Cerca

Cras Taranto scocca l'ora del debutto

TARANTO - Il Palazzo dello Sport di Lattes, sud della Francia, dirà le prime verità sul Cras 2011-2012. Dopo 40 giorni di preparazione, compresi otto test match (5 vinti e 3 persi), la formazione di Roberto Ricchini giocherà per i primi punti della stagione in Eurolega di basket femminile, lanciando sul parquet un gruppo oliato negli anni, con le novità Sottana, Ballardini e Pascalau. L’avversario-verità è il Lattes Montpellier Agglomeration, vincitore a sorpresa dell’ultima Coppa di Francia. Il successo ha permesso alle transalpine di conquistarsi la seconda Eurolega della loro storia. Poi, domenica inizia la serie A1
Cras Taranto scocca l'ora del debutto
TARANTO -  Il Palazzo dello Sport di Lattes, sud della Francia, dirà le prime verità sul Cras 2011-2012. Dopo 40 giorni di preparazione, compresi otto test match (5 vinti e 3 persi), la formazione di Roberto Ricchini giocherà per i primi punti della stagione, lanciando sul parquet un gruppo oliato negli anni, con le novità Sottana, Ballardini e Pascalau. L’avversario-verità è il Lattes Montpellier Agglomeration, vincitore a sorpresa dell’ultima Coppa di Francia. Il successo ha permesso alle transalpine di conquistarsi la seconda Eurolega della loro storia.

Montpellier è il primo ostacolo del turno preliminare della terza Champions consecutiva del club tarantino, dopo gli storici ottavi e quarti, firmati col piemontese Ricchini in panchina. Questo il suo pensiero alla vigilia del viaggio francese: «Il passato, seppur bello, è alle spalle. Adesso tuffiamoci in questa nuova avventura, che ci piazzerà davanti un avversario duro, come ha dimostrato nel suo avvio sprint in campionato con 3 vittorie di fila. Loro, rispetto a noi, hanno nelle gambe l’agonismo. Per colmare il gap dovremmo dare il massimo in termini di cattiveria, cercando di dare buona forma alla tattica». Mercoledì a Lattes (palla a due alle 20), scatterà il primo match del gruppo preliminare C dell’Eurolega.

Si tratta del battesimo della manifestazione continentale rivoluzionata dalla formula. La Fiba, per puntare alla spettacolarità, oltre che vestire le atlete con abiti più aderenti (imitando il volley), ha diviso le 23 squadre partecipanti (una in meno, a causa della rinuncia di Riga) in due gironi da 8 (tra cui quello di Taranto, che disputerà 14 match sino al 1° febbraio) ed uno da 7. Le prime 4 accederanno ai playoff, con il turno unico al meglio dei 3 match che decreterà 7 delle 8 squadre partecipanti alla prima final eight dell’Eurolega, che si terrà su un solo campo (sede da assegnare entro questo mese) del club ospitante che sarà l’ottava finalista, dal 28 marzo al 1° aprile.

«Puntiamo alle finali – evidenzia Ricchini - ma per centrarle dovremo sudare molto. Il nostro gruppo è duro ma non impossibile, come quello A, nel quale ci sarà guerra tra i colossi Valencia, Ekaterinburg, Bourges e Galatasaray». Proprio quest’ultimo, il club turco, ha «collaudato» Taranto nella Gs Store Cup di Istanbul di una settimana fa. Nel torneo internazionale le crassine hanno mostrato vitalità contro la squadra di casa, perdendo di 4 punti, dopo aver condotto il match per circa 30’. Brillante, successivamente, il primo tempo delle joniche contro Orenburg (altra forza dell’Eurolega), che si è imposta nella ripresa col +18 finale. A mani basse il successo (+23) contro l’University Istanbul.

«La preparazione è stata intensa - commenta Ricchini -, ora contano le partite. Andiamo in Francia convinti del buon lavoro sinora fatto, ma partiamo con lo svantaggio dell’assenza di Mahoney, che lamenta noie muscolari. Dalle sue compagne mi aspetto la prima grande risposta della stagione».

Dopo la prova generale di Montpellier, il Cras domenica nell’Opening Day di Cervia, affronterà Schio. È il sequel della finale-scudetto 2011 che ha visto le orange imporsi a gara 5 dopo una serie thrilling, ad aprire la stagione italiana.

a. sal.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400