Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 01:25

Squalificati Diamoutene e Vucinic del Lecce

Un turno anche a Totti e Kakà. Tre giornate (prova tv) ad Amelia, il portiere del Livorno che aveva tentato di dare una manata all'assistente Cuttica. In serie B, una giornata a Santoruvo, che non giocherà sabato prossimo nel Bari contro il Catania (fermato Anastasi). Le decisioni in C1 e C2
MILANO - A seguito delle gare disputate tra il 19 e 20 marzo e valide per la 10ª giornata di ritorno della serie A, il Giudice sportivo ha squalificato, tutti per un turno, Totti, Panucci, Perrotta (Roma), Cannavaro, Contini, Grella (Parma), Diamoutene, Vucinic (Lecce), Galante, C.Lucarelli (Livorno), Abeijon (Cagliari), Barone, Barzagli (Palermo), Colucci, Giunti (Bologna), Kakà, Stam (Milan), Natali (Atalanta), Obodo, Viali (Fiorentina), Zamboni (Reggina).
Tre giornate di squalifica per il calciatore del Livorno Marco Amelia a seguito della prova televisiva. Il portiere labronico, nel concitato finale del primo tempo di Livorno-Cagliari di domenica scorsa, ha infatti tentato di dare una manata all'assistente Cuttica senza però colpirlo. «La condotta non è stata rilevata dall'Arbitro, come risulta dalle immagini, e nemmeno dall'Assistente Cuttica, poiché il movimento della mano da parte di Amelia avviene alle spalle dell'Ufficiale di gara. Il gesto del calciatore deve definirsi violento, seppure Cuttica non sia stato colpito» si legge nelle osservazioni del Giudice.
Questi i giocatori diffidati: Protti (Livorno) con ammenda di mille euro, Caracciolo, Milanetto e Del Nero (Brescia), Conti e Suazo (Cagliari), Dabo e Siviglia (Lazio), Dalla Bona (Lecce), Grosso (Palermo), Pinzi (Udinese), Simplicio e Pisanu (Parma), D'Aversa (Siena), Falcone (Sampdoria), Motta e Rivalta (Atalanta), Scurto (Roma), Seedorf (Milan). E' stato diffidato, con ammenda di 1.500 euro, anche l'allenatore del Chievo, Beretta.
Tra le società ammende a Milan e Roma (10.000 euro), Livorno (8.000 euro), Brescia (4.500 euro), Lazio (2.000 euro), Fiorentina, Lecce (1.750 euro), Cagliari (1.500 euro).
In serie B, squalificati 18 giocatori dopo le gare della 10ª giornata di ritorno del campionato di serie B. Squalificati per due giornate Poloni (Albinoleffe), Nocerino (Catanzaro, per il giocatore anche un'ammenda di 2.000,00 euro) e Cardinale (Crotone). Una giornata di stop per Bernini (Perugia, per il giocatore ammenda di 1.000,00 euro), Tosto (Genoa), Anastasi (Catania), Briano, Galloppa, Pecorari e Minieri (Triestina), Coly (Perugia), Corona (Catanzaro), Cristiano, Monticciolo e De Martis (Ascoli), Garcia (Venezia), Groppi (Cesena), Santoruvo (Bari). Per quanto riguarda le società inflitte ammende a Catania (6.000,00 euro), Catanzaro (4.000,00), Salernitana (2.500,00), Arezzo (1.500,00) e Vicenza (1.250,00).
Il giudice sportivo della Lega di serie C, Giuseppe Quattrocchi, ha squalificato in C1 29 giocatori. Per quattro giornate Minetti (Reggiana) «per aver colpito con un pugno un avversario a gioco fermo provocandogli fuoriuscita di sangue» e Voria (Benevento) «per uno schiaffo ad un avversario; espulso, si avvicinava ad un assistente arbitrale spingendolo e rivolgendogli espressioni ingiuriose».
Per due giornate sono stati squalificati Bussi (Lanciano) e Dato (Pro Patria), per una Marruocco e Pagliarulo (Foggia), Lolli (Lanciano), Ouchene (Prato), Criaco (Avellino), Arno e Zaccagnini (Frosinone), Milana, Pirri e Selva (Spal), Pittilino (Acireale), Belle, Bianchini e Breschi (Grosseto), Campana e De Florio (Reggiana), Cigarini (Sambenedettese), Dicecco (Chieti), Borriero (Cittadella), Ranalli (Giulianova), Tassone (Martina), Cusaro (Novara), Tramezzani (Pro Patria), Nocerino (Benevento) e Balleello (Vis Pesaro). Squalificato per una giornata l'allenatore del Prato, Giancesare Discepoli. Ammonito con diffida l'allenatore del Padova, Renzo Ulivieri.
Ammoniti con diffida: Moro (Foggia), Trevisan (Giulianova), Stancanelli (Cittadella), Corrent (Napoli), Annoni e Valtolina (Pro Patria), D'Andrea (Avellino), Noviello (Lucchese), Quintavalla (Lumezzane), Ciminari (Martina), Statuto (Padova), Fasano (Pavia), Benito (Pistoiese), Morello (Reggiana), Dangelo (Rimini), Stamilla (Sangiovannese) e Manni (Sassari Torres).
Ammende a società: Sambenedettese 5000 euro «per minacce alla terna arbitrale da parte di un gruppo di sostenitori e per diretta responsabilità della società sulla presenza di numerose persone non autorizzate in prossimità degli spogliatoi, con atteggiamenti aggressivi e intimidatori nei confronti dei calciatori ospiti, uno dei quali veniva colpito al viso da uno schiaffo"; Vittoria 5000 euro «per frasi ingiuriose verso gli assistenti arbitrali da parte di una persona non identificata, penetrata abusivamente nel recinto di gioco, che colpiva con un calcio un assistente arbitrale e successivamente tentava di aggredire l'arbitro"; Pro Patria 3000 euro «per grida ed espressioni razziali nei confronti di un calciatore di colore della squadra avversaria», Napoli 2000, Teramo 1250, Sora 1000, Sassari Torres 300.
In merito al preannuncio di reclamo inoltrato dal Benevento sull'esito della gara Reggiana-Benevento, il giudice soprassiede ad ogni decisione in merito.
In C2 sono stati squalificati per una giornata per Castelli e Morello (Gela JT), Gambuzza (Igea Virtus Barcellona), Apuzzo e Vadacca (Manfredonia), David (Rende), Caputo (Vigor Lamezia), Vittorio (Potenza).
Squalificati per due gare il medico del Gela JT, Giovanni Nerbone e il massaggiatore della Juve Stabia, Massimiliano Parisi. Per una giornata sono stati squalificati gli allenatori Dario Bonetti (Potenza) e Pasquale Visconti (Manfredonia).
Ammende a società: Juve Stabia 4000 euro «per fitto lancio di oggetti in campo - tra cui bottiglie anche piene, accendini e monete - che rendeva necessario l'intervento delle forze dell'ordine»; Gela JT 3000 euro, Nocerina 1750, Manfredonia 750.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione