Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 09:21

Eurolega basket il Cras Taranto scivola a Gospic

GOSPIC - Gospic nefasta per il Cras. Al contrario del doppio successo ottenuto contro le croate nella Europe Cup 2009, nell'Eurolega 2012 Taranto chiude il confronto con l'avversario con il pareggio. Dal +15 interno del 20 ottobre scorso, la formazione di Roberto Ricchini subisce infatti alla Gradska Skolska Sportska Dvorana una sconfitta dai contorni inaspettati. Dal -6 di metà tempo, Taranto chiude a -16 dall'avversario
Eurolega basket il Cras Taranto scivola a Gospic
GOSPIC CO-CRAS TARANTO 91-75

GOSPIC CROATIA OSIGURANJE: McBride 16, Mandir 15, Ivezic 12, Keane 6, Vrsaljco 20; Jurcevic 9, G. Devcic ne, P. Devcic ne, Dover, Komplet 7, Badanjak ne, Pavetic 6. All. Bralic.

CRAS BASKET TARANTO: Sottana 10, Ballardini, Mahoney 26, Godin 7, Vaughn 20; Gianolla 2, Greco 2, Siccardi 3, Giauro 3, Pascalau 2. All. Ricchini.

ARBITRI: Mr. Milan Adamovic (Bosnia-Erzegovina), Mr. Antonis Demetriou (Cipro), Mr. Anastasios Manos (Grecia).

PARZIALI: 26-20, 48-42, 76-53, 91-75.

NOTE: T2 Gospic 29/45, Cras 21/50; T3 Gospic 7/21, Cras 5/11; TL Gospic 12/15, Cras 18/27. 

GOSPIC - Gospic nefasta per il Cras. Al contrario del doppio successo ottenuto contro le croate nella Europe Cup 2009, nell'Eurolega 2012 Taranto chiude il confronto con l'avversario con il pareggio. Dal +15 interno del 20 ottobre scorso, la formazione di Roberto Ricchini subisce infatti alla Gradska Skolska Sportska Dvorana una sconfitta dai contorni inaspettati. Dal -6 di metà tempo, Taranto chiude a -16 dall'avversario, che nella ripresa firma il break di 43-33 con una McBride irresistibile (nell'architettura del gioco e nella finalizzazione) davanti ad una difesa di Taranto singhiozzante. Restano le uniche doppie cifre di Mahoney (7/14 nel tiro dal campo e 10 rimbalzi) e di Vaughn (7/13 nell'area e 7 rimbalzi). La coppia americana segna il 61.3% del totale rossoblù e contribuisce a rendere meno pesante il ko.

Il sesto stop su 9 match nel gruppo C continentale spezza il tris vincente delle joniche tra Italia ed Europa e le pone in una posizione di classifica difficile in chiave-qualificazione. A Taranto, adesso, mancano 5 match per tentare l'assalto al treno dei playoff-Final Eight, a partire dalla settimana prossima, in casa, contro Brno.

LA PARTITA - Avvio difficile e pasticciato del Cras. La squadra di Roberto Ricchini subisce l'irruenza di Gospic, che dopo 3 minuti è già avanti 11-2. Serve subito il timeout del tecnico rossoblù per caricare le batterie delle joniche, che rispondono con un break di 10-4 che vale il -3 del 6'. Torna a comandare Gospic, che approfitta di alcuni errori al tiro di Taranto e fila sul +7 all'8'. Le rossoblù si riavvicinano al 10' con la tripla di Siccardi che vale il -6.

Ripartenza “brutale” di Gospic nel secondo atto, grazie soprattutto ad un attacco luminoso rispetto all'irrequietezza di Taranto. Le croate volano sino al 44-28 del 16' grazie ai canestri di Mandir e Jurcevic. Il colpo desta le rossoblù, che mettono aggressività in difesa e macinano le ripartenze. Suona la carica Mahoney, fredda da più punti del parquet. L'ala americana ha l'effetto contagioso sulle compagne ed il Cras ritorno un “corpo unico”, capace di piazzare nei restanti 4 minuti del parziale di 14-4 che vale il -6 di metà tempo.

Il Cras, purtroppo, rimane “fermo” negli spogliatoi. L'impatto con la ripresa è devastante per la squadra rossoblù, che subisce le scorribande di Gospic, che vanta una freddezza sia in difesa che in attacco, con le sortite di McBride, Vrsaljco e Ivezic. Al 29' Taranto è addirittura sotto di 25 punti. Alla fine del terzo atto è sotto di 23, per mano di Gospic che piazza un break pesante di 28-11. Nel quarto parziale, con Vaughn e Mahoney, Taranto rosicchia qualcosa, piazzando il 22-15 che vale il -16, comunque inutile.

RICCHINI: “CALO DIFENSIVO” - Roberto Ricchini come spiega la sconfitta di Gospic? Il tecnico rossoblù parla di “un avversario dal gioco fastidioso, che ha avuto il merito di impattare positivamente la partita e che ha approfittato di una nostra difesa non all'altezza della situazione. Noi abbiamo pagato in termini nervosi – continua il coach - l'avvio forte delle avversarie nella ripresa, che hanno portato dalla loro parte il match. A ciò aggiungo l'impossibilità di sfruttare una Greco che ha noie al ginocchio e una risposta sotto tono di alcune individualità. La vera nota positiva è stato il nostro attacco in crescendo, visto che alla fine abbiamo rafforzato il nostro trend con 75 punti”.

MAHONEY: “ENORME DISPIACERE” - I suoi 26 punti ed i 10 rimbalzi da giocatrice di Eurolega non sono serviti al Cras nella tana di Gospic. A fine match il volto scuro di Megan Mahoney inquadra la trasferta in Croazia: “Mi dispiace perché questo è un passo indietro della nostra squadra rispetto alle ultime prestazioni convincenti. Oggi non abbiamo messo la pressione sull'avversario come sappiamo fare ed in attacco abbiamo sbagliato troppo. Peccato. Ora dobbiamo rialzarci, altrimenti non riusciremo a centrare i playoff di Eurolega”.

COSI' NEL GRUPPO C - Secondo turno di ritorno: oggi Gospic-Cras 91-75, Brno-BLMA Montpellier 58-78, Cracovia-Spartak 81-60; domani 8 dicembre Rivas-Kosice.

Classifica: Cracovia 16; Spartak 15; BLMA 14; Rivas Ecopolis, Gospic CO 13; Good Angels Kosice, Cras Taranto 12; Brno 10. Il prossimo turno, terzo di ritorno: mercoledì 14 dicembre Kosice-Gospic, Spartak-Rivas, Montpellier-Cracovia, Cras Taranto-Brno (ore 20,30).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione