Cerca

Genoa-Lecce 0-0 giocata sotto rete

GENOVA – Nella domenica dei pareggi anche al Ferraris finisce 0-0 tra Genoa e Lecce, in una partita giocata quasi a una porta dai padroni di casa. Pari giusto alla fine, perchè il capocannoniere Palacio ha giocato mille palloni ma non ha trovato il guizzo vincente, il talento rossoblù Jorquera ha colpito un palo ma non ha trovato varchi nella giungla di gambe avversarie, e il portiere pugliese Benassi ha fatto parate importanti.
Genoa-Lecce 0-0 giocata sotto rete
GENOVA – Nella domenica dei pareggi anche al Ferraris finisce 0-0 tra Genoa e Lecce, in una partita giocata quasi a una porta dai padroni di casa. Pari giusto alla fine, perchè il capocannoniere Palacio ha giocato mille palloni ma non ha trovato il guizzo vincente, il talento rossoblù Jorquera ha colpito un palo ma non ha trovato varchi nella giungla di gambe avversarie, e il portiere pugliese Benassi ha fatto parate importanti. 

Il punto serve molto al Lecce, reduce da tre sconfitte consecutive, e un pò meno al Genoa che dopo due partite perse cercava la vittoria per fare un salto in classifica notevole. 

La gara ha evidenziato la mancanza di un centravanti prolifico tra le file della squadra di Malesani. Caracciolo lotta senza sosta, non risparmia alcune ottime giocate, ma un pò per mancanza di precisione dei compagni, un pò perchè l'intesa è lontana, non è mai pericoloso. 

Il Lecce ha invece rifatto ordine nel suo gioco mostrando tra l'altro un’ottima difesa, su tutti Esposito e Tomovic, ex genoani, implacabili davanti e dentro l’area. 

Malesani ha lasciato in panchina Jorquera (entrato a metà ripresa) e Seymour mentre Constant, diventato papà ieri, è addirittura in tribuna. Di Francesco ha messo il talento Pasquato e Ofere in avanti.
Gli episodi nel primo tempo sono tutti per i rossoblù che ha impegnato il portiere con Merkel, Rossi e Veloso. Sul finire Palacio viene atterrato al limite ma il poco brillante arbitro Gava lascia correre. 

Nella ripresa la musica non cambia e la paura di subire gol del Lecce unita ad una sterilità offensiva dei rossoblù mantengono il risultato inchiodato sullo 0-0. Ci provano Palacio e Jorquera ma senza esito. I pugliesi sprecano alcuni contropiede ben giocati fino alla trequarti e sfumati per imprecisione al limite. Al 35', il Genoa rimane in dieci quando Gava fischia un fallo di Antonelli. Kaladze protesta e viene ammonito, dice una parola di troppo e gli arriva il rosso. 

In dieci il Genoa ci prova ancora e in pieno recupero una punizione di Jankovic esalta le qualità di Benassi che respinge a pugni chiusi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400