Cerca

Parma-Lecce: 3-3 Salentini sprecano

ROMA – Gol da cineteca, spettacolo e tanto divertimento al Tardini di Parma per un match che alla fine accontenta tutti: spettatori, Cosmi, primo punto per lui e interrotta serie negativa di cinque sconfitte, e il Parma che muove un altro passo verso l’alto e la salvezza dopo essere stata sotto 1-3 a pochi minuti dal triplice fischio. Dopo la sconfitta, all’esordio, arrivata a tre minuti dalla fine contro la Lazio, Cosmi ha assoluto bisogno di punti che servirebbero a dare una sterzata decisiva alla sua squadra, dopo l’esonero di Di Francesco.
Parma-Lecce: 3-3 Salentini sprecano
ROMA – Gol da cineteca, spettacolo e tanto divertimento al Tardini di Parma per un match che alla fine accontenta tutti: spettatori, Cosmi, primo punto per lui e interrotta serie negativa di cinque sconfitte, e il Parma che muove un altro passo verso l’alto e la salvezza dopo essere stata sotto 1-3 a pochi minuti dal triplice fischio. Dopo la sconfitta, all’esordio, arrivata a tre minuti dalla fine contro la Lazio, Cosmi ha assoluto bisogno di punti che servirebbero a dare una sterzata decisiva alla sua squadra, dopo l’esonero di Di Francesco. 

Dall’altra parte il Parma non segna da due gare, dalla sconfitta contro il Novara e rete arrivata grazie ad un autogol, con altrettanti pareggi, ma i punti accumulati le permettono di poter giocare senza troppi pensieri. La partita inizia a ritmi bassi con la squadra di Colomba, che in settimana ha presentato il nuovo progetto del centro sportivo, che ha comunque maggior voglia di arrivare al vantaggio. 

Al 15' Modesto prova da lontano ma il tiro, potente, è centrale ed è facile per Julio Sergio controllare. 120 secondi dopo arriva la rete: Biabiany parte centrale palla al piede entra in area superando Ferrario, che non può far altro che stenderlo. Sul dischetto va Floccari che non sbaglia: palla da una parte portiere dall’altra. Il Lecce non c'è, Cosmi si sgola con i suoi dalla panchina chiedendo maggiore velocità ma rimangono inascoltate ed è costretto anche a sostituire Julio Sergio, problema muscolare alla coscia sinistra, per far entrare il primavera Gabrieli. Al 35' è ancora il Parma a sfiorare il raddoppio con Morrone che cerca il gol della domenica provando un pallonetto da 30 metri che finisce a lato.

Nel secondo tempo il Parma cerca di controllare, ma lascia il gioco al Lecce che però non riesce a sfruttare complice anche un inutile Olivera per i salenti. Ci prova al 5' con Strasser che sfrutta uno svarione di Galloppa al limite della sua area ma il tiro finisce a lato. All’8' risponde Floccari con una girata al volo anche questa a lato. Il Lecce in tre minuti ribalta la situazione. 

Al 12' arriva la rete del pari: dalla sinistra Brivio entra in area Di Michele taglia sul primo palo sorprendendo la difesa emiliana, raccoglie il cross basso del compagno e mette alle spalle di Mirante. Al 16' il raddoppio sempre con Di Michele che su assist di testa di Carrozzieri mette in rete con una splendida rovescia dal limite dell’area di rigore. Al 32' arriva la terza rete: Muriel parte in contropiede si accentra e passa a Cuadrado che batte Mirante sul primo palo. 

Al 41' si accende il finale di partita grazie a Pellè che, complice un’uscita sbagliata di Gabrieli, segna la seconda rete per il Parma che va sul 2-3. 60 secondi dopo grandi proteste dei giocatori di Colomba che chiedono il rigore per un tocco di mano di Ferrario. Non è finita perchè il Parma ci crede e al 48' Galloppa segna la rete del pareggio: calcio d’angolo dalla sinistra palla fuori dall’area precisa verso l’angolo opposto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400