Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 20:29

Bertolacci (Lecce) «Col Catania  per fare punti»

LECCE - Il centrocampista: «Il Catania non va poi così bene fuori casa? Le statistiche dicono questo – ha aggiunto il calciatore del club salentino in conferenza stampa – anche se sono una squadra tosta con un allenatore che conosco, avendoci giocato assieme con Spalletti allenatore. Il Catania è una squadra da affrontare con attenzione massima perchè dobbiamo sfatare il tabù della vittoria in casa e speriamo che sabato sia la volta buona»
Bertolacci (Lecce) «Col Catania  per fare punti»
LECCE – «Mi dispiace per l’occasione che ho avuto per realizzare il 2-2 a Roma e per il fatto di non esserci riuscito. Erano i minuti finali della gara, magari ero un pò stanco e pensavo che su quella palla ci arrivasse il loro portiere, mentre sarebbe bastato una passo in più da parte mia per trovarmi davanti alla porta. Magari sarebbe stato un risultato ingiusto, ma sarebbe stato un punto molto pesante». Lo ha detto Andrea Bertolacci, centrocampista offensivo del Lecce, sul match di domenica scorsa sul campo della Roma. 

«Approccio sbagliato? Il campo ha dimostrato questo, nei primi minuti siamo scesi in campo un pò male, però, avendo svolto il ritiro con Roma posso assicurare che non è facile affrontarli. Luis Enrique chiede ai propri giocatori di far girare molto la palla nei primi minuti per cercare di aprire le squadre avversarie, e come è successo a noi poi corri a vuoto e ti fanno stancare». 

«Il Catania non va poi così bene fuori casa? Le statistiche dicono questo – ha aggiunto il calciatore del club salentino in conferenza stampa – anche se sono una squadra tosta con un allenatore che conosco, avendoci giocato assieme con Spalletti allenatore. Il Catania è una squadra da affrontare con attenzione massima perchè dobbiamo sfatare il tabù della vittoria in casa e speriamo che sabato sia la volta buona. La classifica? Nell’ultimo turno ci sono state le vittorie di Cesena e Chievo e ora è importante la gara contro il Catania per muovere la classifica e poi perchè affrontiamo una squadra che alla fine potrebbe anche lottare con noi per la salvezza, anche se hanno dimostrato di essere una squadra di buon livello. Le assenze di Carrozzieri, Giacomazzi e Di Michele? Sono assenze che pesano vista la loro esperienza, però sono sicuro che chi scenderà in campo al loro posto farà di tutto per non farli rimpiangere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione