Cerca

Klose castiga il Lecce di Cosmi

LECCE - Nella quindicesima giornata della serie A di calcio, i giallorossi, con il nuovo tecnico in panchina, giocano contro la Lazio una partita discreta ma sfortunata. Finisce 2-3. Padroni di casa in vantaggio col rientrante Di Michele (11', su rigore), poi arriva il pari di Klose (28'). Meglio i salentini nel primo tempo. Nella ripresa, arriva subito il sorpasso siglato da Cana (47'), quindi Ferrario rimette le cose a posto al 58'. Ma Klose (86') beffa i pugliesi
• I risultati: Siena-Genoa 0-2
• La classifica: Lecce resta a quota 8
• I cannonieri: Di Michele torna al gol
• Il prossimo turno: Parma-Lecce
• Cosmi: «Meglio di così non potevamo fare»
• Reja: «Il Lecce meritava il pareggio»
Klose castiga il Lecce di Cosmi
LECCE-LAZIO 2-3 (1-1 nel primo tempo)

LECCE (4-1-3-2): Benassi 6; Oddo 6, Tomovic 5.5 (1' st Giandonato sv, 11' st Grossmuller 5.5), Ferrario 6.5, Mesbah 5.5; Obodo 6; Cuadrado 6.5, Giacomazzi 5.5, Olivera 6; Di Michele 6.5, Muriel 6 (36' st Piatti sv) In panchina: Julio Sergio, Brivio, Pasquato, Corvia. Allenatore: Cosmi 6.
LAZIO (4-3-1-2): Marchetti 7 (17' st Carrizo 6); Stankevicius 6, Diakitè 5.5, Biava 6 (1' st Cana 6.5), Radu 6; Gonzalez 5.5, Ledesma 6, Lulic 6; Hernanes 5.5; Klose 7.5, Rocchi 5.5 (1' st Cisse 6). In panchina: Scaloni, Cavanda, Sculli, Kozak. Allenatore: Reja 6.
ARBITRO: Russo di Nola 6.
RETI: 12' pt Di Michele (rig), 28' pt Klose, 2' st Cana, 14' st Ferrario, 42' st Klose.
NOTE: Serata serena, terreno in buone condizioni. Spettatori: 15.000 circa. Ammoniti: Marchetti, Olivera, Cana, Hernanes, Giacomazzi. Angoli: 3-1 per il Lecce. Recupero: 1'; 4'.

LECCE – La classe di Miroslav Klose ha la meglio sul cuore del Lecce. Vince la Lazio che si impone 3-2 al «Via del Mare» e dà subito un dispiacere a Serse Cosmi che debutta con una sconfitta sulla panchina dei giallorossi. Il tecnico dei salentini ha poco da rimproverarsi, praticamente nulla, se i suoi attaccanti fossero stati più concreti il risultato sarebbe stato diverso. Il Lecce almeno il pareggio l’avrebbe meritato, ma Klose ha fatto la differenza: doppietta e assist per Cana, niente da fare per i pugliesi che si erano portati in vantaggio grazie a un rigore trasformato da Di Michele e che poi, nella ripresa, avevano trovato la forza di reagire portandosi sul 2-2 con Ferrario. Di Michele ha anche avuto la palla del 3-2, l’ha sprecata e la Lazio, con Klose (su cross di Cisse) non ha perdonato, portandosi a casa una vittoria importantissima che la lancia a quota 28 punti e le permette di godersi, almeno per una notte, il secondo posto solitario. 

Nella sua carriera Cosmi ha quasi sempre puntato sul 3-5-2, ma per il debutto sulla panchina dei salentini decide di cambiare. Privo in extremis di Ferrario e Bertolacci, inventa una difesa a 4 con Obodo a protezione del reparto, quindi Cuadrado, Giacomazzi e Olivera in mezzo e Di Michele, al rientro, al fianco di Muriel e pronto a coprire la fascia in fase di non possesso. Non cambia il suo 4-3-1-2, invece, Edy Reja che deve fare i conti con tante assenze, ma che recupera Klose. Il tedesco gioca al fianco di capitan Rocchi, ancora una volta preferito a Cisse che finisce in panchina. Hernanes è il trequartista, l’ex Ledesma il regista, Lulic e Gonzalez le mezzali. Il Lecce in casa non ha mai vinto, la Lazio in trasferta non ha mai perso e fa più punti fuori che all’Olimpico, ma sin dai primi minuti si capisce che il pronostico è tutt'altro che scontato. 

Gioca bene il Lecce, l’effetto Cosmi si sente: i giallorossi lottano su ogni palla e non danno respiro a una Lazio che non ha il migliore approccio al match. Di Michele e Muriel si cercano e si trovano, ma al talento colombiano manca la cattiveria sotto porta. Al 12' i salentini trovano comunque il gol: Marchetti atterra in area Di Michele, l'arbitro Russo non ha dubbi nel concedere il penalty e per il portiere della Lazio arriva, giustamente, solo il giallo. Sul dischetto Di Michele non sbaglia, Lecce in vantaggio con merito. 

La Lazio continua a sonnecchiare, il centrocampo non regge, ma il Lecce non ne approfitta anche se crea due buone occasioni con Muriel e Di Michele (bravo Marchetti). Chi sbaglia paga, massima confermata perchè, al 28', i biancocelesti pareggiano con Klose bravo a mettere dentro la sponda di Diakitè. Il rischio di deprimersi c'è, ma il Lecce reagisce bene: Cuadrado impegna Marchetti, mentre Muriel, al 38', lo grazia calciando largo di sinistro dopo una splendida azione personale. Il tempo si chiude con una girata di Rocchi alta sulla traversa. È l'ultima giocata del capitano della Lazio che resta negli spogliatoi e fa spazio a Cissè. 

Anche Cosmi cambia: dentro Giandonato, fuori Ferrario e Lecce che torna alla difesa a 3. C'è un altro cambio al pronti via della ripresa e quella di Reja è una mossa che paga immediatamente perchè Cana, entrato al posto di Biava, è bravo a sfruttare l’assist di Klose e a battere di destro Benassi per il vantaggio laziale. Bella partita, il Lecce lotta come vuole Cosmi e, al 14', pareggia con Ferrario che, di testa, mette dentro il cross di Muriel. Male la difesa della Lazio che, poco dopo, perde per infortunio Marchetti. Al suo posto si rivede Carrizo che, al 22', blocca il destro di Muriel. Al 37' Di Michele è bravo a liberarsi di Stankevicius, ma si concede un dribbling di troppo e il suo sinistro poi si perde sopra la traversa. Impreciso l’ex Udinese, un cecchino Klose che, all’87' vola a deviare in rete, con un gran colpo di testa, il cross di Cisse. È il gol-partita, la Lazio vola al 2^ posto, il Lecce perde ancora ma esce dal campo tra gli applausi dei tifosi. Cosmi può pensare positivo nonostante l’immeritato ko al debutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400