi sul 2-1 abbiamo avuto due grandi occasioni con Daniele (Corvia, ndr) per rimettere la gara in piedi. Se una delle due l'avessimo buttata dentro chissà come sarebbe andata la partita. Purtroppo paghiamo per l'ennesima volta alcuni errori banali subendo gol».

E Cosmi sta dando spazio a Brivio anche nel centrocampo a cinque: «Devo dimostrare che la fiducia che l'allenatore ripone in me sia meritata. Io posso solo garantire che mi impegnerò sempre al massimo, anche perché voglio portare un contributo importante alla salvezza del Lecce».

Qualcosa è cambiato con l'arrivo di Cosmi: «Con il nuovo allenatore la squadra ha abbinato buone prestazioni e carattere. Ne è prova la partita di Parma, durante la quale abbiamo ribaltato il risultato, anche se poi alla fine abbiamo raccolto solo un pareggio, e abbiamo mostrato temperamento».

Ed ora alla ripresa c’è nientemeno che la Juventus: «Partita che ci motiverà al massimo. Speriamo di poter ripetere la prestazione e soprattutto il risultato dello scorso anno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione