Cerca

Calcio, morto Martiradonna

CAGLIARI – E' morto Mario Martiradonna, difensore del Cagliari dello scudetto del 1970. Aveva 73 anni, era affetto da un male incurabile ed era ricoverato da qualche tempo in un hospice. Martiradonna, nato a Bari nel 1938, aveva esordito con il Teramo in Serie C nel 1959 e l’anno dopo giocò con la Reggiana da dove transitò, nel 1962, al Cagliari dove rimase sino al termine della carriera.
Calcio, morto Martiradonna
CAGLIARI – Addio Mario Martiradonna: il numero 2 del Cagliari dello scudetto, a cavallo fra agli anni Sessanta e Settanta, uno dei migliori terzini d’Italia chiuso in Nazionale soltanto da Burgnich, non ce l’ha fatta. È morto a 73 anni a Cagliari, la sua seconda patria dopo Bari, la città della nascita: era rimasto in Sardegna, una volta chiuso con il calcio giocato, mettendo su un’attività commerciale, ma soprattutto rimanendo nei campi in erbetta, ma anche in terra battuta: fu uno dei primi allenatori istruttori della scuola calcio inventata dal suo compagno di squadra Gigi Riva nel campo delle Saline. 

«Era un giocatore determinato che in campo metteva l’anima, dava tutto con grande grinta e volontà – così lo ricorda Riva, il bomber rossoblù – era d’esempio per tutti noi e per chi non capiva che si deve lottare sempre per ottenere risultati. Oggi è una domenica molto triste. Abbiamo vissuto insieme degli anni bellissimi». Dopo aver appeso le scarpette al chiodo ha allenato anche i bambini di sette-otto anni: molti dei suoi allievi hanno imparato che il calcio non è solo fare gol, ma anche mettersi al servizio della squadra. Magari annullando, come faceva nei tempi d’oro, il miglior attaccante avversario. E non solo. Una volta in un Cagliari-Milan il suo mister, Manlio Scopigno, gli disse: «Tu prenditi il 10», e il «dieci» era Rivera: lui, che era abituato ad occuparsi del 9 o dell’11 rimase un pò perplesso. Ma obbedì: la storia racconta che quel giorno il Golden boy non toccò palla. Di quel Cagliari dei miracoli, fra i giocatori, è il secondo protagonista che non c'è più: a settembre di un anno fa se ne era andato il numero 3, Giulio Zignoli, uno dei più giovani del gruppo guidato dall’allenatore-filosofo. 

A Cagliari Martiradonna era arrivato nel 1962 dalla Reggiana e fece in tempo a vivere tutti gli anni della grande ascesa dei rossoblù: dalla prima storica promozione in A del 1963-'64 sino all’apoteosi del tricolore conquistato aritmeticamente proprio contro la squadra della sua città, il Bari, il 12 aprile 1970 allo stadio Amsicora. Giocò anche in coppa dei Campioni contro Saint Etienne e Atletico Madrid. In serie A è entrato in campo 239 volte segnando quattro gol. La sua rete più celebre forse è quella realizzata in Coppa delle Fiere in Grecia contro l'Aris Salonicco: nel finale una sua incursione in area regalò il pari al Cagliari. Unico cruccio, mai una partita in Nazionale. Con il suo allenatore, sempre Scopigno, che gli ripeteva in continuazione: «Te la meriti tu, quella maglia, te la meriti». 

Tifosi commossi: molti messaggi nel sito internet della società e su Facebook. L’ultima partita l’ha giocata fuori dal campo la scorsa primavera candidandosi per le elezioni Comunali a Cagliari: Martiradonna non era il bomber ma la sua squadra ha vinto. Segno del destino: merito anche suo, come nel 1970.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400