Cerca

La Greco consola un Cras mai visto

di ANGELO LORETO
TARANTO - E’ un Cras Basket che appare sotto shock quello che riflette sulla sconfitta di giovedì contro Kosice nella quarta giornata di Eurolega. Il match che metteva in palio il primo posto temporaneo nel girone C invece è stato una passione per le rossoblù, scivolate al PalaMazzola oer 56-61. A causa di uno sciopero del centro di produzione Rai di Torino, salta la diretta del match di domenica tra Taranto e Umbertide. La sfida, fissata alle 17 per ragioni televisive, è stata nuovamente spostata alle 18 dalla Fip. Resta confermata la diretta di Pozzuli-Cras del 27 novembre alle 17
La Greco consola un Cras mai visto
di ANGELO LORETO

TARANTO - E’ un Cras che appare sotto shock quello che riflette sulla sconfitta di giovedì contro Kosice nella quarta giornata di Eurolega. Il match che metteva in palio il primo posto temporaneo nel girone C e che invece è stato una passione per le rossoblù, scivolate al PalaMazzola fino al -16 e solo negli ultimi 2 minuti risalite sino al 56-61 finale, fa dire a Michelle Greco di essere «senza parole».

«Non so - dice la giocatrice californiana –, abbiamo giocato come se fossimo un gruppo che non ho mai visto in vita mia. Eppure ci abbiamo provato fino in fondo ma davvero sembrava che tra di noi non ci fossimo mai conosciute prima. Ci abbiamo provato ma non siamo mai riuscite a risalire dalla fossa nella quale eravamo cadute».

Le slovacche sono state in effetti superiori in tutto, dall’intensità difensiva alle percentuali di tiro, fino al numero di rimbalzi conquistati e conseguenti contropiedi. «Noi invece – spiega ancora Greco – non siamo riuscite ad attuare una delle nostre migliori caratteristiche, ovvero la difesa. Dobbiamo lavorare su questo fondamentale perché la difesa genere un buon attacco ed è questo che fa vincere le partite». Da dove ripartire, allora? Domenica al PalaMazzola arriva la capolista Umbertide e il Cras ha il primo posto nel mirino, distante solo 2 punti.

Ma con questi ritmi di gioco è difficile avere il tempo per lavorare. «E’ vero – conferma la bandiera rossoblù -, siamo una squadra nuova con molte giocatrici nuove che quindi hanno bisogno di conoscersi. La cosa ha un impatto sul gioco. Trovare il giusto collante non è facile, ci vuole pazienza, forse ancora qualche altra settimana. Giochiamo ogni tre giorni ma anche questo deve servire, perché le stesse partite sono una opportunità per fare pratica. Bisogna sfruttare questi momenti perché abbiamo la necessità di trovare un gioco d’unione».

E, come se non bastasse, il Cras è ancora costretto a fare a meno di una delle sue giocatrici più forti, la guardia-ala Megan Mahoney, che l’altro ieri era in panchina.

«Ci manca molto – ammette Michelle – perché sappiamo quanto è forte, lo ha dimostrato in tutti questi anni. E’ per noi importantissima sia in attacco che in difesa e per le sue capacità di leadership, è una giocatrice alla quale rivolgersi anche nei momenti difficili come quelli contro Kosice. Dobbiamo essere ancora pazienti ma quando lei tornerà noi saremo di certo più forti di adesso, saremo cresciuti e arriveranno cose positive». A una come Michelle Greco non c’è che da credere.

CRAS-UMBERTIDE ALLE 18 - A causa di uno sciopero del centro di produzione Rai di Torino, salta la diretta del match di domenica tra Taranto e Umbertide. La sfida, fissata alle 17 per ragioni televisive, è stata nuovamente spostata alle 18 dalla Fip. Resta confermata la diretta di Pozzuli-Cras del 27 novembre alle 17.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400