Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 21:39

Bari calcio-Meleam salta la cessione

BARI - Come prevedibile, salta la trattativa per la cessione del Bari calcio. La fine è sancita da un comunicato della società biancorossa. «La Salvatore Matarrese Spa e la Debar Costruzioni Spa comunicano che la trattativa per la cessione delle intere loro partecipazioni nel capitale sociale dell'As Bari, avviata con la Meleam a seguito della sottoscrizione di un accordo di riservatezza in data 14 ottobre 2011, non si è conclusa positivamente entro il termine scaduto in data odierna»
Bari calcio-Meleam salta la cessione
BARI - Si è conclusa con una fumata nera la trattativa per la cessione del Bari calcio alla Meleam spa. L'attuale proprietà del club pugliese ha diffuso una nota nella quale puntualizza le ragioni per le quali l’affare non andrà in porto, a causa del mancato rispetto di alcune precondizioni da parte dei possibili acquirenti. «La Salvatore Matarrese Spa e la Debar Costruzioni Spa – è scritto sul sito ufficiale del Bari – comunicano che la trattativa per la cessione delle intere loro partecipazioni nel capitale sociale dell’A.S. Bari, avviata con la Meleam Spa a seguito della sottoscrizione di un accordo di riservatezza in data 14 ottobre 2011, non si è conclusa positivamente entro il termine scaduto in data odierna». 

«Allo stato attuale – prosegue la nota – non essendo pervenuta alcuna proposta impegnativa di acquisto delle predette partecipazioni da parte della Meleam Spa e dei presunti terzi investitori che l’avrebbero affiancata (dei quali, peraltro, i rappresentanti della Meleam Spa si sono limitati ad indicare alcuni nominativi soltanto in data 17 dicembre 2011, senza mai esibire il mandato a trattare l’acquisto delle partecipazioni anche in loro rappresentanza), non vi sono le basi per una eventuale prosecuzione della trattativa, tenuto anche conto del tempo trascorso, dell’ampia disponibilità sinora offerta alla stessa Meleam ed ai suoi rappresentanti e, soprattutto, della necessità di non pregiudicare ogni ulteriore e più concreta iniziativa diretta a consentire il trasferimento della proprietà dell’A.S. Bari in tempi idonei a salvaguardare la regolare prosecuzione della sua attività». 

La Meleam spa, che nel primo pomeriggio aveva chiesto alla controparte di accelerare le procedure per portare a termine la trattativa (vedi comunicato), in serata ha replicato alla nota del Bari, annunciando una conferenza stampa per la prossima settimana.

Il comunicato completo della società biancorossa

«La Salvatore Matarrese Spa e la Debar Costruzioni Spa comunicano che la trattativa per la cessione delle intere loro partecipazioni nel capitale sociale dell'As Bari, avviata con la Meleam a seguito della sottoscrizione di un accordo di riservatezza in data 14 ottobre 2011, non si è conclusa positivamente entro il termine scaduto in data odierna. Allo stato attuale, non essendo pervenuta alcuna proposta impegnativa di acquisto delle predette partecipazioni da parte della Meleam e dei presunti terzi investitori che l'avrebbero affiancata (dei quali, peraltro, i rappresentanti della Meleam si sono limitati ad indicare alcuni nominativi soltanto in data 17 dicembre 2011, senza mai esibire il mandato a trattare l'acquisto delle partecipazioni anche in loro rappresentanza), non vi sono le basi per una eventuale prosecuzione della trattativa, tenuto anche conto del tempo trascorso, dell'ampia disponibilità sinora offerta alla stessa Meleam ed ai suoi rappresentanti e soprattutto della necessità di non pregiudicare ogni ulteriore e più concreta iniziativa diretta a consentire il trasferimento della proprietà dell'As Bari in tempi idonei a salvaguardare la regolare prosecuzione della sua attività. La Salvatore Matarrése Spa e la Debar Costruzioni auspicano che al recente accorato appello del sindaco di Bari faccia adesso seguito una rapida, effettiva e concreta risposta dell'intera città, in ogni sua componente imprenditoriale, politica ed istituzionale, della stampa e di tutti i cittadini, tifosi e non, al fine di sensibilizzare, responsabilizzare ed infine consentire, nei tempi necessariamente ristretti in cui ogni eventuale iniziativa deve perfezionarsi al fine di salvaguardare il prestigioso ed ultracentenario titolo sportivo sinora orgogliosamente custodito e difeso dalla tifoseria più fedele, l'effettivo ingresso nell'As Bari di soggetti realmente interessati alle sorti della prima squadra di calcio, straordinario ed ineguagliabile patrimonio cittadino». 

Il comunicato della Meleam

«Preso atto delle notizie diffuse da tutti gli organi di stampa nazionale sulla vicenda calcio scommesse e  delle dichiarazioni odierne del dottor Claudio Garzelli, in rappresentanza  dell'as Bari SpA, la Meleam ritiene opportuno e doveroso comunicare quanto segue.  Nel confermare di aver concluso tutte le attività preliminari all'acquisizione  della A.s. Bari, (termine della due - diligence ed individuazione del notaio  per la stipula del definitivo) comunica che, è appena terminato l'incontro con i propri consulenti ed i rappresentanti dei partners italiani ed esteri e che nulla è variato nel programma di acquisizione. Al solo fine di poter garantire la realizzazione dell'ambizioso progetto  sportivo, la Meleam invita pertanto l'attuale proprietà ad accelerare le  procedure per la conclusione della trattativa, evitando inutili formalismi e  badando alla sostanza dei fatti.  Questo anche per garantire il buon nome del venditore e dell'acquirente, oltre che per evitare inutili speculazioni mediatiche. Quindi la Meleam, insieme ai propri partners, comunica, con fermezza, che tali  eventi non potranno e non dovranno in alcun modo rinviare la conclusione della  trattativa per l'acquisizione.  Se la nuova situazione giuridico-sportiva non trovasse l'auspicata immediata soluzione, la cordata guidata dalla Meleam SPA sarà pronta ugualmente a  portare a termine la trattativa. Convinta della totale estraneità della A.s. Bari, la Meleam conferma  l'assoluto appoggio e la totale solidarietà alla dirigenza ed alla proprietà  dell'as Bari spa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione