Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 07:58

Il tecnico del Lecce «Ritmi molto alti per fermare il Milan»

LECCE – Sarà un Lecce-Milan con metà dello stadio di via del Mare vuoto quello di domani all’ora di pranzo. La prevendita va a rilento, a causa anche del caro-prezzi e dell’orario insolito, e sinora sono stati staccati circa 9.000 tagliandi (circa 2.000 ai rossoneri). Il Lecce proverà ad esorcizzare il Diavolo ma pesa il pessimo rendimento casalingo (tre sconfitte di fila in campionato). Eusebio Di Francesco: «Bisogna tirare fuori qualcosa in più, nella corsa e nella cattiveria agonistica, che è aumentata a Genova, ma sotto questo aspetto possiamo fare di più»
• Corvia unica punta
Il tecnico del Lecce «Ritmi molto alti per fermare il Milan»
LECCE – Sarà un Lecce-Milan con metà dello stadio di via del Mare vuoto quello di domani all’ora di pranzo. La prevendita va a rilento, a causa anche del caro-prezzi e dell’orario insolito, e sinora sono stati staccati circa 9.000 tagliandi (circa 2.000 ai rossoneri). 

Il Lecce proverà ad esorcizzare il Diavolo ma pesa il pessimo rendimento casalingo (tre sconfitte di fila in campionato). Eusebio Di Francesco prova a indicare la strada: «Bisogna tirare fuori qualcosa in più, nella corsa e nella cattiveria agonistica, che è aumentata a Genova, ma sotto questo aspetto possiamo fare di più. Per tenere testa al Milan ci vorranno ritmi alti da parte nostra. Ai miei attaccanti ho chiesto di osare e cercare l’uno contro uno, per creare superiorità o calci piazzati». 

Di Francesco cerca la soluzione per venire a capo di una gara che si preannuncia quanto mai ostica. «La mia idea – spiega - è che alle spalle di un risultato ci debba essere una prestazione. Il Milan ha dei giocatori di grandissima qualità, effettuano una spinta costante con i terzini, con Abate che è cresciuto davvero tanto. La difficoltà maggiore sarà fronteggiare l’inserimento dei loro centrocampisti e mezze ali, che creano problemi alle difese avversarie». «In settimana, quando prepari gare del genere – insiste l’allenatore – è giusto soffermarsi maggiormente sui particolari, perchè sono proprio quelli che possono fare la differenza. Dalla mia squadra mi aspetto la predisposizione ad essere corti ed equilibrati, per poter dare a loro meno possibilità nel palleggio, dove sono molto forti». «In questa settimana – aggiunge – i miei ragazzi hanno detto delle cose giuste: dobbiamo correre il doppio rispetto ai rossoneri».
In chiave formazione, Di Francesco confessa di avere ancora un paio di dubbi, ma l’impressione è che confermi lo stesso schieramento di domenica scorsa a Genova. Ancora Benassi tra i pali (Julio Sergio non è stato convocato per via di problemi muscolari), solita difesa a quattro e rombo a centrocampo, con Grossmuller alle spalle del duo Corvia-Pasquato. 

Nei 18 precedenti tra Lecce e Milan, il bilancio è di una vittoria per i giallorossi (aprile 2006, 1-0 con rete di Konan), 10 pareggi (l'ultimo la scorsa stagione, 1-1 con reti di Ibrahimovic ed Olivera) e 7 vittorie per il Milan (ultima vittoria in casa Lecce datata gennaio 2002, con rete di Josè Mari).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione