Cerca

Lecce, Oddo spinge «Roma non fa paura»

di MASSIMO BARBANO
CALIMERA - La pausa del campionato di serie A restitusce, in attesa del match dell'Olimpico, un Lecce rigenerato soprattutto sul piano psicologico. A valutare l’attuale situazione è Massimo Oddo che «pesa» la vittoria di Cesena con la quale i salentini hanno chiuso il secondo segmento del torneo. «La coincidenza con la sosta è stata provvidenziale», spiega l’esperto difensore, «in caso contrario avremmo avuto un periodo davvero difficile e sarebbe mancata quella relativa tranquillità con la quale abbiamo potuto lavorare in questi giorni»
Lecce, Oddo spinge «Roma non fa paura»
di Massimo Barbano

CALIMERA - La pausa del campionato restitusce un Lecce rigenerato soprattutto sul piano psicologico. A valutare l’attuale situazione è Massimo Oddo che «pesa» la vittoria di Cesena con la quale i salentini hanno chiuso il secondo segmento del torneo. «La coincidenza con la sosta è stata provvidenziale», spiega l’esperto difensore, «in caso contrario avremmo avuto un periodo davvero difficile e sarebbe mancata quella relativa tranquillità con la quale abbiamo potuto lavorare in questi giorni. È stato un successo importante innanzitutto per il morale, oltre che per la classifica, perché ci ha consentito di staccare una diretta concorrente. È stata una gara ben giocata, siamo stati molto concreti e ci siamo difesi bene a partire dagli attaccanti che hanno interpretato bene la fase di copertura. Ora ripartiamo da questi preupposti per fare una buona partita a Roma, pur sapendo quali sono le difficoltà di questo incontro».

E per Massimo Oddo, la partita dell’Olimpico avrà in un certo senso il sapore del derby, considerata la sua lunga militanza nella Lazio dove ha giocato per cinque campionati, collezionando 135 presenze e mettendo a segno ben 17 reti che, per un terzino, sono un bottino del tutto ragguardevole.

«Effettivamente, per me incontrare la Roma farà un certo effetto», sostiene, «di derby ne ricordo tanti. I più belli sono, naturalmente, quelli che hai vinto, ma sono comunque dei momenti particolari per l’aria che si respira, non solo in campo nello spazio della partita, ma anche in città durante la settimana. Il derby di Roma è molto particolare, non è paragonabile agli altri derby».

Non sarà un derby, questa volta, ma l’importanza del risultato sarà la stessa, vista la necessità di punti che incombe sul Lecce.

«Ora la mia squadra è il lecce», dice Oddo, «e abbiamo la necessità di fare risultato. È vero che sulla carta la Roma è più forte di noi, ma non è detto che il Lecce non possa uscire da quello stadio facendo punti. Confido molto nei miei compagni, loro hanno dei fuoriclasse, come Borriello, Totti, Osvaldo, ma anche il Lecce ha buone qualità individuali».

L’ex milanista individua quello che può essere il tallone d’Achille della formazione capitolina.

«È una squadra fortissima», dice, «che ha i suoi punti di forza nei singoli e, in questo momento anche nell’entusiasmo, ma è anche una squadra nuova con un allenatore nuovo che sta cercando di imprimere la propria filosofia di gioco. Si dice che il punto debole della Roma sia la difesa, ma non è proprio così, almeno non nei singoli. Tuttavia, è una squadra che attacca con molti uomini e questo comporta che a volte possa farsi trovare scoperta. In quella fase di transizione fra il loro attacco e la nostra conquista di palla dovremmo cercare di insinuarci per creare qualcge pericolo. Quel momento può essere la nostra arma».

Una considerazione sulla classifica del Lecce e sull’anomalia per la quale quasi tutti i punti sono stati conquistati fuori casa. «La classifica potrebbe avere qualche punticino in più se non avessimo commesso degli errori grossolani», prosegue Oddo, «quanto alle partite in casa dove non si è mai vinto, credo sia un dato casuale, perchè ritengo che in casa abbiamo espresso delle prestazioni anche migliori rispetto alel partite in trasferta. Poi, qualche errore individuale ha poi compromesso tutto. Ma in futuro cercheremo di riequilibrare questa differenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400