Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 15:00

Calcio/Serie B - Spinesi beffa il Bari

I biancorossi, avanti ad Arezzo con un gol di Santoruvo, si fanno rimontare dalla squadra dell'ex biancorosso, autore di una doppietta. In zona salvezza è sempre bagarre
AREZZO-BARI 2-1 (0-0)

Arezzo (4-4-2): Pagotto; Kyriazis (63' Pastiglia), Conte, Gonnella, Pasqual; Vigna, Roselli, Maini (73' Torricelli), Gentile; Abbruscato (85' Falomi), Spinesi. Allenatore: Tardelli.
Bari (4-4-2): Gillet; Brioschi, Sibilano, Micolucci, Bellavista; La Vista, Goretti (76' Rajcic), Carrus, Scaglia (61' Michele Anaclerio); Dionigi, Santoruvo (76' Luigi Anaclerio). Allenatore: Carboni.
Arbitro: Romeo di Verona (De Santis-Ballabio).
Reti: 49' Santoruvo, 73' e 93' su rigore Spinesi.
Ammoniti: 8' Kyriazis (A), 83' Conte; 27' Goretti, 42' Scaglia, 55' Dionigi, 69' Brioschi, 91' Bellavista (B).
Espulso: 91' M. Anaclerio (B).
NOTE: serata umida, terreno in buone condizioni, spettatori 2.000 circa. Angoli 7-4 per il Bari. Recupero: 1'.

AREZZO - Punto e daccapo. Il Bari, finalmente fuori dalla bagarre salvezza a un quarto d'ora circa dalla fine, riesce nell'impresa di farsi agguantare e superare dall'Arezzo dopo aver dominato in lungo e in largo. Conclusa la prima parte della gara senza alcun rischio, i biancorossi al rientro in campo vanno all'incasso in scioltezza grazie alla settima rete stagionale di Santoruvo, si vedono annullare il 2-0 per un fuorigioco di Dionigi e poi assistono al risveglio dei toscani, trascinati da una doppietta dell'ex Spinesi, da 4 in pagella fino all'azione del pareggio e diventato alla fine addirittura l'eroe di giornata, oltre che capocannoniere del torneo (18 reti come il genoano Milito).
Nell'incredibile partita di Arezzo (città natale e fatale di Carboni), i biancorossi iniziano con il modulo forse più adatto, stando alle indicazioni emerse finora in campionato: il 4-4-2 (con Bellavista che però in fase di possesso di accentra per creare la superiorità a centrocampo). Rispetto alle previsioni, però, a far coppia con Carrus a centrocampo c'è Goretti (Rajcic si accomoda in panchina, gli esterni sono La Vista a destra e Scaglia a sinistra). In attacco, confermato il rientro di Santoruvo in coppia con Dionigi. Nell'Arezzo, Teodorani lascia il posto al trequartista Gentile, che parte da sinistra, ma è libero di accentrarsi per assistere il duo Abbruscato-Spinesi, ventisette reti nelle prime trentadue giornate (un dato che purtroppo andrà aggiornato).
L'avvio è dei toscani: devono vincere e innestano (o almeno cercano di farlo) le marce alte. Nei primissimi minuti il Bari sembra subire, ma ci mette poco a prendere le misure. Anzi, il più pericoloso è Santoruvo: prima causa l'ammonizione di Kyriazis (8'), poi (9'), appena dentro l'area di rigore, è fermato al limite della regolarità su un pallone che nemmeno La Vista, inseritosi nel frattempo, riesce a raggiungere a causa dell'uscita del portiere Pagotto. Tanto basta comunque per ricordare ai granata il curriculum esterno dei baresi, che contempla cinque vittorie, e per indurli a essere più accorti.
Alle sortite dei padroni di casa (al 12' cross di Roselli, Spinesi è anticipato da Gillet; al 13' Gentile prova senza fortuna dalla distanza), il Bari risponde con azioni manovrate sempre veloci e profonde. Il prezioso lavoro di sponda di Santoruvo dà il via (22') alla combinazione che porta Carrus a verticalizzare per Dionigi: il tiro della punta biancorossa è deviato da Gonnella, che sfiora l'autogol. Poi, al 29', è La Vista a cercare l'ex reggino, il cui colpo di testa termina fuori.
Dopo mezz'ora la gara sembra saldamente nelle mani del Bari: la difesa concede pochissimo, il centrocampo fa girare la palla con continuità, gli attaccanti sono pronti a indietreggiare e ripartire. Nel complesso, dunque, la squadra di Carboni è attenta nelle marcature, pronta nei raddoppi e sincronizzata nelle sovrapposizioni, merito anche di una condizione atletica invidiabile. Manca solo l'acuto, che Dionigi potrebbe piazzare al 38' su traversone di Scaglia, se non fosse per il contrasto di Conte che gli impedisce di incornare al meglio.
In attesa di sbloccare la sfida, il controllo delle operazioni perlomeno azzera le intenzioni dell'Arezzo, capace di andare alla conclusione (35') solo una volta con Vigna, il cui sinistro da quasi trenta metri mette Gillet in apprensione e termina di poco sopra la traversa. L'unica nota stonata del primo tempo, a parte il fatto di non aver capitalizzato il predominio, è l'ammonizione subita da Scaglia al 42', un cartellino giallo che gli impedirà, essendo diffidato, di disputare Bari-Triestina in programma nel turno infrasettimanale di mercoledì 20 (stessa sorte toccherà a Brioschi).
La ripresa si apre con le stesse cadenze e, apparentemente, con le identiche prospettive. Ma se l'Arezzo riparte da un altro tiro fuori dallo specchio da parte di Vigna (48'), il Bari richiama all'opera Santoruvo e Dionigi con una differenza: due affondi, due gol. Al 49' La Vista pesca Santoruvo, che fa tutto col destro: stop a seguire e diagonale imparabile per Pagotto. Tutto lineare e regolare. Al 53', invece, la costruzione è addirittura da manuale, con Santoruvo che allarga per l'accorrente La Vista, il cui cross immediato è sfruttato dal colpo di testa vincente di Dionigi. Ma la posizione dell'attaccante è irregolare per una questione di centimetri. Il fuorigioco impedisce al Bari di chiudere virtualmente il discorso.
Il successo, insomma, è ancora tutto da difendere, peraltro senza l'apporto di Scaglia, che al 61' è costretto a uscire (su un cross, perde il piede d'appoggio e s'infortuna): entra Michele Anaclerio (Bellavista sale). Anche Tardelli fa ricorso ai rincalzi, ma per scelta tattica: fuori Kyriazis (un difensore) e dentro Passiglia a centrocampo con Gentile chiamato a compiti quasi esclusivamente di contenimento su La Vista. A cambiare, però, inaspettatamente il volto del match è la coppia senza la quale l'Arezzo sarebbe probabilmente già destinato alla retrocessione. Dalla penombra emerge Spinesi: scambio con Abbruscato (73') e destro alle spalle di Gillet: 1-1.
Immediatamente dopo, Tardelli ricompone l'assetto iniziale inserendo Torricelli in luogo di Maini, mentre Carboni immette forze fresche, richiamando gli affaticati Goretti e Santoruvo (crampi per lui) e facendo entrare, rispettivamente, Rajcic e Luigi Anaclerio. Il valzer delle sostituzioni si esaurisce all'85', quando l'ex allenatore del Bari dà una chance al giovane Falomi, che subentra ad Abbruscato, poco prima (81') pescato in fuorigioco nell'azione che avrebbe condannato il Bari in anticipo.
Invece, in modo che la beffa sia più atroce, la rete del sorpasso arriva nel terzo dei cinque minuti di recupero: palla in area di Pasqual, Michele Anaclerio (poi espulso per proteste) frena irregolarmente nei sedici metri l'inserimento di Vigna e Spinesi confeziona, trasformando il calcio di rigore concesso da Romeo di Verona, la rivincita nei confronti di una società dalla quale si è separato in malo modo. Sarà contento anche Tardelli, un altro che questa rimonta se la gusterà con particolare soddisfazione.
G. Flavio Campanella

CLASSIFICA
Classifica del campionato italiano di serie B dopo la 33/a giornata (12/a di ritorno).
Genoa *** 61 *** 33 *** 16 *** 13 *** 4 *** 57 *** 35
Empoli *** 58 *** 33 *** 15 *** 13 *** 5 *** 46 *** 26
Treviso *** 55 *** 33 *** 16 *** 7 *** 10 *** 46 *** 36
Torino *** 53 *** 33 *** 15 *** 8 *** 10 *** 36 *** 27
Perugia *** 52 *** 33 *** 14 *** 10 *** 9 *** 41 *** 27
Ascoli *** 52 *** 33 *** 14 *** 10 *** 9 *** 45 *** 41
Verona *** 49 *** 33 *** 13 *** 10 *** 10 *** 52 *** 40
Modena (-1) *** 47 *** 33 *** 13 *** 9 *** 11 *** 36 *** 32
Piacenza *** 47 *** 33 *** 14 *** 5 *** 14 *** 37 *** 38
Catania *** 44 *** 33 *** 10 *** 14 *** 9 *** 33 *** 36
Ternana *** 44 *** 33 *** 11 *** 11 *** 11 *** 39 *** 43
Albinoleffe *** 43 *** 33 *** 11 *** 10 *** 12 *** 46 *** 42
Cesena *** 42 *** 33 *** 11 *** 9 *** 13 *** 38 *** 47
Bari (-1) *** 41 *** 33 *** 10 *** 12 *** 11 *** 30 *** 31
Salernitana *** 41 *** 33 *** 10 *** 11 *** 12 *** 40 *** 42
Vicenza *** 41 *** 33 *** 11 *** 8 *** 14 *** 48 *** 54
Triestina *** 41 *** 33 *** 11 *** 8 *** 14 *** 37 *** 45
Pescara *** 39 *** 33 *** 9 *** 12 *** 12 *** 34 *** 45
Arezzo *** 38 *** 33 *** 8 *** 14 *** 11 *** 43 *** 44
Crotone (-3) *** 31 *** 33 *** 8 *** 10 *** 15 *** 35 *** 41
Venezia *** 29 *** 33 *** 6 *** 11 *** 16 *** 26 *** 42
Catanzaro *** 24 *** 33 *** 5 *** 9 *** 19 *** 28 *** 59.

RISULTATI 33a GIORNATA
Catania - Piacenza 1-1 (venerdì)
Empoli - Pescara 2-1 (venerdì)
Albinoleffe - Verona 1-1
Arezzo - Bari 2-1
Ascoli - Venezia 1-0
Catanzaro - Vicenza 1-1
Perugia - Torino 1-1
Salernitana - Modena 2-2
Ternana - Crotone 3-1
Treviso - Cesena 3-1
Triestina - Genoa 0-0

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione