Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 20:27

Scatto Castellana, aggancio al vertice della A2 di volley

SANTA CROCE - Detto e fatto: prima di Natale la New Mater si prende la vetta della serie A2 di pallavolo maschile. È un primato in condominio col Segrate, è vero, ma è pur sempre un traguardo importante perché coincide con la chiusura del girone di andata. Dopo un lungo inseguimento, quindi, è portato a termine il primo obiettivo posto all'insediamento di coach Di Pinto il quale continua a vedere i frutti del suo lavoro da una migliore prospettiva, soprattutto in vista della prossima difficile sfida esterna di Sora
Scatto Castellana, aggancio al vertice della A2 di volley
SANTA CROCE-BCC-NEP CASTELLANA 1-3

SANTA CROCE:Garnica 4, Cetrullo 28; Snippe 17, Hradzira 5; Candellaro 2 , Parusso 3; Tosi (L); Baldaccini 9, Masini, Bertoli 2, Lizala 2, Bonami, Paoletti. Allenatore Bertini.

BCC-NEP CASTELLANA: Falaschi 3, Cazzaniga 13; Maric 17, Rodriguez 20; Elia 5, Salgado 14; Cicola (L), Milushev 1, Ricciardello, Torre, Castellano. N.e. Giosa. Allenatore Di Pinto.

ARBITRI: Simbari di Milano e Gini di Cagliari

PROGRESSIONE SET: 24-26 (in 31’), 22-25 (in 30’), 25-23 (in 31'), 30-32 (42') per un totale di due ore e 14 minuti.

NOTE - Battute vincenti: Castellana 5, Santa Croce 10. Battute sbagliate: Castellana 17, Santa Croce 20. Muri: Castellana 14, Santa Croce 8.

SANTA CROCE - Detto e fatto: prima di Natale la New Mater si prende la vetta della serie A2. È un primato in condominio, è vero, ma è pur sempre un traguardo importante perché coincide con la chiusura del girone di andata.

Dopo un lungo inseguimento, quindi, è portato a termine il primo obiettivo posto all'insediamento di coach Di Pinto il quale continua a vedere i frutti del suo lavoro da una migliore prospettiva, soprattutto in vista della prossima difficile sfida esterna di Sora, ieri facilmente vittoriosa sul parquet del fanalino di coda Atripalda.

La Bcc-Nep ha saputo cogliere con autorità un arduo successo a Santa Croce sull'Arno contro una squadra ben attrezzata e di buon valore.

Il regalo natalizio più bello, però, arriva da Segrate dove la capolista si fa superare in rimonta da Isernia (1-3) per il risultato più sorprendete della domenica dato che i molisani alla vigilia della 14sima giornata arrancavano in quartultima posizione con quindici punti anche se, va riconosciuto, erano reduci da tre vittorie consecutive. I gialloblu, proprio adesso, non possono cullarsi sugli allori perché per restare ancorati alla cima della graduatoria dovranno superare indenni un calendario molto complicato – dopo Sora, infatti, ci sono Loreto, Milano e Città di Castello – mentre i coinquilini lombardi dovranno vedersela con Reggio Emilia e Atripalda.

Dalla faticosa gara disputata in Toscana, durata quasi due ore e un quarto, i baresi portano in dote tre punti e diverse spunti positivi. A partire da una sontuosa prova di Rodriguez, miglior realizzatore pugliese con 22 punti e autore di quello finale agli infiniti vantaggi del quarto parziale con un tocco piazzato all'angolo (30-32).

Lo spagnolo viene preferito in banda a Castellano con il conseguente impiego dell'opposto Cazzaniga (per il bulgaro Milushev) protagonista in battuta (decisivo nel secondo set con tre ace consecutivi). Ottimo anche l'apporto del martello serbo Maric (17 colpi a referto) e di Salgado che si sta riconquistando il posto al centro a suon di punti (quattordici nel totale, quattro a muro).

g. c.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione