Cerca

Calcio a 5 - Coppa Italia di serie A al Nepi

Finale con sorpresa: i campioni d'Italia dell'Arzignano (che si consolano con il premio "Lealtà nello Sport") battuti 8-6 ai calci di rigore dalla neo-promossa al termine di un match combattutissimo davanti ai 3000 del Pala San Giacomo di Conversano
UNICHIMICA ARZIGNANO-NEPI 6-8 d.c.r. (3-3; 4-4; 4-4; 4-4)

UNICHIMICA ARZIGNANO: Farina, A. Rossa, Taverna, Marcio, Ranieri, Scandolara, Sandrinho, Foglia, Vander Carioca, Bragaglia. All. Solazzi.
NEPI: Bottaro, Junior, Planas, De Bella, Teixeira, Marchetti, Ferronatto, Garcias, Gonzalez, Davì, Bresciani, Quatrini. All. Colini.
MARCATORI: Planas (N) al 3'15, Garcias (N) al 6'36, Sandrinho (A) su rig. al 9'18, Junior (N) al 10'58, Marcio (A) al 15'52, Sandrinho (A) al 18'52 p.t.; Bresciani (N) al 12'16, Vander Carioca al 18'22 s.t.
SEQUENZA CALCI DI RIGORE: Sandrinho (A) gol, Planas (N) gol, Taverna (A) gol, Marchetti (N) gol, Marcio (A) parato, Garcias (N) gol, Vander Carioca (A) parato, Junior (N) gol.
ARBITRI: Ierace di Grosseto e Ambrosini di Carrara.
NOTE: spettatori 3000 circa. Ammonito Gonzalez (N), Sandrinho (A) e Vander Carioca (A). Presenti in tribuna il presidente della Divisione Calcio a 5 Fabrizio Tonelli e i consiglieri Praticò, Zaccardi e Zapponini, il sindaco di Conversano Iudice, il dottor Cavallo della Regione Puglia e il presidente del Comitato Regionale pugliese Tisci.

COVERSANO - Finale con sorpresa. Il favoritissimo Arzignano campione d'Italia lascia la coppa alla neo-promossa Nepi al termine di un match combattutissimo davanti ai 3000 del Pala San Giacomo.
La serata comincia subito bene, preceduta dal torneo di calcio a 5 giovanile intitolato a Franco D'Attoma (ex presidente del Perugia calcio dal 197 all'82 e nativo proprio di Conversano). Poi entrano in campo le squadre, con il Nepi non può disporre del portiere titolare Maresca (espulso nella semifinale con il Perugia) e l'Arzignano che presenta invece in lista Almir Rossa, anche se la sua è una presenza proforma (il difensore è out per un problema muscolare). I veneti cominciano con Farina, Marcio, Sandrinho, Foglia e Vander Carioca; i laziali rispondono invece con Bottaro tra i pali (all'esordio in questa finale eight), Planas, Garcias, Bresciani e Junior.
Il ritmo è subito altissimo e la gara si infiamma subito, con un botta e risposta tra Junior e Foglia. L'approccio alla gara del Nepi sembra però migliore e al 3'15 passa per primo: Garcias pressa bene una palla sull'esterno, Gonzalez gira subito per Planas, bravo a trafiggere Farina di piatto. Al 6'26 il Nepi passa ancora: ottima difesa su Vander Carioca, contropiede portato da Marchetti e chiusura di Garcias per il 2-0. L'Arzignano allora prova a reagire e ci riesce poco prima della metà del primo tempo. De Bella mette giù Vander Carioca in area: calcio di rigore e trasformazione di Sandrinho per il 2-1. Poi è Taverna a farsi pericoloso, ma passano pochi secondi che Junior va a segno: riceve palla da pivot, si gira e fa secco Farina. Passano i minuti e le squadre si caricano di falli, fino al 3-2 dell'Arzignano: dopo aver provato un paio di spunti, Vander Carioca va via bene e regala a Marcio un pallone che il capitano veneto mette dentro di piatto sull'uscita di Bottaro. Sandrinho prova allora a pareggiare e alla fine ci riesce: ruba un bel pallone a Gonzalez, resiste al ritorno dell'argentino, duetta con Vander Carioca ed insacca sul pallone di ritorno del pivot brasiliano. Si va quindi al riposo così, sul 3-3.
Nel secondo tempo al 12'16 il Nepi torna in vantaggio: bell'uno-due tra Garcias e Planas, con quest'ultimo che piazza il pallone sul secondo palo dove è appostato Bresciani per il 4-3 di piatto. A 1'38 dalla fine arriva il 4-4: manovra sulla sinistra, palla a Vander Carioca in posizione defilata e puntata su cui il portiere del Nepi Bottaro si fa trovare impreparato. Si va ai tempi supplementari. Succede ben poco. Si va ai calci di rigore e le parate di Bottaro su Marcio e Vander Carioca sono decisive per il Nepi. I gialloneri si aggiudicano la loro prima coppa Italia, tra il delirio della sua tifoseria e gli applausi dei quasi tremila spettatori accorsi al palazzetto di Conversano.
PREMIO ENEL LEALTA' NELLO SPORT - Anche per la Coppa Italia l'Enel ha messo in palio un trofeo del progetto "Lealtà nello Sport" da assegnare alla squadra più corretta. Per questa edizione il trofeo è stato vinto dall'Arzignano. Il premio è stato consegnato da Filippo Vecchi, responsabile Enel Bari e da Franco Deramo, responsabile comunicazione Enel della Puglia e Basilicata.
Antonio Galizia

CLASSIFICA MARCATORI

4 Vander Carioca (Arzignano)
2 Bresciani (Nepi)
2 Junior (Nepi)
2 Lanconi Da. (Perugia)
2 Marcio (Arzignano)
2 Morgado (Montesilvano)
2 Saad (Luparense)
2 Sandrinho (Arzignano)
2 Schurtz (Prato)
1 Aladinho (Prato)
1 Antonazzi (Perugia)
1 De Nichile (Roma)
1 Foglia (Arzignano)
1 Garcias (Nepi)
1 Gioia (Perugia)
1 Marchetti (Nepi)
1 Moretti (Luparense)
1 Planas (Nepi)
1 Rogerio (Perugia)
1 Salomao (Prato)
1 Scandolara (Arzignano)

ALBO D'ORO COPPA ITALIA DI SERIE A

1985/86: Circolo Canottieri Aniene
1986/87: Circolo Canottieri Aniene
1987/88: Eur Olimpia Roma
1988/89: Roma RCB
1989/90: Roma RCB
1990/91: Torrino Sporting Club
1991/92: Torrino Sporting Club
1992/93: Torrino Sporting Club
1993/94: Torrino Sporting Club
1994/95: Torrino Sporting Club
1995/96: ITCA Torino
1996/97: ITCA Torino
1997/98: Lazio
1998/99: Lazio
1999/00: Intercart Genzano
2000/01: Sasol Augusta
2001/02: Furpile Prato
2002/03: Lazio
2003/04: Furpile Prato
2004/05: Nepi Viterbo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400